Leishmaniosi nei cani - Sintomi, trattamento e contagio

Vedi i file dei cani

In questo articolo di milanospettacoli.com affronteremo la leishmaniosi nei cani, una malattia parassitaria in espansione e, poiché si tratta di una zoonosi, cioè una malattia che può colpire le persone, è essenziale sapere per Adottare misure preventive appropriate, poiché è sempre meglio evitare una malattia che curarla. Spiegheremo come riconoscerne i sintomi, come si diffonde, qual è il trattamento di scelta e l'aspettativa di vita dei cani con leishmania.

Perdita di capelli, ispessimento della pelle, ulcere o crescita anomala delle unghie sono solo alcuni dei sintomi che la leishmania produce. Tuttavia, va notato che alcuni cani hanno una malattia asintomatica, che rende difficile l'identificazione. Pertanto, è essenziale visitare il veterinario periodicamente e andare a qualsiasi anomalia. Continua a leggere per scoprire tutto sulla leishmaniosi nei cani .

Cos'è la leishmaniosi nei cani?

La leishmaniosi o la leishmaniosi è una malattia parassitaria causata da protozoi del genere Leishmania . Più comune nei climi caldi come quelli che si trovano nel Mediterraneo, in Sud America, in Africa o in Asia, il numero di casi è in aumento. È trasmesso principalmente dal morso di una zanzara flebotomo femminile, che ha bisogno di sangue per finire la deposizione delle uova. Può manifestarsi in diverse forme cliniche. Oltre ai cani, la leishmania può colpire altri animali come i gatti e anche l'uomo.

La zanzara che trasmette la leishmania nei cani di solito ha attività all'alba e al tramonto nei giorni caldi. Abita aree rurali o boschi dove trova cavità in cui nascondersi durante il giorno. Nei periodi freddi rimane allo stato larvale. È certo che il cambiamento climatico favorirà la sua espansione, aumentando i casi di leishmaniosi canina, felina e umana. Pertanto, evitare il suo morso è il modo migliore per prevenire la diffusione della leishmania nei cani. È difficile per noi osservarlo sul cane perché è piccolo e agisce rapidamente. In alcuni casi possiamo individuare una puntura.

Ciclo di vita di Leishmania

Abbiamo già visto quali protozoi del genere Leishmania sono la causa di questa malattia parassitaria, ma qual è il suo ciclo biologico? Quando la zanzara morde un cane infetto, acquisisce le leishmania trovate nel suo sangue. Nello stomaco dell'insetto, i parassiti vengono rilasciati, si evolvono nella loro forma allungata e con flagello (promastigoti) e si riproducono. Se la zanzara morde di nuovo, la leishmania infetterà un nuovo cane. Dopo il morso, i parassiti invadono i macrofagi, che sono un tipo di globuli bianchi, e tornano ad adottare una forma ovoidale (amastigoti) che si disperderanno in tutto il corpo. Se una zanzara morde questo cane contaminato, il ciclo del parassita continuerà come descritto. Pertanto, come vediamo, leishmania ha bisogno di due host per completare il suo ciclo di vita:

  • Le cellule di un vertebrato, principalmente il cane, che sarebbe il serbatoio .
  • L'apparato digerente di una zanzara flebotomo, che fungerebbe da vettore .

Sintomi di leishmania nei cani

Dopo un periodo di incubazione molto variabile, un cane malato manifesterà sintomi come i seguenti, che ci consentiranno di determinare come sapere se un cane ha la leishmaniosi :

  • Perdita di capelli intorno agli occhi, orecchie e naso.
  • I capelli rimanenti appariranno sottili e opachi.
  • Con la leishmaniosi avanzata nei cani apprezzeremo il diradamento, nonostante mangiamo normalmente.
  • Aumento della dimensione del nodo.
  • Crescita eccessiva di unghie.
  • Ferite che non guariscono, specialmente nelle aree di contatto e intorno agli occhi, che possono presentare congiuntivite.
  • Letargia.
  • Zoppia.
  • Dolori articolari
  • Nosebleed.
  • Ipercheratosi, cioè ispessimento della pelle del naso e delle dita.
  • Nella leishmaniosi cronica è comune che compaiano insufficienza renale, disturbi digestivi o epatici.

