Micoplasmosi felina - Sintomi e trattamento

Vedi file Cats

La micoplasmosi felina o l' anemia infettiva felina è una malattia causata dai batteri parassiti Mycoplasma haemofelis che di solito passa inosservata nelle persone che ne soffrono, tuttavia, nei casi più gravi si manifesta come una grave anemia nei gatti, che può raggiungere causare la morte dell'individuo.

In questo articolo di milanospettacoli.com spiegheremo tutto ciò che devi sapere sulla micoplasmosi felina, i sintomi più comuni della malattia e il trattamento da seguire. Tuttavia, se sospetti che il tuo gatto soffra di anemia infettiva felina, sarà essenziale visitare il tuo veterinario per fare una diagnosi differenziale.

Micolpasma nei gatti

La microplasmosi felina ( Mycoplasma felis ), nota anche come anemia infettiva felina, è una malattia che può essere trasmessa attraverso il morso di ectoparassiti infetti, cioè parassiti presenti nella pelle degli animali. I vettori più comuni sono pulci e zecche, motivo per cui la prevenzione è così importante attraverso la regolare sverminazione del felino.

Tuttavia, può anche essere causato dalla trasmissione iatrogena, a seguito di un atto medico, attraverso la trasfusione di sangue contaminato.

Cause di microplasmosi nei gatti

Una volta che entra nel flusso sanguigno attraverso il morso di pulci e zecche infette, il Mycoplasma haemofelis aderisce parzialmente alla superficie dei globuli rossi causando la loro emolisi, cioè distruggendoli e causando così la comparsa di anemia nel gatto .

Gli studi indicano che sono state identificate due sottospecie distinte di Haemobartonella felis : una forma grande, relativamente patogena e più pericolosa, che provoca grave anemia, e una più piccola e meno virulenta.

È importante notare che, pur essendo stati a contatto con i batteri, ci sono animali che non sviluppano la malattia e che sono anche asintomatici: non mostrano sintomi di malattia. In questo caso parliamo di animali portatori che non manifestano la malattia ma possono trasmetterla .

Questa patologia può anche rimanere dormiente e manifestarsi quando il gatto è debole, stressato o immunocompromesso, ad esempio in animali affetti da virus dell'immunodeficienza felina o peritonite infettiva felina, poiché questo batterio sfrutta la debolezza dell'animale per riprodursi.

Trasmissione della microplasmosi felina

La trasmissione di microplasmosi nei gatti avviene per contatto o attraverso la saliva. Tuttavia, le interazioni che coinvolgono l'aggressività, come combattimenti, morsi o graffi, possono eventualmente causare la trasmissione, poiché in questi casi gli animali possono essere esposti al sangue di un animale infetto. Qualsiasi felino può soffrire di questa patologia, indipendentemente dall'età, dalla razza o dal sesso.

Secondo diversi studi, i maschi sembrano essere più predisposti a soffrirne rispetto alle femmine, principalmente a causa dei combattimenti di strada, soprattutto durante la primavera e l'estate, quando il numero di pulci e zecche sale, aumentando così il rischio di infestazione.

Sintomi di micoplasma nei gatti

Mentre alcuni gatti mostrano evidenti segni clinici, altri no, perché dipende dalla patogenicità dell'agente, dalla capacità dell'agente di causare la malattia, dallo stato di salute dell'animale e dalla quantità di agente inoculato durante le lotte o la puntura degli animali. vettori.

Pertanto, l'infezione può essere asintomatica, come in lieve anemia, o possono comparire segni clinici molto evidenti. Ecco i sintomi della microplasmosi nei gatti più ovvi:

  • anemia
  • depressione
  • debolezza
  • Ingrandimento della milza
  • anoressia
  • Perdita di peso
  • disidratazione
  • Muco bianco
  • Muco giallo
  • febbre

Diagnosi di microplasmosi nei gatti

Per identificare e visualizzare il parassita, il veterinario di solito esegue i seguenti test per la diagnosi:

  • Striscio di sangue
  • Reazione a catena della polimerasi (PCR)

Tuttavia, può accadere che la tecnica di PCR molecolare non sia disponibile nel nostro paese o clinica e che lo striscio di sangue sia un po 'sensibile, rendendo difficile riconoscere la presenza di micoplasma nel gatto. Allo stesso modo, i pazienti che danno risultati positivi nella CRP possono essere portatori della malattia ma non manifestarla attivamente, nel qual caso non sarà necessario trattarla.

