Parvovirus canino: contagio, sintomi e trattamento

Vedi i file dei cani

Il parvovirus canino o la parvovirosi canina è una malattia virale che colpisce soprattutto i cuccioli, sebbene possa interessare qualsiasi tipo di cane, anche se vaccinato. È una malattia altamente contagiosa e letale che colpisce l'intestino e si manifesta con diarrea sanguinolenta.

In molte occasioni, e a causa dell'ignoranza, alcuni proprietari hanno confuso i sintomi della parvo, il che si traduce in una diagnosi errata . Per questo motivo, se sei il felice proprietario di un cane, ti consigliamo di continuare a leggere questo articolo di milanospettacoli.com e di ottenere informazioni approfondite sul parvovirus canino, i suoi sintomi, infezione, trattamento e prevenzione.

Che cos'è il parvovirus canino? Come funziona

Il parvovirus canino è un virus identificato nel 1978. Da allora, il ceppo iniziale è variato geneticamente, rappresentando diverse manifestazioni del virus che ne rendono difficile la rilevazione. È una malattia che colpisce principalmente l'intestino, causando enterite e tutti i tipi di membri della famiglia Canidae come cani, lupi o coyote sono sensibili ad esso.

Questa malattia infettiva è resistente a fattori sia fisici che chimici e ha una sopravvivenza molto elevata nell'ambiente. Ha una predilezione da installarsi in cellule a riproduzione rapida come i tessuti intestinali, del sistema immunitario o dei tessuti fetali. Nei casi più gravi, può attaccare il muscolo cardiaco, il che significa morte improvvisa.

La presenza del virus nell'intestino del cane lo rende più suscettibile a un'infezione batterica . Inoltre, se il tessuto epiteliale è danneggiato, i batteri possono passare nel sangue, causando un'infezione generalizzata.

Sintomi della parvovirosi canina

Come abbiamo detto prima, il parvovirus canino ha una predilezione per la mutazione genetica, ma ancora, il rilevamento di questo temibile virus è possibile attraverso i sintomi più comuni, di cui alcuni si svilupperanno sempre. Ma come inizia il parvovirus nei cani?

I sintomi del parvovirus canino sono:

  • Diminuzione dell'appetito
  • Vomito molto grave
  • Il cane sembra insensibile, inattivo o molto stanco
  • Diarrea abbondante e sanguinolenta
  • febbre
  • Disidratazione rapida
  • debolezza
  • Potrebbe essere sotto shock a causa della perdita di liquidi
  • Il cuore può essere colpito

Di solito parliamo di sintomi simili a quelli causati dalla gastroenterite, quindi è spesso confuso e rilevato in ritardo . È anche possibile confondere i sintomi della parvovirosi canina con alcuni dei sintomi di avvelenamento nei cani.

Dobbiamo sapere che tutti questi sintomi (vomito, diarrea, febbre o decadimento tra gli altri) causano una disidratazione molto rapida dell'animale, quindi è necessario iniziare il trattamento il prima possibile. Anche così, va notato che questi sintomi clinici non sono sempre mostrati nel cane, a volte passano inosservati in cuccioli molto piccoli o cani anziani.

Nei casi più gravi, il parvovirus o la parvovirosi possono causare una riduzione dei globuli bianchi. D'altra parte, se il cane affetto è un cucciolo di meno di tre mesi, può soffrire di un'infiammazione del cuore. In questi casi non c'è diarrea e il cucciolo può morire in pochi minuti o giorni.

Se riesce a sopravvivere, il danno cardiaco può diventare così grave che probabilmente finirà la sua vita. In questo modo, prima di uno o più di questi sintomi del parvovirus canino, ti consigliamo di recarti dal veterinario di fiducia il prima possibile per esaminare il tuo animale domestico.

Immagine: bobmckee.com

Trasmissione parvovirus canina

Questo virus è particolarmente stabile nell'ambiente, quindi la sua presenza in luoghi pubblici può essere un'epidemia, poiché può rimanere nello stesso posto per mesi. Di solito è comune che i cani vengano infettati dalla parvovirosi in rifugi, canili, parchi per cani o aree ricreative.

Sebbene ci siano razze più vulnerabili a questo tipo di virus, come il pastore tedesco, il doberman, il pitbull terrier o il rottwailer, ci sono anche fattori che possono predisporre il tuo animale domestico come stress, parassiti intestinali o sovrappopolazione.

È comune che questo virus attacchi i cuccioli di età inferiore ai 6 mesi, anche se è comune colpire i cani adulti senza vaccinarli . Pertanto, sottolineiamo sempre l'importanza delle visite regolari dal veterinario e del follow-up del programma di vaccinazione del cane.

