Perché il mio gatto non vuole mangiare?

Vedi file Cats

Il tuo gatto non vuole mangiare? Non sembra nemmeno voler bere acqua? A volte osserviamo che i nostri gatti non sono appetitosi e sebbene possa non essere nulla, a volte significa che qualcosa non va. Le cause che possono portare a questo cambiamento nel comportamento del nostro felino sono diverse e troviamo ragioni molto semplici per gravi complicazioni, che devono essere curate dal veterinario di emergenza .

Alcune razze di gatti esprimeranno visibilmente le loro esigenze, proprio come fanno i siamesi, per esempio. Oppure "soffriranno in silenzio", come fanno i gatti ragdoll, che a malapena miagolano a causa della loro timidezza. In questo articolo di milanospettacoli.com spiegheremo perché il tuo gatto non vuole mangiare e / o bere e cosa puoi fare per aiutarlo.

Perché un gatto non vuole mangiare?

Prima di iniziare, è importante sottolineare che l' anoressia nei gatti è uno dei primi segni clinici di diverse malattie . Successivamente spiegheremo le cause per le quali un gatto non vuole mangiare più abitualmente. Ricorda che per aiutarti devi essere in grado di identificare cosa ti succede e qual è la ragione di questo comportamento improvviso:

  1. Non gli piace il suo cibo : molti gatti smettono di mangiare prima di un cambio di cibo, quindi se hai recentemente modificato la dieta del tuo migliore amico, dovresti considerare che non vuole mangiare per questo motivo. Prova a stimolarlo con cibo gustoso, come un pezzo di pollo, prosciutto o cibo umido per gatti per vedere se è davvero la causa del problema.
  2. Il cibo è troppo vicino all'acqua o alla sabbiera : anche se non ci credi, è molto importante adattare la casa in modo che il tuo gatto si senta a suo agio. È molto comune che i felini smettano di mangiare se hanno la sabbia, l'acqua, lo sporco e persino un granello di polvere vicino al cibo. Alcuni sono più delicati di altri, ma in generale è una causa frequente di anoressia.
  3. Il caldo : è noto che durante l'estate i gatti di solito riducono l'assunzione di cibo e acqua. Il calore e il fatto che dormano di più nelle aree fresche che scoprono fanno diminuire l'appetito . Questa reazione è accentuata se non siamo attenti al fatto che il nostro gatto abbia abbastanza acqua nella sua fontanella per placare completamente la sua sete. Ci sono gatti, più imbroglioni in questo aspetto, che non esitano a salire sul lavandino, sul bidet, sul rubinetto della cucina o sul rubinetto della vasca da bagno per leccarli alla ricerca di preziose gocce d'acqua. Pertanto, la sete è uno dei motivi più comuni per cui i nostri gatti smettono di mangiare. Scopri in milanospettacoli.com come prendersi cura di un gatto in estate in modo che sia sempre ben idratato.
  4. Hairballs : i hairballs intestinali chiamati tricobezoari sono le cause più comuni dei nostri gatti che smettono improvvisamente di mangiare. Queste palline la cui formazione è dovuta all'ingestione accidentale di peli morti dal loro mantello da parte del gatto quando lecca per curare se stesso, sono la ragione principale che riduce l'appetito nei gatti. Per evitare tali palle di pelo ci sono tre soluzioni molto semplici. Il primo è una frequente spazzolatura del nostro gatto (specialmente durante il periodo di spargimento). Questa azione sottrae molte possibilità alla formazione di tricobezoari. La seconda soluzione è amministrare il nostro gatto felino per prevenire la formazione di fastidiose palle di pelo nel tuo corpo. Infine, se non abbiamo spazzolato correttamente il gatto o gli abbiamo dato il malto e le palle sono già alloggiate nell'intestino impedendo loro di evacuare (il che provoca un'immediata interruzione dell'assunzione di cibo), la soluzione sarà quella di imbrattare una gamba con paraffina farmaceutica del nostro gatto Il gatto leccerà l'area grassa per rimuovere la paraffina, ingerendola durante l'esecuzione. La paraffina è un grasso artificiale che non assimila né lo stomaco né l'intestino del gatto. Pertanto, tutta la quantità che entra, esce, lubrifica e trascina fuori i tricobezoari intestinali. Nel caso in cui quest'ultima soluzione non funzioni, portare immediatamente il gatto dal veterinario per trattarlo senza indugio. La vita del gatto sarà in pericolo.
