Rapaci notturni - Nomi ed esempi

Vedi i file dei gufi

I rapaci notturni appartengono all'ordine dello Strigiform, che è diviso in due famiglie, gli strigidi o strigidi familiari, composti da gufi, autillos, gufi, ecc. E la famiglia tytonidae o titoni, i gufi.

Questi uccelli hanno usanze notturne o crepuscolari, condividendo il tempo e lo spazio con altri uccelli notturni non predatori, come quelli appartenenti all'ordine Caprimulgiformes, come i chotacabras o gli urutaús, questi ultimi sono uccelli americani.

L' elenco delle specie di rapaci notturni è molto ampio, quindi in questo articolo di milanospettacoli.com presentiamo brevemente i tipi di rapaci notturni esistenti e le loro caratteristiche principali.

Caratteristiche dei rapaci notturni

Gli uccelli notturni, specialmente se sono predatori, come i rapaci, dovrebbero avere una forte azione furtiva come caratteristica principale, oltre ad altre caratteristiche adattate alla predazione. Pertanto, come i rapaci diurni, gli artigli e i becchi di questi uccelli sono fortemente curvi e affilati.

Questi uccelli hanno anche una serie di peculiarità che li rendono completamente adattati al loro ambiente, come i loro grandi occhi, completamente addestrati a vedere al buio. Le loro orecchie sono perfettamente progettate per rilevare le prede, infatti, non sono alla stessa altezza rispetto alla testa e hanno un orientamento diverso, al fine di percepire i suoni da tutte le direzioni . Inoltre, possono girare la testa di quasi 270 gradi.

Durante il giorno, quando i rapaci notturni riposano, possono farlo nei rami degli alberi o nelle cavità o anche nelle cassette per i rapaci notturni, anche se nella maggior parte dei casi, queste cassette vengono utilizzate solo durante la stagione riproduttiva. Il giorno è il momento in cui questi uccelli sono vulnerabili, il sole li disturba molto ai loro occhi e devono rimanere nascosti, quindi il loro piumaggio è molto enigmatico, permettendo loro di passare inosservati.

Come abbiamo detto all'inizio, i rapaci notturni sono molto furtivi, questo grazie alla forma delle loro piume di volo . Queste piume sono i resti, quelli primari che escono dalla mano, quelli secondari dell'avambraccio e quelli terziari della parte dell'ala più vicina al corpo.

Il bordo esterno delle primarie viene deviato, causando il passaggio del vento in modo laminare senza creare vortici, riducendo il rumore . D'altra parte, il bordo interno delle remiges ha una frangia setosa che riduce la turbolenza e, infine, la superficie di queste piume ha un aspetto molto morbido, a causa della presenza di strutture chiamate barbicelle .

Successivamente, vedremo i gruppi di rapaci notturni e i loro nomi:

Nomi di rapaci notturni

I rapaci notturni possono essere divisi in diversi gruppi in base al genere di appartenenza. Quindi, troviamo i gufi reali o i gufi cornuti (genere Bubo ), i gufi dalle orecchie (genere Asio ), i carabini (genere Strix ), i surninos o i gufi (genere Athene, Glaucidium, Micrathene, Xenoglaux e Aegolius ) e autillos o tecolotes (genere Otus ). Tutta la famiglia degli strigidi. D'altra parte, abbiamo i gufi, dei tytonidae della famiglia.

Gufi reali o gufi cornuti (genere Bubo )

I gufi reali o i gufi cornuti (genere Bubo ) sono i più grandi rapaci notturni, con un peso di oltre 1 chilogrammo. Come al solito nei rapaci, le femmine sono generalmente più grandi del maschio, essendo questo personaggio l'unico dimorfismo sessuale.

Esistono circa 20 specie di gufi, sparse in tutto il pianeta ad eccezione dell'Antartide. Sono caratterizzati dall'avere pennacchi di piume sulla testa, sebbene alcune specie come il gufo delle nevi, Bubo scandiacus, (precedentemente incluso in un altro genere) lo abbiano perso. Sono uccelli rapaci, ampiamente utilizzati nella falconeria, di solito si nutrono di piccoli vertebrati e cacciano sempre di notte.