Sebbene ci siano diversi modi di contatto, questa malattia viene solitamente trasmessa per via orale, quando il cane entra in contatto con feci infette, urina infetta, cibo, latte materno, vari oggetti e persino, potremmo portarlo nelle nostre scarpe senza saperlo. Va anche notato che alcuni insetti o roditori possono essere ospiti del virus, quindi anche la sverminazione del nostro cane dovrebbe essere una priorità nella prevenzione dell'infezione.

I cani che sono già infetti elimineranno il virus per tre settimane, anche prima di mostrare qualsiasi sintomo clinico della malattia, e una volta guariti continueranno a diffonderlo per qualche tempo.

Va notato che il parvovirus non si diffonde nell'uomo .

Diagnosi differenziale del parvovirus canino

Il parvovirus canino di solito può essere diagnosticato semplicemente osservando i sintomi clinici che il cane mostra, tuttavia dovrebbe essere sempre confermato da test di laboratorio . Il veterinario esaminerà i campioni di feci per determinare la presenza di antigeni del parvovirus canino (CPV) utilizzando un kit diagnostico.

Parvovirus canino

Se il tuo cane è stato sicuramente infettato dal virus parvo, portalo immediatamente dal veterinario per analizzare la situazione e diagnosticare la malattia. Il trattamento con parvovirus canino inizierà il prima possibile e il suo obiettivo principale sarà combattere i sintomi come disidratazione, squilibrio elettrolitico, controllo del vomito e della diarrea, ecc.

Non esiste un trattamento efficace al 100% per combattere il parvovirus, i veterinari seguono una serie di trattamenti che in alcuni casi danno buoni risultati. Questi sono alcuni dei passaggi che seguono:

  • Può reidratarsi con la somministrazione sierica dosata. L'uso di Ringer-Lattato è comune in questi casi. È combinato con colloidi e di solito viene applicato per via endovenosa.
  • Per problemi cardiaci o renali, le dosi sieriche devono essere somministrate con grande cura, poiché non sono sempre adeguatamente tollerate.
  • Trasfusioni di sangue per alleviare la perdita di sangue attraverso la diarrea.
  • Una volta che il cane si è stabilizzato, viene proseguita una terapia di mantenimento del fluido, sostanzialmente composta da zuccheri, insieme a cloruro di potassio.
  • In alcuni casi, può essere necessaria anche la somministrazione di potassio per il recupero.
  • Uso di antibiotici e antiemetici .
  • Uso di Tamiflu: l'uso di questo medicinale è sempre più diffuso grazie al suo successo in alcuni casi. Completa sempre i trattamenti sopra indicati, come indicato dal veterinario.

Terapia di supporto per la parvovirosi canina

Il ricovero in ospedale del cane nella stanza infettiva del centro veterinario è altamente raccomandato nei cuccioli che non hanno ricevuto alcun vaccino contro la parvovirosi canina. Al contrario, nei cuccioli che hanno già ricevuto i 2 o 3 vaccini necessari (vaccinazione primaria, multiuso e promemoria) il ricovero in ospedale non è sempre raccomandato poiché hanno maggiori probabilità di sopravvivere.

Se il tuo cane non sta per stare in collegio, il veterinario può spiegare le dosi appropriate e farlo da solo usando gli zaini sierici . Ricorda che il tuo cane non può essere in contatto con altri cani, poiché potrebbe infettarli. Dovresti andare dal tuo veterinario per monitorare i progressi e lo sviluppo della malattia nel paziente.

Per una corretta rimozione della traccia del virus nell'ambiente è necessario utilizzare la candeggina. Quindi pulirai con ammoniaca. Più tardi con cloro. Naturalmente, non mescolare mai questi prodotti, devono essere usati separatamente. L'uso di tutti questi dovrebbe essere fatto con l'uso di guanti, maschera e cautela. Non esporre il tuo cane o le persone che vivono con te a casa a respirare fumi tossici. Isolarli in altre stanze e ventilare bene.

Si consiglia di smaltire tutti gli utensili, compresi letto, mangiatoie per cani e giocattoli, e di sostituirli con altri nuovi. Disinfetta l'intero ambiente, inclusi casa e terrazza.

Se vuoi adottare un nuovo membro canino, attendi almeno 6 mesi per ottenerlo. Il virus parvo è molto resistente e può durare a lungo nell'ambiente, anche dopo aver disinfettato a fondo l'area. Durante questo tempo di attesa, scopri i prodotti che eliminano la scia nei negozi di animali o nella clinica veterinaria. Presta attenzione all'esperto prima di voler includere un altro cane nella tua vita, la sua salute è in pericolo.