  5. Un possibile avvelenamento : a volte, senza volerlo, offriamo cibo avariato al nostro gatto. Di solito succede con contenitori per alimenti freschi aperti per ore e lasciati fuori dal frigorifero. Oppure, con gli avanzi del nostro cibo esposti al caldo estivo che provoca fermentazione e che gli insetti depongono le loro uova in un cibo così marcio e possono danneggiare il sistema intestinale del nostro felino. Dobbiamo anche escludere che il gatto possa aver subito avvelenamento, cosa che si verifica frequentemente nei gatti che hanno accesso all'esterno. Rivedere i sintomi dell'avvelenamento nei gatti è essenziale. Esistono anche piante velenose: oleandri, dieffenbachie e molte altre sono piante tossiche. Il veterinario deve trattare l'avvelenamento senza indugio.
  6. Depressione : molte persone attraversano questa situazione. "Il mio gatto non vuole mangiare ed è triste " è una delle preoccupazioni più comuni dei proprietari. L'ansia e lo stress causati nel nostro gatto da alcune circostanze traumatiche possono anche causare al nostro gatto di non voler mangiare. Il cambio di residenza, un altro nuovo animale domestico, la nascita di un bambino o la morte di un membro della famiglia, possono essere la causa della cessazione dell'alimentazione da parte del nostro gatto triste o geloso. La depressione nei gatti è di solito il motivo più comune per cui il gatto smette di mangiare e persino di bere acqua. Osserveremo anche che è triste, decaduto o depresso.
  7. Varie malattie : se stai pensando "il mio gatto non mangia e vomita ", "il mio gatto non mangia ed è molto magro " o "il mio gatto non mangia e dorme molto ". Forse è il momento di considerare di andare da uno specialista. Un'improvvisa interruzione dell'assunzione di cibo da parte del nostro gatto può essere un sintomo della sofferenza di una malattia. Pertanto, se dopo uno o due giorni l'animale non migliora, la visita dal veterinario è obbligatoria, poiché possono essere i suddetti tricobezoari, anche gravi problemi all'apparato digerente che possono richiedere un intervento chirurgico.

Cosa succede se il mio cucciolo di gatto non vuole mangiare?

I piccoli gatti o cuccioli necessitano di un'attenzione speciale : il loro sistema immunitario è molto più debole e tendono a disidratarsi più facilmente se smettono di bere liquidi. Inoltre, sono spesso più sensibili ai cambiamenti nella dieta, quindi è importante monitorarli per mangiare ogni volta che modifichiamo la dieta.

Prima di un cucciolo di gatto che non vuole mangiare, è sempre consigliabile stimolarlo con cibo umido, anche mescolandolo con acqua calda per offrire ulteriore idratazione. Questo tipo di cibo è molto più appetibile e ha un'accettazione migliore rispetto all'alimentazione secca.

Se un cucciolo di gatto non ha ingerito nulla in 24 ore, è motivo di preoccupazione ed è necessaria una visita veterinaria urgente . Inoltre, ricorda che i gatti piccoli devono nutrirsi tra le 4 e le 8 volte al giorno, quindi se in 12 ore un gatto appena nato non ha ricevuto cibo, dovresti anche andare dal veterinario.

Scopri in milanospettacoli.com di più sull'alimentazione dei gatti neonati, sulla stimolazione di cui hanno bisogno per urinare e defecare o sull'ambiente in cui devono rimanere.

