Tigna nei conigli - Contagio e trattamento

Vedi Token di conigli

È noto a tutti che accogliere un cane o un gatto come animale domestico nella nostra casa richiede una grande responsabilità, ma oggi ci sono molti più animali che svolgono perfettamente il ruolo di animale domestico, compresi i conigli.

Lontano da ciò che inizialmente si potrebbe credere, accogliere un coniglio rappresenta anche una grande responsabilità, dal momento che si tratta di animali che richiedono anche determinate cure per evitare numerose patologie che possono influenzarli.

In questo articolo ti mostriamo tutte le informazioni che devi sapere sull'infezione e sul trattamento della tigna nei conigli, una malattia dermatologica e infettiva che colpisce una grande diversità di mammiferi.

Cos'è la tigna

La tigna, nota anche come dermatofitosi o dermatatomicosi, è una malattia che colpisce la pelle ed è causata da un fungo, in questo caso stiamo affrontando una delle poche malattie che possono essere trasmesse da un animale a un essere umano. I funghi che causano la tigna nei conigli possono essere diversi, anche se il più comune è il trichophyton mentagrophytes .

In alcune occasioni, la tigna si presenta come una malattia auto-limitata, cioè che senza alcun intervento può curarsi da sola poiché il suo decorso non deve essere indefinito, ma è limitato, tuttavia il trattamento è sempre raccomandato per prevenire un'estensione. o un aggravamento delle lesioni cutanee.

Ricorda che i cani possono anche soffrire di tigna, quindi se hai un altro animale domestico in casa dovresti separarli per prevenire, ad esempio, il tuo gatto soffre di tigna.

Contagio di tinea nei conigli

La diffusione della tigna nei conigli avviene attraverso una forma di microrganismo nota come spora. Le spore passano da un animale infetto all'ambiente e possono sopravvivere nell'ambiente per un periodo approssimativo di 18 mesi.

Le spore possono infettare materiale inerte (gabbie o accessori), in modo che il contagio si verifichi attraverso il contatto con questo materiale infetto o attraverso il contatto diretto con un altro animale che è già affetto dalla malattia. Alcuni animali sono portatori di questo microrganismo ma non sviluppano la malattia, quindi non mostrano sintomi, ma fungono anche da fonte di infezione.

I giovani conigli o quelli sotto stress sono più sensibili a questo tipo di microrganismo.

Sintomi di tigna nei conigli

Se il nostro coniglio soffre di un'infezione della pelle fungina e finisce per sviluppare tigna, possiamo osservare i seguenti sintomi:

  • Zone del corpo con perdita di capelli e pelle secca e squamosa
  • Lesioni dermatologiche che si diffondono ad altre aree della pelle
  • Lesioni dermatologiche che acquisiscono un colore rossastro
  • Sintomi di prurito e disagio
  • Ferite da graffi dell'animale con possibile infezione batterica secondaria

Se osserviamo nel nostro coniglio uno di questi sintomi, dobbiamo andare dal veterinario al più presto in modo che possa verificare la diagnosi e indicare il trattamento più appropriato.

Diagnosi e trattamento della tigna nei conigli

Esistono diversi metodi per diagnosticare la tigna, tuttavia il più affidabile è eseguire una piccola estrazione delle squame e delle croste presenti nella lesione per eseguire successivamente una coltura che indicherà quale tipo di microrganismo sta causando la malattia dermatologica.

Il trattamento della tigna nei conigli può variare a seconda del caso specifico, poiché in diverse occasioni il coniglio può riprendersi senza la necessità di un trattamento farmacologico, solo con cambiamenti nel suo ambiente più vicino e un adeguato taglio del mantello che dovrebbe essere sempre portato a fuori da personale qualificato.

Nel caso in cui si richieda un trattamento farmacologico, verranno utilizzati antifungini, il miconazolo o il clotrimazolo saranno quelli scelti per eseguire un trattamento topico, sebbene l'itraconazolo venga generalmente usato per via orale.

Ricorda che solo il veterinario è la persona indicata per prescrivere un trattamento e indicherà la durata del trattamento, anche se generalmente questo dovrebbe essere continuato per 2 settimane dopo la scomparsa delle lesioni o fino a quando i test di coltura sono negativi per la presenza di funghi .

Evita il contagio per l'uomo

La tigna è una zoonosi, quindi può essere diffusa da un animale a una persona, essendo particolarmente vulnerabile quelle persone con un sistema immunitario depresso, che può verificarsi se si seguono trattamenti chemioterapici o se si soffre di HIV o AIDS.

È sempre importante maneggiare il coniglio con i guanti e lavarsi le mani correttamente dopo ogni manipolazione.

Questo articolo è puramente informativo, in milanospettacoli.com non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti veterinari o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili a La tinea nei conigli - Contagio e trattamento, ti consigliamo di andare alla nostra sezione Altri problemi di salute.

Raccomandato

Bug peloso
2019
Malattie respiratorie nei cani
2019
Gli animali più pericolosi al mondo
2019