Quali materiali plastici vengono riciclati e quali no

Cosa devi fare per riciclare una plastica? Per cominciare, dobbiamo sapere se coloro che vogliono riciclare possono davvero trarre vantaggio da questo processo o meno, poiché a causa della loro natura o miscela, non tutti possono entrare nel processo di riciclaggio. Naturalmente, questo non significa che non puoi riutilizzarli a casa tua.

Esiste un modo per identificare e separare questi materiali: il codice di identificazione della plastica o il RIC ( codice di identificazione della resina ). È un codice che classifica questi materiali, quindi tutti devono essere contrassegnati con il simbolo e il numero corrispondenti. Se vuoi conoscere questo codice e imparare a separarli, continua a leggere, dove ti diciamo quali materiali plastici vengono riciclati e quali no .

Come viene riciclata la plastica e come viene utilizzata

Avrai notato ogni giorno che ci sono molti diversi tipi di plastica e che molti possono essere riciclati. Ma come viene riciclata la plastica ? In realtà, è un processo relativamente semplice, poiché la prima cosa che viene eseguita negli impianti di riciclaggio delle materie plastiche, una volta selezionati quelli che possono essere elaborati, è separarli in base al tipo di resina che è stata utilizzata per fabbricarli. Quindi, nella fase successiva del processo di riciclaggio, le possibili impurità che l'oggetto trasporta, come etichette e altri rifiuti, vengono rimosse, quindi frantumate e fuse per mescolare bene la resina. Il risultato sono sfere di resina che possono essere introdotte in macchine che producono oggetti in plastica, come bottiglie o scatole.

Se ti chiedi quale plastica riciclata viene utilizzata dopo questo processo, pensa praticamente a qualsiasi bottiglia, scatola, bottiglia o giocattolo che rechi di nuovo il codice di plastica riciclabile. È molto probabile che la bottiglia che si getta nel contenitore giallo finisca per essere un'altra nuova bottiglia.

Classificazione dei diversi tipi di plastica per il riciclaggio

Come vengono classificate le bottiglie di plastica, le bottiglie, i sacchetti, ecc.? Come abbiamo commentato, esiste il sistema di classificazione e codifica delle materie plastiche per essere in grado di gestirne il riciclaggio. Nell'immagine principale di questo articolo vediamo tutti i simboli che fanno parte di questo codice e che di solito sono stampati sulla base o sul lato dell'oggetto. Prendi nota del codice identificativo della plastica per la sua gestione e riciclaggio :

  • PET o PETE (polietilentereftalato) : indicato con il numero 1 . Questo tipo di materiale è molto presente nei nostri giorni perché è in bottiglie d'acqua, bibite e succhi di frutta, così come in contenitori per alimenti, perché è molto trasparente e impedisce l'ingresso di ossigeno. È uno dei più riciclati.
  • HDPE (polietilene ad alta densità) : indicato con il numero 2 . Tra i diversi tipi di polietilene questo è il più resistente grazie alla sua alta densità. Pertanto, viene spesso utilizzato in prodotti cosmetici, pulizie e alcuni alimenti, come i tetrabrick.
  • PVC (polivinilcloruro) : indicato con il numero 3 . È una delle materie plastiche più pericolose e si trova in cavi, tubature, grondaie, bottiglie e bottiglie di prodotti per la pulizia come detergenti liquidi e così via.
  • LDPE o PEBD (polietilene a bassa densità) : indicato con il numero 4 . Essere a bassa densità è la forma di polietilene più elastica. È utilizzato in involucri di plastica, sacchetti, bottiglie di plastica morbida, ecc.
  • PP (polipropilene) : contrassegnato con il numero 5 . È un materiale che resiste bene alla pressione, quindi viene utilizzato nell'industria automobilistica, nell'edilizia e persino nei tappi e nelle coperture di diversi tipi di imballaggi.
  • PS (polistirolo) : contrassegnato con il numero 6 . Sono comunemente conosciuti dal marchio Porexpán. È un materiale molto isolante, quindi viene utilizzato nell'imballaggio con schiume, come quelle degli elettrodomestici.
  • Altri : contrassegnati con il numero 7 o la lettera O. Sono altre materie plastiche diverse dalle precedenti o sono miscele di più resine allo stesso tempo. I più comuni sono policarbonato e acrilonitrile-butadiene-stirene o ABS. Normalmente non possono essere riciclati o il riciclaggio è molto difficile, quindi non sono accettati in tutti i punti puliti. Quelli contrassegnati dalla lettera O sono prodotti che sicuramente possono essere riutilizzati, anche se non sempre riciclati.

Quali materie plastiche possono essere riciclate

Pertanto, in caso di dubbi su quali materiali plastici vengano riciclati, possiamo affermare che tutti quelli contrassegnati con il codice RIC possono essere utilizzati nel processo di riciclaggio e, quindi, possono essere gettati nel contenitore giallo o portati in un punto pulito.

Pertanto, è possibile riciclare contenitori e involucri di plastica, quali bottiglie, bicchieri, piatti, vassoi, bottiglie, tappi, ecc.

Ad esempio, se ti chiedi quali tipi di bottiglie di plastica possono essere riciclate, tieni presente che la presenza di questo materiale ad occhio nudo non deve essere riciclabile, saranno solo quelli contrassegnati con questo codice.

Ma quali sono i tipi di plastica non riciclabile ? In effetti, ce ne sono alcuni che non possono essere riciclati, anche se possiamo facilmente riutilizzare la plastica a casa con alcuni oggetti molto utili. Scopri in questo altro articolo di idee creative per riutilizzare oggetti di uso quotidiano.

Prendi nota delle seguenti righe di quali materiali di questo tipo non devono essere gettati nel contenitore giallo.

Quali materie plastiche non vengono riciclate

Quindi quali sono queste materie plastiche che non possono essere riciclate? Questa è una domanda diffusa perché molte volte, quando lanciamo qualcosa che normalmente non usiamo e non smaltiamo nel contenitore giallo, di solito non sappiamo quale sia il posto migliore per lanciarlo. Pertanto, è conveniente conoscere i tipi di plastica che non vengono riciclati :

  • Materie plastiche mescolate con altri materiali: che si tratti di una plastica classificata o meno, quando si tratta di materiali difficili da separare, come la colla, l'alluminio dai blister dei farmaci
  • Materie plastiche realizzate con altre resine: se si tratta di un oggetto in resina, come alcuni mobili per esterni, non può essere riciclato anche se ha parti o parti in plastica.
  • Materie plastiche degradate dal sole: questi materiali di solito si rompono semplicemente toccandoli e possono persino tagliare, poiché la plastica si sta decomponendo. Pertanto, non possono essere sfruttati per aver perso le proprietà per costruire un nuovo oggetto.
  • Alcune materie plastiche pigmentate: ci sono alcuni coloranti che si aggiungono a questo materiale durante la fabbricazione di alcuni oggetti che modificano la plastica stessa. Lo svantaggio è che questi coloranti, se trattati nelle macchine per il riciclaggio, possono convertire la plastica in fili che danneggiano e intasano le macchine.

Se desideri leggere altri articoli simili a Quali materiali plastici vengono riciclati e quali no, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di riciclaggio e gestione dei rifiuti.

Raccomandato

Penso a Natura Diet: opinioni, composizione e analisi
2019
5 consigli per proteggere i gatti dal calore
2019
Gruppo etnico - Istituto di etologia clinica
2019