L'inquinamento in India accorcia le vite di 660 milioni di persone

La crescita economica accelerata sperimentata dai paesi emergenti, come l'India o la Cina, ha un prezzo elevato. A livello di inquinamento atmosferico, la situazione è così grave in entrambi che per anni sono stati generati tutti gli allarmi e sono in corso indagini per vedere fino a che punto l'inquinamento sta colpendo la salute dei suoi abitanti.

Mentre è vero che la Cina è diventata il problema ambientale del pianeta, in particolare la sua capitale, Pechino, sempre più irrespirabile, la verità è che l'India non è in ritardo. In questo articolo affronteremo la questione dell'inquinamento in India e le sue conseguenze.

Nuova Delhi, la più inquinata

Sebbene la Cina abbia le città più inquinate, anche l'India ha un terribile inquinamento e, di fatto, la sua capitale, Nuova Delhi, ha l' aria più inquinata al mondo a causa di un denso fumo che rompe i record di tossicità. In particolare, nel 2014 è diventato ancora più dannoso di quello di Pechino.

Una vita più breve

Inoltre, ora abbiamo uno studio che ha tratto alcune conclusioni scioccanti. Gli scienziati americani hanno scoperto che l'inquinamento atmosferico in India sta riducendo la vita di 660 milioni di persone in media di tre anni (3.2, esattamente). Pertanto, non sono solo le persone che vivono nelle città, ma anche quelle che vivono nelle aree rurali.

In questo modo, si può dire che oltre la metà della popolazione indiana è gravemente colpita, indipendentemente dai milioni di morti a causa della stessa causa. E, in generale, praticamente gli 1, 2 miliardi di abitanti del paese respirano in ambienti con livelli di inquinamento dannosi, afferma lo stesso studio.

Il nuovo studio sottolinea che l'origine del problema non è altro che la negligenza da parte delle autorità del paese, più focalizzata sulla crescita industriale che sulla prevenzione dei livelli di inquinamento alle stelle, come è accaduto negli ultimi anni. Non solo a Nuova Delhi, ma a livello nazionale, con il risultato catastrofico che 13 città indiane sono tra le prime 20 tra le più inquinate al mondo, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità.

Queste morti premature sono anche una conseguenza di problemi tipici del sottosviluppo. Mentre il paese sta crescendo a ritmi vertiginosi, la situazione sociale rimane drammatica per molte persone, impantanate nella povertà, senza accesso alle risorse di base. In particolare, l'uso di lampade a cherosene a causa della mancanza di elettricità è un'importante fonte di inquinamento che riduce la salute delle persone.

Muori per l'inquinamento

Perdere 3, 2 anni di vita in media, logicamente, per alcuni è perdere molti più anni che per altri. Questa è una cifra statistica, che aiuta a far luce sul tremendo problema di salute pubblica posto dall'inquinamento. Insieme, quegli anni perduti si sommano alla cifra brutale di 2.100 milioni di anni.

Accorciare una vita significa, in molti casi, morire a causa di malattie causate da inquinamento, come tumori o problemi respiratori, e in altri casi a causa di complicazioni nelle persone con altre o fragili malattie a causa di patologie o di una semplice questione di età o malnutrizione

Nel 2013, la NASA ha creato una mappa in cui è possibile visualizzare i luoghi più inquinati del mondo, quelli in cui è più probabile che tu muoia per questa causa, tra cui Cina, India, Indonesia ed Europa.

E in futuro l'India migliorerà la sua situazione? Sebbene il Paese stia compiendo passi nella giusta direzione, ampliando la sua produzione di energia verde, con investimenti in energia solare ed eolica, non esistono ancora leggi che controllano i livelli di contaminazione di sostanze chimiche dannose come l'anidride solforosa o il mercurio.

Immagine della sezione 2

Se vuoi leggere altri articoli simili a Inquinamento in India abbrevia la vita di 660 milioni di persone, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria Inquinamento.

Raccomandato

Guarisci le ferite sui cuscinetti per gatti
2019
Impedisci al mio gatto di urinare a casa
2019
Els Altres - Clinica veterinaria
2019