Alcune delle specie di gufo sono:

  • Gufo reale euroasiatico ( Bubo bubo )
  • Gufo reale macchiato ( Bubo africanus )
  • Gufo reale di Cenerentola ( Bubo cinerascens )
  • Gufo malese ( Bubo sumatranus )
  • Grande gufo cornuto ( Bubo virginianus )
  • Gufo del capo ( Bubo capensis )

Gufi comuni (genere Asio )

I gufi comuni (genere Asio ) sono distribuiti in tutti i continenti tranne l'Antartide e l'Oceania. La specie Asio flammeus o barbagianni è la più diffusa. Sono uccelli di taglia media, più piccoli dei gufi reali ma più grandi di altri rapaci notturni.

Hanno anche pennacchi sulla testa, ma la loro caratteristica più sorprendente è che hanno una faccia a forma di disco . Sebbene appartengano al gruppo dei rapaci notturni, questi animali sono piuttosto crepuscolari.

Le specie di gufi comuni sono:

  • Civetta ( Asio otus )
  • Gufo abissino ( Asio abyssinicus )
  • Gufo malgascio ( Asio madagascariensis )
  • Gufo moresco o mora ( Asio capensis )
  • Gufo di campagna o gufo di campagna ( Asio flammeus )
  • Gufo nero ( Asio stygius )

Carabos (genere Strix )

I Carabos (genere Strix) hanno una dimensione media. Sono caratterizzati dall'avere dischi facciali, testa molto arrotondata, nessun ciuffo sulla testa e la maggior parte delle specie ha gli occhi neri . Sono molto notturni, specializzati nella caccia al buio. Vivono in foreste e giungle in tutto il mondo.

Come quasi tutti i gufi, nidificano in cavità naturali di alberi, rocce, scogliere, nidi abbandonati di grandi uccelli, nidi e persino a terra, sotto cespugli o alberi. Sono monogami e bígamos.

Esistono più di 20 specie di carab, molte delle quali suddivise in più sottospecie:

  • Carruba nordamericana ( Strix varia )
  • Uranus Carabus ( Strix uralensis )
  • Gufo marrone e marrone ( Strix virgata )
  • Tawny comune ( Strix aluco )
  • Ragnatela guatemalteca ( Strix fulvescens )
  • Lapon Lapix ( Nebulosa Strix )
  • Carruba africana ( Strix woodfordii )

Nippininos o gufi (genere Athene, Glaucidium, Micrathene, Xenoglaux ed Aegolius )

Nomininos o gufi (sottofamiglia Surniinae) sono piccoli gufi che di solito non misurano più di 28 centimetri di lunghezza. Hanno un corpo arrotondato con un aspetto grassoccio. Il piumaggio è di solito marrone molto chiazzato. Vivono in Eurasia, America e Africa, essendo assenti in Oceania e Antartide. Si nutrono principalmente di insetti, sebbene possano anche catturare micromamiferi.

Le specie di gufo sono divise in cinque generi:

1. Genere Atena :

  • Civetta delle tane ( Athene cunicularia )
  • Brahman Owl ( Athene brama )
  • Gufo europeo ( Athene noctua )

2. Genere Glaucidio :

  • Gufo alpino ( Glaucidium passerinum )
  • Mochuelo o Andure caburé ( Glaucidium jardinii )
  • Gufo di cuculo ( Glaucidium cuculoides )
  • Gufo pernambucano caburé ( Glaucidium mooreorum )

3. Genere Micrathene (una singola specie):

  • Gufo dei saguari ( Micrathene whitneyi )

4. Genere Xenoglaux (una singola specie):

  • Hairy Owl2 ( Xenoglaux loweryi )

5. Genere Aegolius :

  • Gufo comune ( Aegolius acadicus )
  • Gufo del Nord ( Aegolius funereus )
  • Gufo di cannella ( Aegolius harrisii )
  • Brown Owl ( Aegolius ridgwayi )

Autillos o gufi (genere Otus )

Autillos o gufi (genere Otus ) sono uccelli estremamente criptici, che scompaiono completamente quando si trovano accanto a un tronco. Hanno pennacchi in testa. Si nutrono di animali invertebrati, cacciano raramente i mammiferi.