È necessario sapere che alcuni cani sono infestati dal parassita ma non mostrano sintomi, il che significa che possono essere una fonte di contagio senza che noi sappiamo che sono malati. Pertanto, si raccomanda di analizzare tutti i cani che vivono in aree a rischio per sapere se sono portatori o meno di Leishmania .

Tipi di leishmaniosi nei cani

A seconda dei sintomi sviluppati, dovremo affrontare un tipo e un altro di leishmania nei cani:

  • Leishmaniosi viscerale : causa di segni clinici interni, cioè disturbi digestivi, renali ed epatici, febbre, letargia, perdita di peso, ecc.
  • Leishmaniosi cutanea : è quella che produce sintomi fisici nella pelle del cane infetto, come perdita di peli, ispessimento della pelle, ferite che non guariscono, ecc.

Come si diffonde la leishmaniosi nei cani?

Come si diffonde la leishmaniosi da un cane all'altro? La trasmissione della leishmaniosi avviene attraverso il flebotomo, anche se sembra che le femmine possano infettare i loro piccoli ed è anche possibile che ci sia una trasmissione sessuale o del morso. Il cane non può infettare direttamente una persona ma la leishmaniosi colpisce l'uomo, quindi è considerata una zoonosi. In questo modo, se ti chiedi se la leishmania si diffonde agli umani, hai già visto che la risposta è sì.

Se la zanzara morde un cane infetto e poi un cane sano, il parassita può essere trasmesso. Lo stesso succede se morde una persona. Ecco perché si dice che i cani siano i serbatoi di questa malattia. Le persone più a rischio di infezione sono quelle con un sistema immunitario indebolito o immaturo. Un singolo flebotomo può diffondere diversi cani prima della morte.

Diagnosi di leishmaniosi nei cani

Se si sospetta che un cane possa soffrire di leishmaniosi, il veterinario prenderà un campione di sangue per un rapido test in clinica. In pochi minuti ottieni un risultato, anche se devi sapere che non verrà utilizzato per rilevare il parassita nelle prime fasi della malattia o per dirci quanti protozoi ci sono o lo stato dell'infezione.

Per rilevare il parassita, è anche possibile prelevare e osservare al microscopio un campione di midollo osseo o linfonodi o utilizzando tecniche di laboratorio diverse e più costose.

Trattamento della leishmaniosi nei cani

La prima cosa che un caregiver vuole sapere in questi casi è se la leishmaniosi nei cani viene curata. Bene, dobbiamo sapere che, se non viene curato, il cane probabilmente morirà. Inoltre, i trattamenti disponibili hanno lo scopo di sopprimere i sintomi, ma non di eliminare il parassita . Anche così, i cani malati dovrebbero ricevere farmaci per migliorare la loro qualità di vita, alleviando i segni clinici e, cosa molto importante, perché riducono il rischio di trasmissione. Il trattamento può essere prescritto per tutta la vita e anche i controlli periodici sono contrassegnati. Altri cani vengono trattati per diverse settimane ma, poiché il parassita non viene eliminato, possono verificarsi recidive. In questi casi, il trattamento dovrà essere ripetuto non appena compaiono i sintomi.

Per trattare la leishmania nei cani, vengono utilizzati diversi farmaci combinati che ostacolano la riproduzione del parassita . Di solito vengono somministrati per via orale o per iniezione. È importante che se rileviamo uno dei sintomi sopra descritti andiamo dal veterinario, poiché il trattamento precoce migliora notevolmente la prognosi.

L'evoluzione dei trattamenti ha aiutato i cani affetti a rimanere più a lungo senza sintomi o recidive. Ciò significa che non esiste una cura definitiva per la leishmaniosi nei cani, ma i cani infetti possono avere una buona qualità di vita e vivere per molti anni se ricevono un trattamento adeguato.

Cosa fare con un cane con leishmaniosi?

