Perché adottare e non comprare animali

Quelle persone che vogliono avere animali domestici o animali domestici saranno in grado di scegliere tra due modi per ottenerli: acquistare o adottare. Sebbene all'inizio possa sembrare che l'impatto di farlo in un modo o nell'altro sia irrilevante, la realtà è che il business degli animali da compagnia comporta una serie di elementi che coinvolgono la sofferenza e, in molti casi, il massacro degli animali . Se stai pensando di espandere la casa con un animale domestico, ti consigliamo di continuare a leggere e ti diciamo perché adottare e non acquistare animali è l'opzione migliore che dovresti optare.

Che cos'è un animale domestico e cosa implica

Prima di tutto, dobbiamo tenere presente che molte persone e aziende affrontano il rapporto con gli animali domestici nello stesso modo in cui è possibile stabilire un rapporto tra un'auto, una casa o un telefono cellulare, per fare alcuni esempi. Cioè, è una relazione cliente-prodotto. In questa visione, l'animale domestico diventa un semplice "prodotto", il cui unico scopo e obiettivo è quello di soddisfare il "bisogno" del consumatore.

Tuttavia, è evidente che un animale domestico non può essere alla stessa altezza di un prodotto commerciale, dal momento che è un essere vivente che, tra le altre cose, ha una capacità di sofferenza identica a quella di qualsiasi altro, compresi gli umani. Di conseguenza cadere nell'oggettivazione (trasformare "animali domestici" in animali domestici) è un errore etico che dobbiamo evitare che, inoltre, porta spesso ad abusi sugli animali.

Al contrario, il modo corretto di stabilire una relazione con un animale domestico è quello di una persona-animale, in cui la persona ha la responsabilità di prendersi cura dell'animale domestico, poiché è un essere vivente e non un prodotto che serve per soddisfare i desideri di quella particolare persona. Cioè, avere un animale domestico è una responsabilità, non un capriccio o un appetito. In effetti, si dovrebbe tenere presente che nessuno obbliga qualcuno ad avere un animale domestico, il che implica che si tratta di un atto libero e viene scelto volontariamente, in modo che l'unica persona responsabile di questa situazione in cui viene creato il rapporto persona L'animale è la persona stessa.

Pertanto, avere un animale domestico è un atto di amore e di resa che una persona stabilisce liberamente e volontariamente verso un essere vivente di un'altra specie e che deve comportare lo sforzo e il "sacrificio" della persona a favore del benessere dell'animale, e non viceversa, poiché la persona è la parte che stabilisce tale relazione. Allo stesso modo, qualsiasi altro modo di comprendere la relazione tra la persona e l'animale domestico sarà un malinteso, che comporta necessariamente l'oggettivazione dell'animale e che non ha alcuna giustificazione etica possibile.

Da dove vengono gli animali domestici?

Una volta compresa l'importanza della relazione persona-animale domestico, è anche importante capire da dove provengono gli animali domestici. Nel caso di cani e gatti, che sono gli animali domestici più comuni, il loro luogo di origine sarà sempre da allevamenti di animali o rifugi per animali (che di solito si trovano sulla strada o sulle strade o presi direttamente dai proprietari). Nel caso in cui siamo noi a trovare l'animale per strada, dovremo tener conto del fatto che si tratterà di una situazione fortuita, quindi non si può dire che c'è stata la volontà di comprare o adottare l'animale, quindi la cosa giusta sarà dire che le uniche due opzioni di "acquisizione" di un animale sono di farlo attraverso un vivaio o un riparo.

Gli incubatoi sono quelli che forniscono animali ai negozi, così come ogni industria fornisce il suo "prodotto" al negozio di distribuzione. Ciò implica che il prodotto deve essere adattato alle esigenze dell'azienda in modo che possa avere benefici economici, che logicamente è l'obiettivo principale di qualsiasi azienda. Il problema, in questo caso, il "prodotto" di queste aziende sono gli esseri viventi che possono soffrire.

Sebbene esistano diversi tipi di incubatoi, legali e più controllati e preoccupati per il benessere dell'animale o di quelli, pur essendo legali, li vedono solo come merci e prodotti a livello industriale o addirittura, quelli che sono illegali, tutti " produrre "animali costringendo artificialmente alla riproduzione delle madri. Non dimentichiamo che, come qualsiasi "prodotto", deve essere sostituito nei punti di distribuzione. Inoltre, le condizioni in cui vivono questi animali fino a quando non raggiungono le famiglie li rendono esseri viventi veramente infelici. Di solito, sono chiusi e sovraffollati in spazi molto piccoli, la prole viene separata dalle loro madri prima che possano badare a se stesse e, inoltre, quelle prole che non soddisfano gli standard di mercato saranno direttamente macellate o abbandonate perché non si tradurranno Facile da vendere in negozio. Alla fine, dopo che gli animali hanno attraversato il negozio, nel caso in cui non siano stati venduti, saranno restituiti al vivaio, dove la maggior parte verrà macellata, dal momento che gli animali domestici vengono venduti, soprattutto quando si tratta di cani e I gatti sono essenzialmente cuccioli e non vendono da determinati mesi di età.

Pertanto, le terribili condizioni in cui gli animali vivono negli allevatori e nei negozi in vendita stanno causando gravi problemi, sia di salute che di socievolezza. D'altro canto, i rifugi o le associazioni per la protezione degli animali rappresentano una questione diversa, come vedremo di seguito.

Quali sono i vantaggi dell'adozione di animali nei rifugi?

A differenza di ciò che accade con l'industria dell'allevamento e i negozi di animali, la struttura dei rifugi per animali non è progettata con l'obiettivo di essere economicamente redditizia, ma per fornire una soluzione al problema degli animali senza tetto . In questo modo, sono luoghi in cui gli animali vengono offerti per trovare una casa, cercano di essere nelle migliori condizioni possibili (il che comporta costi economici che sono spesso difficili da raggiungere) e, inoltre da ciò viene promossa la visione che un animale sia un essere vivente che ha valore per se stesso, non come un "prodotto" che può essere acquistato e gettato via quando non è più desiderato.

In questo modo, se al momento di ottenere un animale, lo adottiamo in un rifugio anziché acquistarlo da un vivaio, saremo certi che stiamo aiutando un animale bisognoso, allo stesso tempo non collaboreremo con un'industria che sfrutta e reifica gli animali con la sola motivazione per ottenere benefici.

Inoltre, nelle associazioni o rifugi protettivi , vengono cercati a casa cani, gatti e altri animali, sia che siano maggiorenni, che siano di razza o meticci, che siano in qualche modo malati o totalmente sani, e così via. È vero che per portare a casa uno di questi animali bisognosi dovremo pagare, ma il prezzo è minimo ed è quello che copre le spese veterinarie di quel particolare animale e non è a scopo di lucro.

Un altro modo per contribuire a promuovere questo punto di vista nei confronti della persona e degli animali rispetto è quello di aiutare i rifugi facendo volontariato o fornendo donazioni, siano esse economiche, materiali o di servizi.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Perché adottare e non comprare animali, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Animali domestici.

Raccomandato

Marketing ecologico
2019
Cancro della pelle nei cani - Sintomi e trattamento
2019
Come vedono i cani?
2019