Sono piccoli uccelli, lunghi circa 20 centimetri e di solito non pesano più di 100 grammi, con qualche eccezione, come il gufo Mindanao ( Otus gurneyi ), che misura circa 30 centimetri. Sono uccelli monogami. Più di 50 specie di autillos sono conosciute, diffuse in tutto il mondo, tranne l'Antartide e l'Oceania.

Alcune di queste specie sono:

  • Uso europeo ( Otus scops )
  • Uso cinese ( Otus lettia )
  • Indian Autillo ( Otus bakkamoena )
  • Uso orientale ( Otus sunia )
  • Frentiblanco ( Otus sagittatus )
  • Persiano Autillo ( Otus brucei )
  • Autillo africano ( Otus senegalensis )

Barbagianni (generi Tyto e Phodilus )

I gufi (generi Tyto e Phodilus ) sono uccelli medio-grandi. Una delle sue caratteristiche principali è il suo disco facciale a forma di cuore. Le specie del genere Tyto non hanno ciuffi sulla testa, a differenza di quelle del genere Phodilus, che hanno.

Di solito hanno un piumaggio bianco, beige o marrone. Si trovano in tutti i continenti, evitando le aree polari o desertiche. Si nutrono di piccoli vertebrati e possono cacciare nell'oscurità totale. La specie di gufo più studiata è il barbagianni o gufo campana ( Tyto alba ).

Altre specie di gufi sono:

  • Owl face ash ( Tyto glaucops )
  • Gufo macchiato ( Tyto multipunctata )
  • Gufo spaventoso ( Tyto tenebricosa )
  • Gufo comune ( Tyto longimembris )
  • Gufo di Taliabu ( Tyto nigrobrunnea )
  • Gufo cornuto ( Phodilus badius )
  • Gufo del Congo ( Phodilus prigoginei )

Elenco dei rapaci notturni iberici

Nella penisola iberica possiamo trovare 8 specie di rapaci notturni. Una delle specie appartenenti alla famiglia dei tytonidae e sette alla famiglia degli strigidi.

I titónido:

  • Barbagianni ( Tyto alba )

Estrígidos:

  • Uso europeo ( Otus scops )
  • Gufo reale ( Bubo bubo )
  • Gufo europeo ( Athene noctua )
  • Carruba comune ( Strix aluco )
  • Civetta ( Asio otus )
  • Gufo di campagna ( Asio flammeus )
  • Gufo boreale ( Aegolius funereus )

Scopri anche su milanospettacoli.com le differenze tra gufo e gufo.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Rapaci notturni - Nomi ed esempi, ti consigliamo di entrare nella nostra sezione Curiosità del mondo animale.

bibliografia

BioExpedition. (2014). Gufi e gufi - informazioni e caratteristiche. Disponibile su: //www.owlworlds.com/es//?s=mochuelo&x=0&y=0

BirdLife International (2015). Bubo bubo. Elenco rosso IUCN delle specie minacciate 2015: e.T22688927A59996806.

BirdLife International (2016). Asio Flammeus. Elenco rosso IUCN delle specie minacciate 2016: e.T22689531A93234548.

BirdLife International (2016). Strix aluco. Elenco rosso IUCN delle specie minacciate 2016: e.T22725469A86871093.

BirdLife International (2016). Tyto Alba Elenco rosso IUCN delle specie minacciate 2016: e.T22688504A86854321.

BirdLife International (2018). Otus scops. Elenco rosso IUCN delle specie minacciate 2018: e.T22688643A133400546.

Martínez Climent, JA, Zuberogoitia, I. e Alonso, R. (2002). PASSAGGI DI NOTTE. Guida per la determinazione dell'età e del sesso negli strigiformi iberici. Edizioni Montícola.

Raccomandato

Marketing ecologico
2019
Cancro della pelle nei cani - Sintomi e trattamento
2019
Come vedono i cani?
2019