Quali sono gli inquinanti dell'acqua

L'acqua è un elemento essenziale per la vita degli esseri viventi. Molte delle attività umane hanno bisogno di acqua come l'industria, l'agricoltura, l'allevamento e le case. Allo stesso tempo, queste attività riducono la quantità di acqua disponibile per il consumo e soprattutto la sua qualità. Esistono migliaia di sostanze che inquinano l'acqua e mettono in pericolo gli ecosistemi acquatici e la sopravvivenza di molte specie.

Se vuoi sapere di più su quali sono gli inquinanti dell'acqua, spiegheremo quelli più importanti.

Elenco dei principali inquinanti idrici

Per iniziare, a titolo di schema o sintesi, forniamo un elenco dei principali inquinanti dell'acqua, sia sotterranea che superficiale, sia dolce che salata.

  • delle acque reflue.
  • Metalli pesanti.
  • Radioattività.
  • Pesticidi.
  • Idrocarburi.
  • Microrganismi patogeni
  • Inquinanti emergenti

Nelle righe seguenti, discuteremo in dettaglio ciascuno di questi tipi di inquinanti acquatici .

Acque reflue che contaminano l'acqua e il suolo

La maggior parte delle attività umane genera acque reflue che non possono essere restituite agli ecosistemi acquatici senza prima trattarle. Queste acque possono variare da abbondanti quantità di materia organica, oli o grassi a sostanze molto tossiche e dannose per l'ambiente come metalli pesanti o prodotti chimici dell'industria.

Sebbene normalmente, le acque reflue vengano raccolte negli impianti di trattamento delle acque, in molti casi i trattamenti non sono sufficienti. In altri casi, le popolazioni e le industrie scaricano le acque reflue direttamente nei fiumi o in altri ecosistemi acquatici sia perché non hanno impianti di trattamento, sia perché è più economico smaltire rifiuti non trattati o per possibili fuoriuscite o perdite.

Una delle conseguenze più importanti è l'eutrofizzazione dell'acqua dovuta all'aumento dei nutrienti, in particolare azoto e fosforo (detergenti, ad esempio) e la quantità di materia organica.

Metalli pesanti, uno dei peggiori inquinanti dell'acqua

La sua presenza è strettamente legata all'industria e all'industria mineraria. La contaminazione da metalli pesanti comprende metalli come cromo, rame, cadmio, mercurio, piombo e argento; e metalloidi come arsenico o selenio. La sua esistenza in acqua può mettere in pericolo la salute umana e quella di altri esseri viventi a causa della sua estrema tossicità. Possono avere effetti neurotossici, mutageni, teratogeni e, inoltre, possono indurre cancro e difetti congeniti, tra gli altri risultati.

Per saperne di più su questo argomento, ti consigliamo di leggere questo altro articolo in cui parliamo di come si verifica l'inquinamento da metalli pesanti nell'acqua.

Radioattività nell'acqua: un contaminante idrico mortale

È principalmente dovuto a perdite o incidenti in centrali nucleari o centrali nucleari o allo smaltimento intenzionale di scorie radioattive, riferite a scorie naturali senza controllo, non a cimiteri nucleari in cui, in linea di principio, sono controllate.

È un raro tipo di contaminazione ma molto pericoloso se succede, perché è estremamente difficile contenere e riparare i danni causati.

Va tenuto presente che gli effetti dannosi di questo contaminante dipenderanno da diversi fattori come la dose o la quantità di materiale radioattivo, la sensibilità di ogni persona o animale, nonché l'esposizione a questo materiale, sia a distanza che con una protezione maggiore o minore. .

Può produrre da effetti acuti e meno gravi, come malessere, vomito, diarrea, perdita di capelli e ustioni della pelle, fino alla colpevolezza di problemi di salute gravi e a lungo termine o cronici, come malformazioni fetali, diversi tipi di cancro ( in particolare il cancro alla tiroide e la leucemia), lesioni che non guariscono o piaghe, causano aborti a causa dell'avvelenamento della madre e del feto, tra molti altri effetti, in quanto produce cambiamenti nella struttura delle cellule esposte alla contaminazione.

Tuttavia, è importante notare che la dose e il tipo di esposizione sono fondamentali, perché sebbene questi siano gli effetti negativi di una grande esposizione o quantità, è vero che la radioattività è presente nel nostro ambiente in diversi modi, viene utilizzata come trattamento per il cancro (radioterapia) ed è anche usato nelle radiografie, qualcosa di molto comune.

Inoltre, qui lo mettiamo in relazione con l'essere un inquinante dell'acqua, ma se c'è un incidente o una fuoriuscita diventa un inquinante dell'intero ambiente in un'area più o meno concreta.

Pesticidi che inquinano l'acqua

I pesticidi comprendono una vasta gamma di insetticidi, erbicidi e fungicidi . Normalmente sono usati in agricoltura per combattere i parassiti degli insetti, ma sono anche usati nelle fattorie e negli animali domestici per prevenire infezioni e altre malattie. Queste sostanze possono raggiungere fiumi, laghi e acque sotterranee mediante lisciviazione, deflusso superficiale soprattutto dopo la pioggia o l'infiltrazione nel terreno. Molti di questi pesticidi sono stati messi al bando a causa dei loro effetti pericolosi sulla salute umana come organocloro e insetticidi organofosforici (ad esempio DDT).

