Il pangolino deve diventare "famoso" per evitare l'estinzione

Se sei un pangolino e vuoi dare un angolo all'estinzione, essere di una o dell'altra specie farà poca differenza. In tutti i casi, hai contato i giorni. Ed è che l'estinzione è proprio dietro l'angolo quando sei uno degli animali curiosi che sono inclusi sotto il nome di Manis.

Ora, tuttavia, hanno una protezione aggiuntiva. Forse era in ritardo. Speriamo di no, ma i dubbi sono più che logici, dal momento che è uno degli animali più trafficati del pianeta . Il divieto di caccia in tutto il mondo è anche accompagnato da una missione che corrisponde agli ambientalisti: farlo conoscere per impedirne l'estinzione.

Un grave declino

Per anni si credeva che le specie asiatiche fossero le più vulnerabili, ma i numeri sono drammatici per tutte. Gli esperti hanno avvertito sin dalla prima conferenza mondiale sulla conservazione dei pangolini, tenutasi a metà 2013 dall'Unione internazionale per la conservazione della natura e dalla Commissione di sopravvivenza delle specie (IUCN-SSC).

La sua principale minaccia? Bracconaggio e molte volte anche la sua cattura. Se il mammifero che subisce il traffico più clandestino è, il pangolino prende il palmo. In effetti, è il mammifero che soffre di più il contrabbando su tutto il pianeta e proprio per questo è sul filo del rasoio.

Massima protezione, invano

Sulla sua difficile situazione è stato discusso nella Convenzione internazionale sul commercio delle specie selvatiche minacciate di estinzione (CITES) tenutasi a Johannesburg (Sudafrica), alla quale hanno partecipato i 183 Stati membri della stessa.

Dopo aver analizzato la sua situazione e aver discusso le possibili misure per 12 giorni, è stato deciso di garantirgli il massimo grado di protezione, vietando il commercio internazionale del pangolino, perché lo considerava gravemente in pericolo. Prima era solo nell'elenco delle specie vulnerabili.

La notizia è stata accolta con entusiasmo dagli ambientalisti. "Questo è un grande successo e una buona notizia per una delle specie più minacciate al mondo", ha detto in un comunicato la portavoce della World Wide Nature (WWF) Ginette Hemley.

Da un lato, "questa protezione totale elimina qualsiasi problema relativo al suo commercio legale e rende più difficile la caccia ai trafficanti, poiché saranno sanzionati in modo più severo", conclude.

Tuttavia, la protezione su carta sarà di scarsa utilità nella pratica. Sono ben noti agli ambientalisti e proprio per questo sottolineano che la loro migliore garanzia di sopravvivenza non è altro che ottenere una maggiore visibilità .

Obiettivo: smettere di uccidere

Uno dei problemi principali nel fermare la sua uccisione è il suo nascondiglio. Non perché la caccia è furtiva, ma perché non è una specie conosciuta. Non tanto quanto gli altri che ne soffrono, il che è un ulteriore inconveniente.

Pertanto, rispetto ad altre specie trafficate, molto più "emblematiche", come elefanti o rinoceronti, il pangolino è un animale relativamente sconosciuto . Sicuramente, ad esempio, il pubblico in generale non ha la stessa consapevolezza del loro dramma e persino i ricercatori non sono in grado di fornire una stima affidabile della popolazione mondiale.

Ciò che è chiaro è l'importanza di frenare la loro uccisione. Se non raggiunti, gli esperti avvertono che il risultato sarà anche dannoso per gli ecosistemi, poiché la loro scomparsa altererà l'equilibrio dell'habitat delle foreste tropicali. In particolare, è previsto un aumento eccessivo delle popolazioni di formiche e termiti, il loro cibo.

Una figura è ben nota, che spiega il massacro di cui stanno soffrendo. Solo le specie presenti nella Lista Rossa dal 2014, ovvero le quattro specie del pangolino asiatico, totalizzano oltre un milione di animali venduti illegalmente nell'ultimo decennio .

Sono stime del Fondo internazionale per il benessere degli animali (IFAW). Saltare il divieto internazionale, quindi, è più che provato essere la norma, sebbene la sua estensione possa essere considerata solo una notizia eccellente.

Senza diventare sufficiente, né in alcun modo, mostra che esiste la preoccupazione per il problema, almeno a livello di conservazione. Nonostante alcuni altri divieti successivi in ​​diversi cittadini, anche in Cina, la caccia illegale continua.

Rimuovi la pangolina dall'ombra

Le sue diverse specie lo rendono un animale difficile da descrivere, ma si può ancora dire senza timore che sia uno degli animali più rari che esistano. È, quindi, un animale unico al mondo e a sua volta subisce il massacro coinvolto nel bracconaggio, soprattutto per l' uso nella medicina tradizionale asiatica .

La sua timidezza è una delle ragioni per cui è una facile preda. I cacciatori sfruttano la loro reazione quando sono minacciati. Sono fatti rotolare in una palla e cioè quando vengono introdotti in una borsa, senza ulteriori complicazioni.

Quindi, percorrono le stesse rotte di contrabbando asiatiche delle corna di rinoceronte, ma la denuncia dei media del terribile flagello che pesa su questa specie viene spesso dimenticata. All'ombra, un terreno fertile ideale per il commercio illegale da sparare.

Tonnellate di carne, ossa, pelli e vari organi vengono regolarmente scoperti in dogana, in valigie o in camion che attraversano la dogana. Soprattutto, nelle regioni asiatiche, anche se si trovano anche in molti altri paesi, come gli Stati Uniti o nelle dogane dei paesi europei, di solito destinati alla Cina o al Vietnam.

Se vuoi leggere altri articoli simili a El pangolin devi diventare "famoso" per evitare l'estinzione, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di animali in via di estinzione.

Raccomandato

Le ecoregioni del Perù e le loro caratteristiche
2019
Raschietto fatto in casa per gatti
2019
Idee imprenditoriali verdi
2019