Otite esterna nei cani - Sintomi e trattamento

Vedi i file dei cani

In questo articolo di milanospettacoli.com parleremo di otite esterna nei cani, un disturbo relativamente comune che, quindi, rischiamo di affrontare come caregiver. L'otite comporta un'infiammazione del canale uditivo esterno che può o meno influire sulla membrana timpanica ed essere accompagnata o meno da infezione. Per la sua cura è essenziale identificare la causa che lo produce, poiché, se non viene scoperto o, direttamente, non trattato, potrebbe diventare cronico.

Sintomi di otite esterna nei cani

Come abbiamo detto, un'otite esterna è l'infiammazione del canale uditivo esterno, nella sua sezione verticale e orizzontale, che può influenzare la bolla timpanica . I sintomi dipenderanno dalla gravità e sono i seguenti:

  • Eritema atriale, cioè arrossamento all'interno dell'orecchio a causa di un aumento del sangue nell'area.
  • Soprattutto, scuotere la testa e graffiare.
  • Dolore nella zona
  • Se c'è un'infezione associata ci sarà secrezione .
  • In caso di otite esterna cronica nei cani, possono verificarsi osteoatoma e persino sordità.

Cause di otite esterna nei cani

Le cause primarie dietro l'otite esterna dei cani sono le seguenti:

  • Parassiti.
  • Meccanismi di ipersensibilità, come dermatite atopica e reazioni avverse al cibo, cioè sia intolleranza che vera allergia. Questi meccanismi sono la causa più frequente.
  • Corpi estranei o traumi.
  • Neoplasie o polipi che ostruiscono il dotto, sebbene questa causa sia più comune nei gatti.
  • Disturbi della cheratinizzazione che seccano la pelle e sono correlati a malattie endocrine come l' ipotiroidismo .
  • Infine, anche le malattie autoimmuni possono essere alla base dell'otite esterna canina.

Altri fattori nell'otite esterna nei cani

Sebbene non siano direttamente responsabili dell'otite esterna nei cani, ci sono altri elementi che aiutano a stabilire, aggravare o perpetuare la condizione. Sono i seguenti:

  • Cause predisponenti : anche se non sono sufficienti a scatenare l'otite esterna, ne faciliteranno l'instaurarsi. Tra questi ci sono la forma pendolare delle orecchie di alcuni cani come i cocker, che ostacolano la ventilazione del condotto, i canali auricolari con molti peli come quelli dei barboncini o molto stretti come quelli dei shar peis. È inoltre necessario tenere conto dell'umidità del condotto nei cani che nuotano o fanno il bagno frequentemente.
  • Cause secondarie : sono quelle che aggraveranno l'otite esterna nel tempo. Anche se vengono curati, se la causa primaria non viene trattata, la condizione non verrà risolta. Sono infezioni causate da batteri o funghi, che è il caso dell'otite esterna nei cani di Malassezia .
  • Fattori perpetui : sono quelli che impediscono fisicamente un trattamento medico come iperplasia, calcificazioni o stenosi. Potresti ricorrere solo alla chirurgia. La cronizzazione dell'otite esterna, cioè non trattandola, può causare questi danni e l' otite media, in cui la membrana timpanica è danneggiata o assente e, a sua volta, può causare l' otite esterna . Vediamo, quindi, l'importanza del trattamento precoce dell'otite esterna acuta nei cani.

È importante sapere che strappare i peli dal condotto uditivo non impedisce l'insorgenza dell'otite e può anche predisporre a soffrirne.

Diagnosi di otite esterna nei cani

Per diagnosticare l'otite esterna nei cani, è necessario valutare lo stato della membrana timpanica, che viene eseguita mediante esame otoscopico . Il problema è che nell'otite esterna suppurativa nei cani, il timpano non sarà visibile, quindi sarà necessario ricorrere al rossore o al lavaggio atriale che, inoltre, ci consente di escludere la presenza di masse o corpi estranei, la comparsa di alcuni cambiamenti patologici in il condotto e favorisce anche l'effetto del trattamento locale. Richiede l'anestesia generale perché potrebbe passare materiale al rinofaringe, che potrebbe causare polmonite da aspirazione.

Trattamento dell'otite esterna nei cani

Il trattamento, che dovrebbe sempre essere prescritto dal veterinario dopo l'esame otoscopico e la citologia, se necessario, è finalizzato al controllo dell'infiammazione del dotto e all'eliminazione delle infezioni se presenti. Per questo, viene data preferenza ai farmaci locali, cioè applicati direttamente al canale, poiché avranno un rischio inferiore di effetti collaterali rispetto al trattamento sistemico e saranno più concentrati.

L'eccezione al trattamento precedente è assunta dai cani con lesioni nel condotto o in cui non è possibile un trattamento topico. Il veterinario deve controllare l'orecchio dopo 7-15 giorni per vedere se la cura è stata completata. Inoltre, la causa primaria deve essere trattata e devono essere corretti i fattori predisponenti o perpetui.

Questo articolo è puramente informativo, in milanospettacoli.com non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti veterinari o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Otite esterna nei cani - Sintomi e trattamento, ti consigliamo di andare alla nostra sezione Altri problemi di salute.

Raccomandato

I conigli bevono acqua?
2019
La leggenda dei colibrì Maya
2019
Cosa devo fare se il mio cane prova ad attaccare un altro cane?
2019