Influenza equina - sintomi e trattamento

Vedi i file del cavallo

L'influenza equina è una malattia virale che colpisce il tratto respiratorio. Sebbene di solito non fatale, tranne nei casi in cui si verificano complicazioni, è molto contagioso e può colpire molti cavalli molto rapidamente. Come per tutte le malattie virali, la prevenzione sarà sempre migliore del trattamento, quindi si raccomanda la vaccinazione contro questa condizione.

In questo articolo di milanospettacoli.com parleremo in dettaglio dell'influenza equina. Spiegheremo quali sono i sintomi di questa malattia e come dovrebbe essere trattata. Inoltre, parleremo del virus stesso e di alcune misure preventive che possiamo adottare per prevenirne il verificarsi.

Cos'è l'influenza equina?

L'influenza o l'influenza equina è una delle malattie più comuni nei cavalli. Questa patologia respiratoria è causata dal virus dell'influenza equina . È altamente contagioso e raramente fatale che può essere trasmesso dal contatto diretto tra i cavalli, attraverso attrezzature o utensili contaminati o per via aerea.

Inoltre, gli animali colpiti possono eliminare il virus prima di manifestare i sintomi. Gli individui che non hanno ricevuto vaccini per i cavalli saranno infettati con ogni probabilità, quindi è facile che si verifichi un'epidemia equina .

Il virus agisce nel corpo infiammando la mucosa del tratto respiratorio e, pochi giorni dopo l'infezione, iniziano a manifestarsi i sintomi, che saranno come quelli di un'influenza. Il cavallo presenterà un quadro clinico con i seguenti segni:

  • febbre
  • torpore
  • Riduzione dell'attività
  • Perdita di appetito
  • Tosse secca
  • Distress respiratorio
  • Grandi nodi mandibolari
  • Edema (fluido nelle gambe)
  • Naso che cola
  • Secrezione oculare
  • Dolori muscolari
  • debolezza

La malattia di solito si manifesta in circa dieci giorni, ma i sintomi come la tosse possono rimanere molto più a lungo, soprattutto se l'animale non mantiene abbastanza riposo. Se il nostro cavallo mostra uno di questi segni, anche prima di avere la diagnosi dobbiamo separarlo dagli altri, se viviamo con più di uno.

Immagine: www.horseandhound.co.uk

Trattamento per l'influenza equina

Innanzitutto, il veterinario dovrà confermare la diagnosi, poiché i sintomi sono coincidenti con quelli che possono comparire in altre malattie che colpiscono il sistema respiratorio. La tosse secca è il segno clinico che di solito è considerato la più caratteristica dell'influenza equina. Prelevando un campione dall'interno del naso, il veterinario può cercare la presenza del virus.

A causa della facilità con cui si verificano le infezioni, un cavallo affetto da influenza equina dovrebbe rimanere isolato . Inoltre, per il recupero sono necessarie misure come le seguenti:

  • Riposo assoluto, che deve essere mantenuto fino a quando il veterinario non ci scarica.
  • Sistemazione in un luogo pulito e ben ventilato.
  • Cibo che puoi facilmente deglutire perché è importante farlo mangiare. Il veterinario consiglierà l'opzione migliore.
  • Alcuni pazienti avranno bisogno di antinfiammatori.
  • Se hanno anche una malattia batterica secondaria, verranno somministrati anche antibiotici. Questo tipo di complicanze aggrava il quadro e nei cavalli più deboli può essere fatale.

Prevenzione dell'influenza equina

Dovremmo sapere che, anche se un cavallo si è ripreso dall'influenza equina, non sarà immune per tutta la vita, cioè se entra di nuovo in contatto con il virus potrebbe infettarsi di nuovo. Pertanto, la migliore prevenzione è quella di somministrare il vaccino contro l'influenza equina secondo il nostro veterinario. Questo è uno dei vaccini per cavalli che è considerato obbligatorio quando il nostro cavallo partecipa a mostre, competizioni o mostre.

Anche così, un cavallo vaccinato sarà in grado di ammalarsi di influenza equina perché nessun vaccino può garantire l'immunità totale o coprire tutti i ceppi del virus . Comunque i sintomi che mostrerai saranno più lievi. Il vaccino deve essere ripetuto ogni anno o anche più frequentemente se il cavallo è a rischio di infezione. Sarebbe il caso di coloro che frequentano numerosi gruppi di cavalli, come quelli che partecipano alle competizioni.

Se adottiamo un nuovo cavallo, dobbiamo assicurarci che sia privo di influenza equina e che il suo stato di vaccinazione sia corretto. Aiuta anche a prevenire la disinfezione periodica di utensili o veicoli utilizzati dal cavallo e il frequente lavaggio delle mani quando lo maneggiamo. Il virus è sensibile a qualsiasi disinfettante comune.

L'influenza equina è una zoonosi?

Il virus dell'influenza equina appartiene al gruppo dei virus dell'influenza A. Tra i cavalli è molto contagioso ma non ci troviamo di fronte a una zoonosi . Sperimentalmente, è stato possibile infettare persone e persone che hanno sviluppato anticorpi contro questo virus ma non hanno contratto la malattia. Pertanto, i nostri sforzi dovrebbero essere diretti per evitare il contagio tra equidi .

Questo articolo è puramente informativo, in milanospettacoli.com non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti veterinari o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se desideri leggere altri articoli simili a Influenza equina - Sintomi e trattamento, ti consigliamo di accedere alla nostra sezione Malattie infettive.

Raccomandato

Stomatite nei gatti - Sintomi e trattamento
2019
Che cos'è l'erosione del suolo: cause e conseguenze
2019
È possibile avere un drago di Komodo come animale domestico?
2019