Sebbene ne siano stati sviluppati altri che potrebbero essere meno dannosi per la salute e gli ecosistemi a causa della loro specificità (piretroidi, neonicotinoidi), la verità è che molti dei suoi effetti devono ancora essere scoperti. Allo stesso modo, potrebbero essere tossici e danneggiare la salute degli ecosistemi acquatici e degli esseri viventi, compresi gli esseri umani.

idrocarburi

Idrocarburi come benzina, diesel o petrolio, tra gli altri, sono molto inquinanti. Possono raggiungere gli ecosistemi a causa di sversamenti, come quello in Galizia nel 2002, quando una petroliera (El Prestige ) affondò al largo della costa, rilasciando tonnellate di petrolio; Così queste fuoriuscite, accidentali o meno, diventano catastrofi naturali causate dall'uomo. D'altra parte, quando piove, l'acqua pulisce le strade e le strade e, quindi, può trascinare fiumi, laghi, zone umide e acque sotterranee di macchie d'olio che potrebbero esserci.

A seconda del tipo di idrocarburo (volatile, leggero o pesante), questo può essere più o meno difficile da eliminare, ma le conseguenze per l'ambiente sono molto dannose e gli ecosistemi richiedono molto tempo per recuperare, in molti casi superiori a dieci anni. Possono avere diversi effetti tossici sugli organismi a seconda del tipo e della quantità di idrocarburi e possono persino morire di soffocamento nel caso delle maree nere, ma non solo è il danno agli organismi, anche numerosi habitat vengono distrutti e possono persino influenzare attività socioeconomiche delle aree interessate.

Microrganismi patogeni

Nell'acqua ci sono anche molti microrganismi che possono o meno essere tossici per l'uomo.

Tuttavia, attività come l'allevamento intensivo o l'inquinamento provocato dalle acque reflue possono aumentare il numero di microrganismi patogeni nell'acqua, come batteri coliformi ed enterobatteri. La sua presenza nell'acqua indica che c'è stata contaminazione da feci e / o rifiuti animali e umani . Il consumo di acqua contaminata da questo tipo di organismi può portare a gravi problemi di salute come diarrea, infezioni e persino la morte, come accade, sfortunatamente, in molti paesi sottosviluppati.

Inquinanti dell'acqua che stanno emergendo o nuovi

Gli inquinanti emergenti sono quei contaminanti finora sconosciuti o non riconosciuti come tali. La presenza nell'ambiente di inquinanti emergenti, in molti casi non è nuova, ma sono a concentrazioni così basse che in passato non sono state rilevate. Attualmente, con lo sviluppo di nuove tecniche e metodi analitici è possibile rilevarle e quantificarle nell'ambiente.

Tra gli inquinanti emergenti ci sono prodotti di uso quotidiano. Ecco alcuni esempi di inquinanti emergenti :

  • Farmaci (ibuprofene, paracetamolo, antibiotici).
  • Composti perfluorurati (padelle antiaderenti, carte per alimenti, prodotti per la pulizia, schiume antincendio).
  • Ormoni.
  • Droghe di abuso
  • Prodotti per l'igiene e la cura personale.
  • A questo elenco sono state recentemente aggiunte nanoparticelle e microplastiche.

nanoparticelle

Le nanoparticelle sono microscopiche, dell'ordine del miliardesimo di metro e di solito misurano tra 1 e 100 nanometri. Attualmente, questi sono prodotti da materiali diversi e per scopi diversi. Si possono trovare nell'abbigliamento sportivo allo scopo di impedire che i cattivi odori impregnino i tessuti, creme o creme solari, nell'industria delle costruzioni, così come nell'industria automobilistica o hanno anche un grande potenziale per diventare un veicolo per servire per trasportare farmaci che migliorano l'efficacia del trattamento. Le nanoparticelle possono essere di origine naturale (materia organica o materiali vulcanici), possono derivare dall'attività umana (emissioni di gasolio o fumo) o sono state appositamente fabbricate come nanomateriali di carbonio (fullereni, nanotubi) o metallici (nanoparticelle di oro, argento, ossidi metallici). Questi ultimi sono aumentati considerevolmente negli ultimi anni e sono stati persino trovati nelle acque reflue domestiche.

microplastiche

Infine, le microplastiche, o quelle che provengono dalla degradazione di altre materie plastiche o fabbricate in questo modo (glitter, particelle nei cosmetici, ecc.) Sono quelle di dimensioni inferiori a 1 mm. Sono stati rilevati in ecosistemi marini e d'acqua dolce. Possono influenzare il sistema endocrino dei pesci, possono ostruire le vie respiratorie e i sistemi digestivi di molti animali, possono causare ferite e infezioni e accumulare inquinanti presenti nell'ambiente aggravando il problema dell'esistenza della plastica nell'ambiente .

Qui spieghiamo di più su Cosa sono le microplastiche: definizione e tipi.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Quali sono gli inquinanti dell'acqua, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria Inquinamento.

Raccomandato

Rimedi domestici per la forfora nei gatti
2019
Cura di un gatto sphynx
2019
Malattie da piccione
2019