Il veterinario può anche suggerire un emocromo completo o emocromo (CBC) per visualizzare in dettaglio le condizioni generali dell'animale e quindi aiutare a offrire una diagnosi definitiva.

La diagnosi differenziale di questa patologia è di solito molto complicata, quindi dovrebbero essere considerati tutti i possibili aspetti dell'animale, tra cui la storia clinica, i sintomi clinici, varie analisi ed esami completi. Inoltre, non dovrebbero essere presi in considerazione solo nei gatti con anemia, ma in tutti coloro che hanno una storia ricorrente di infestazione da parassiti.

Trattamento dell'anemia infettiva felina

In generale, il trattamento indicato prima di una condizione di microplasmosi felina consiste nella somministrazione di antibiotici nel gatto, nei corticosteroidi, nella fluidoterapia e, in alcuni casi, in una trasfusione. Non dimenticare che il trattamento deve essere sempre prescritto da un veterinario, che regolerà le dosi in base al peso, alle esigenze del paziente, all'anamnesi del paziente e ai risultati dei test.

Un trattamento adeguato e personalizzato, nonché una terapia di supporto, sono essenziali per garantire il successo del trattamento e la qualità della vita del nostro felino. Allo stesso modo, una diagnosi precoce è essenziale per un trattamento efficace.

Il micoplasma ha una cura?

L'anemia infettiva felina ha una cura, inoltre, un animale guarito non mostrerà più alcun sintomo di malattia. Tuttavia, i gatti che hanno superato questa patologia diventano portatori asintomatici indefinitamente, per alcuni mesi o fino alla morte dell'animale.

Prevenzione della micoplasmosi felina

La principale misura di protezione contro la micoplasmosi è quella di evitare la presenza di ectoparassiti attraverso la sverminazione del gatto. Sebbene la primavera e l'estate siano i periodi più rischiosi, a causa dei cambiamenti climatici questa routine deve essere presente durante tutto l'anno . Inoltre, dobbiamo rispettare il programma di vaccinazione del gatto per evitare che determinate condizioni immunomediate scatenino il micoplasma.

Si consiglia anche la castrazione del gatto, una procedura chirurgica in cui gli organi sessuali vengono rimossi. Ciò favorisce la riduzione dei comportamenti legati all'aggressività, all'evasione e alla marcatura, comportamenti che causano la predisposizione a soffrire di un'infestazione parassitaria e la partecipazione ai combattimenti.

Questo articolo è puramente informativo, in milanospettacoli.com non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti veterinari o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Micoplasmosi felina - Sintomi e trattamento, ti consigliamo di entrare nella nostra sezione di malattie parassitarie.

bibliografia
  • Coelho, PCMS Angrimani, DSR Marques, ES (2011) Micoplasmose Em Felinos Domestic: Literature Review . Rivista scientifica elettronica di medicina veterinaria - ISSN: 1679-7353, 16, p.1-1
  • Kewish, KE Appleyard, GD Myers, SL Kidney, BA. Jackson, ML (2004) Mycoplasma haemofelis e Mycoplasma haemominutum rilevamento mediante reazione a catena della polimerasi nei gatti di Saskatchewan e Alberta. Can Vet J 45 (9), pagg. 749–75
  • Martinez, MS Charas dos Santos, IF Kolber, M. (2016) Analisi ematologiche nei gatti domestici (Felis Silvestris Catus) con diagnosi di Micoplasmose Em Osasco, San Paolo - Brasile. Lusófona Journal of Veterinary Medicine and Medicine. 8, p.1-9
  • Walker Vergara, R. Morera Galleguillos, F., Gómez Jaramillo, M. Pereira Almosny, NR. Arauna Martínez, P. Grob Behne, P. Acosta-Jamett, G. Müller, A. (2016) Prevalenza, analisi del fattore di rischio e risultati ematologici dell'infezione da emoplasma nei gatti domestici della Valdivia, nel sud del Cile. Comp Immunol Microbiol Infect Dis. 46: 20-6

Raccomandato

MasQueHocicos
2019
Come risparmiare sul riscaldamento elettrico
2019
I cani possono mangiare uva verde o uvetta?
2019