I prodotti più inquinanti

L'immagine archetipica dell'inquinamento è di solito una fabbrica che emette fumo scuro o una città piena di coorti in un ingorgo. Ma nella nostra vita quotidiana ci sono pochi o nessun prodotto ecologico che dovremmo iniziare a scartare. Soprattutto, quando effettuiamo l'acquisto per la casa. Perché è necessario tenere conto sia degli effetti diretti che indiretti, relativi all'estrazione del prodotto, alla sua produzione, al suo uso o in che modo e dove diventano rifiuti. In questo articolo, mostriamo quali sono i prodotti più inquinanti.

Quali sono i prodotti più inquinanti

È stato presentato un rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP), Valutare gli impatti ambientali del consumo e della produzione, che mostra che per ridurre gli impatti sul pianeta, due settori devono essere cambiati in via prioritaria: di energia e cibo.

I combustibili fossili (petrolio, gas e carbone) producono da soli un grande impatto ambientale (influenzano negativamente il cambiamento climatico, hanno una grande tossicità), ma aumentano anche il carico ambientale di altri materiali che richiedono molta energia, come i minerali metallici.

Per quanto riguarda i prodotti alimentari, la loro produzione è un processo inefficiente che occupa il suolo, influisce negativamente sugli ecosistemi e sulla biodiversità e, in molti casi, utilizza una grande quantità di acqua. L' industria della carne è particolarmente inquinante, sia per le emissioni di gas nocivi, sia per l'uso crescente di terra e risorse per nutrire gli animali. Si prevede che nel 2050 tra il 40 e il 50% delle colture di cereali nel mondo saranno prodotte per l'alimentazione degli animali. Questa circostanza porta le Nazioni Unite a raccomandare una dieta con meno carne.

Uno studio analogo è stato condotto nell'Unione europea in cui sono stati analizzati 283 gruppi di prodotti di consumo in otto categorie di impatto (degradazione abiotica, acidificazione, ecotossicità, cambiamenti climatici, eutrofizzazione, tossicità, riduzione dello strato di ozono e ossidazione fotochimica ). Lo studio sull'impatto ambientale dei prodotti è stato condotto dall'Institute for Technological Prospecting (IPTS) del Centro comune di ricerca della Commissione europea. La conclusione è che alimenti e bevande sono responsabili tra il 20 e il 30% degli impatti sulle diverse categorie, la costruzione e l'uso di abitazioni, tra il 20 e il 35% e il trasporto motorizzato, di tra il 15 e il 35%. In altre parole, questi tre settori sono responsabili tra il 70 e l'80% di tutti i danni ambientali causati dai consumi.

Più in dettaglio, lo studio ritiene che i prodotti con il maggior contributo ai cambiamenti climatici siano veicoli a motore (15%), carne (5, 5%), impianti di riscaldamento (4, 7%), uccelli ruspanti (3, 9%), nuove residenze (3, 2%), salsicce e altri prodotti a base di carne preparati (2, 5%), latte (2, 4%) e formaggi (2, 1% ).

Se desideri leggere altri articoli simili a I prodotti più inquinanti, ti consigliamo di inserire la nostra categoria Inquinamento.

Raccomandato

I cani possono mangiare cibo per gatti?
2019
Tipi di energia rinnovabile e suoi vantaggi
2019
Tramadolo per cani - Dosaggio, usi ed effetti collaterali
2019