Rimedi domestici per il parvovirus nei cani

Come ti abbiamo già detto, non esiste un trattamento efficace per il trattamento della parvovirosi canina, tuttavia è possibile utilizzare alcuni rimedi casalinghi per il parvovirus canino, al fine di alleviare i sintomi e offrire una migliore qualità della vita all'individuo chi soffre di questa grave malattia

Tuttavia, ricordiamo l'importanza di consultare sempre il veterinario sull'applicazione di qualsiasi rimedio o trattamento alternativo per garantire che sia appropriato in base al quadro clinico presentato dal cane.

Nutrire un cane infetto dal parvovirus canino

Se al nostro cane è stato diagnosticato il virus parvo, è importante sapere quale tipo di cibo è il più appropriato in modo che il suo recupero sia più rapido e più confortevole. Oltre a seguire le istruzioni del veterinario, sarà importante rivedere questi suggerimenti dietetici di base:

  • Idratazione : una parte fondamentale del trattamento del parvovirus è la somministrazione di siero per contrastare gli effetti di diarrea e vomito. Bere molta acqua aiuterà in questo processo di idratazione. Le bevande isotoniche sono anche una buona opzione, in quanto forniscono sali minerali persi. Cambia l'acqua del tuo cane almeno due volte al giorno, pulendo e fornendo nuovo.
  • Evita il cibo : almeno nelle prime 24 - 48 ore in cui il virus è particolarmente virulento. Al massimo, puoi dargli un brodo di pollo fatto in casa completamente cotto senza sale, cipolla o condimenti.
  • Dieta leggera : dopo 48 ore si ritiene che il cane abbia superato la parte più grave della malattia, quindi è possibile iniziare a consumare una dieta leggera. Ti consigliamo di includere acqua di riso, brodo di pollo fatto in casa, riso bianco e cibo in scatola morbido. Ricorda che non dovresti condirlo o aggiungere sale.

Una volta che il cane ha riacquistato la salute e ogni volta che il veterinario te lo dice, puoi ri-somministrare il solito cibo.

Prevenzione della parvoriosi canina

Il rigoroso monitoraggio del programma di vaccinazione del cane è il modo più efficace per prevenire questo virus, che in molti casi può essere fatale. Di solito viene somministrato per la prima volta quando il cane è un cucciolo (a sei settimane) ma può essere applicato prima se si stima che sia a rischio. Prima di raggiungere l'età adulta, la somministrazione viene ripetuta di nuovo, a 8 e 12 settimane. Infine, ogni anno viene somministrato un promemoria, in modo che il cane rimanga protetto dal virus.

I vaccini possono contenere il virus attenuato o il virus vivo potenziato, in ogni caso possiamo sempre consultare il nostro veterinario quale dei vaccini deciderai di usare.

Se sospetti che nell'area in cui vivi ci siano cani infetti da parvovirosi canina, ti consigliamo di seguire questi suggerimenti:

  • Seguire rigorosamente il programma di vaccinazione e le istruzioni del veterinario.
  • Seguire rigorosamente la deformazione del cane e le indicazioni del veterinario.
  • Fai il bagno al tuo cane con la frequenza appropriata e mantieni la corretta igiene del suo corpo.
  • Disinfetta la tua casa usando candeggina e successivamente alcuni prodotti enzimatici.
  • Conserva il cibo del tuo cane in un luogo pulito e isolato, privo di possibili trasmettitori.
  • Disinfetta i prodotti del tuo cane, come il suo letto, l'alimentatore, i giocattoli ...
  • Impedisce al cucciolo non vaccinato di entrare in contatto con l'ambiente e altri cani.

Questo articolo è puramente informativo, in milanospettacoli.com non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti veterinari o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Parvovirus canino: contagio, sintomi e trattamento, ti consigliamo di accedere alla nostra sezione sulle malattie virali.

bibliografia
  • Veterinario Axon Parvovirus canino Disponibile su: //axonveterinaria.net/web_axoncomunicacion/auxiliarveterinario/13/13-Parvovirus.pdf.
  • Ziegler, J. (2018). Il libro nero dei veterinari. La medicina che fa ammalare gli animali. Editoriale: Macro.
  • García, I. (2007). Gestione clinica della parvovirosi canina nel pronto soccorso. Complutense Journal of Veterinary Sciences, 1 (2).

Raccomandato

Furetto
2019
Cura del cardellino
2019
Riciclaggio di apparecchiature informatiche
2019