Sintomi della malattia del gatto

Data questa situazione, sarà anche essenziale valutare i segni vitali del gatto e i sintomi della malattia, attraverso un esame fisico generale . Qui ti spieghiamo come dovresti farlo:

  1. Controlla le mucose del tuo gatto (gengive, occhi, sesso e ano) e se sono di qualsiasi colore diverso dal rosa pallido, inizia a preoccuparti. I toni bianco, blu, giallo o rosso intenso sono un sintomo della malattia.
  2. Prendi un termometro digitale per misurare la temperatura del tuo gatto, allo stesso modo di un cane. Dovrebbe essere tra 38 ° C e 39 ° C.
  3. Prendi il polso del tuo gatto con l'indice e il medio, anche se va notato che potrebbe essere un po 'complicato. La frequenza cardiaca dovrebbe essere compresa tra 140 e 200 battiti al minuto (PPM).
  4. Controlla la frequenza respiratoria posizionando la mano sulla pancia. È normale che i gatti respirino tra le 20 e le 42 volte al minuto (RPM).

I gatti di solito non mostrano segni di malattia ovvi come altri animali, quindi ti lasciamo con alcuni sintomi comuni della malattia:

  • Secrezioni negli occhi
  • Secrezioni nel naso
  • Diarrea e vomito
  • Urina con sangue
  • Sgabello insanguinato
  • Incapacità di urinare
  • Nausea ricorrente
  • Miagolio insistente
  • Ferite e problemi della pelle
  • Presenza di parassiti
  • Alito cattivo
  • Alito fruttato

Se uno qualsiasi dei segni vitali del gatto viene alterato e vedi anche sintomi di malattia, non pensarci e vai dal veterinario di emergenza il prima possibile, chiamandolo in anticipo per assicurarti che possano aiutarti e ricevere istruzioni se necessario.

Come far mangiare il mio gatto?

La prima cosa da fare se un gatto non vuole mangiare e / o bere dopo molte ore sarà cercare di stimolarlo attraverso cibi molto gustosi, come lattine o cibo fatto in casa . Probabilmente conoscerai del cibo a cui il tuo gatto non può resistere, prova ad offrirlo e vedi se mangia o no.

Alcuni trucchi extra possono essere per riscaldare il cibo o sostituire l'acqua con brodo di pollo o pesce (senza sale o cipolla), per nutrirlo mentre lo idratiamo. Se sembra che il tuo gatto si nutre del suo cibo preferito e accetti l'acqua, forse ti troverai davanti a un gatto depresso o riscaldato.

Per risolvere questo problema, è fondamentale conoscere la causa che sta causando l'anoressia . Se il nostro gatto ha smesso di mangiare a causa di un cambio di mangime, dovremmo considerare di cambiare nuovamente il suo cibo, ma se invece è la depressione dobbiamo agire per migliorare il suo benessere e offrire arricchimento ambientale.

In ogni caso, se non sei stato in grado di identificare il motivo che impedisce al tuo gatto di mangiare, chiama il veterinario per spiegare la situazione, ti dirà come procedere e, secondo la sua valutazione, quale procedura seguire.

Idratazione di emergenza

Se sospetti che il tuo gatto sia disidratato, potrebbe essere necessario utilizzare una siringa (senza ago) e provare a offrire un po 'd'acqua direttamente alla bocca. Puoi anche valutare l'opzione di preparare il siero a casa. Se dopo un tentativo di idratazione del tuo gatto vomita o sputa l'acqua, dovresti preoccuparti e andare dal veterinario di emergenza .

Se vuoi leggere altri articoli simili a Perché il mio gatto non vuole mangiare?, ti consigliamo di accedere alla nostra sezione sui problemi di alimentazione.

Raccomandato

Il mio cane ha una vulva gonfia
2019
Il rottweiler è pericoloso?
2019
Cosa significano le posizioni dei cani che dormono?
2019