Oltre a seguire il trattamento stabilito dal veterinario, è essenziale offrire la migliore assistenza al cane affetto da leishmaniosi per garantire una buona qualità della vita. Queste cure non sono altro che quelle di base che ogni cane dovrebbe ricevere, come un luogo confortevole e caldo dove dormire, un ambiente rilassato e calmo per evitare il più possibile lo stress, l'idratazione attraverso acqua fresca e pulita sempre disponibile e, ovviamente, un cibo adeguato

La dieta è quella che merita maggiore attenzione, poiché un cane con leishmania dovrebbe ricevere un extra di omega 3 e 6 acidi grassi per rafforzare il sistema immunitario. Allo stesso modo, gli antiossidanti favoriranno anche le loro difese contro il parassita. Infine, proteine ​​facilmente digeribili, come pollo o tacchino, aiuteranno l'animale a evitare disturbi digestivi e a mangiare meglio. Per maggiori dettagli, non perdere il seguente articolo: "Cibo per cani con leishmania".

Prevenzione della leishmaniosi nei cani

In primo luogo, se viviamo in una zona a rischio o riceviamo un cane da un'area con un'alta percentuale di leishmania, dovremmo portarlo dal veterinario per scoprire se si tratta o meno di un corriere. In ogni caso, dobbiamo usare un prodotto antiparassitario che agisce contro il flebotomo.

È commercializzato in colletto o pipetta . Il primo impiega circa una settimana per avere effetto e questo dura circa 4-8 mesi, a seconda del marchio. La pipetta, d'altra parte, inizia la sua attività in 24-48 ore, ma la sua durata è più breve, circa 3-4 settimane. Possiamo anche ricorrere all'uso di nebulizzatori, che agiscono immediatamente e per circa 3 settimane, anche se nei cani più grandi, che sono quelli che vivono di più all'estero, con il maggior rischio di infezione, è faticoso impregnarli del prodotto.

Questi atti antiparassitari impediscono alla zanzara di ingerire sangue, in modo che non possa verificarsi la trasmissione del parassita e, quindi, la diffusione della leishmania nei cani. Puoi anche usare insetticidi a casa, cucce, cabine, ecc. Inoltre, devono essere attuate misure come le seguenti:

  • Impedire al cane di dormire fuori nelle stagioni a rischio, che sono le più calde.
  • Allo stesso tempo, non percorrerlo al tramonto o all'alba perché sono momenti in cui è più probabile trovare flebotomi.
  • Non accumulare materia organica, poiché le larve di zanzara si nutrono di essa.
  • Sterilizzare il cane, poiché contempla la possibilità di trasmissione per via sessuale e maternofila.
  • Metti le zanzariere su porte e finestre.
  • Le trappole di luce ultravioletta possono essere utilizzate perché le zanzare sono molto attratte dalla luce.
  • Vaccinazione dopo sei mesi e rivaccinazione su consiglio del veterinario.

Per spaventare le zanzare e tenerle lontane da cani, gatti e umani, possiamo usare i rimedi naturali e niente dannosi che condividiamo nel seguente articolo: "Come spaventare le zanzare?".

Quanto può durare un cane con leishmaniosi?

Come abbiamo detto, la leishmaniosi nei cani, se non trattata, può causare la morte dell'animale. Nei casi in cui viene stabilito il trattamento, il successo dipenderà dalla risposta del sistema immunitario del cane ai farmaci e dalla gravità dell'infezione. Pertanto, è impossibile dare un'aspettativa di vita standard a tutti i cani con leishmaniosi. Sebbene alcuni possano morire a causa delle complicazioni causate dal parassita, attualmente i trattamenti riescono a far vivere molti senza più problemi rispetto a seguire un trattamento medico e revisioni periodiche.

Questo articolo è puramente informativo, in milanospettacoli.com non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti veterinari o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili alla leishmaniosi nei cani - Sintomi, trattamento e contagio, ti consigliamo di entrare nella nostra sezione delle malattie parassitarie.

bibliografia
  • ESCCAP. (2012). Controllo delle malattie trasmesse da vettori in cani e gatti . Guida ESCCAP, n. 5.

Raccomandato

L'orso polare è in pericolo di estinzione
2019
Pesce d'acqua fredda
2019
Biciclette realizzate con bottiglie di plastica
2019