Frutta e verdura per pappagalli

La dieta dei pappagalli dovrebbe includere frutta e verdura per soddisfare le loro esigenze nutrizionali. Una dieta varia, sana e di qualità avrà un pappagallo sano e felice. Certo, dobbiamo conoscere le specie di pappagallo in particolare per finire di definire correttamente la loro dieta, così come le loro strategie di alimentazione, solo in questo modo otterremo un cibo il più simile possibile a quello che avrebbero avuto in natura. In caso di dubbio, consultare un veterinario.

Ricordiamo che una dieta basata esclusivamente su preparati commerciali può causare carenze di minerali, vitamine e aminoacidi essenziali, oltre a contenere alti livelli di grassi. Allo stesso modo, può anche favorire la comparsa di problemi comportamentali . Per tutto questo, in questo articolo di milanospettacoli.com spieghiamo quali sono i migliori frutti vegetali per pappagalli, rivedendo il loro valore nutrizionale, la frequenza e molto altro.

Cosa mangiano i pappagalli?

Come ti abbiamo già detto, l' alimentazione dei pappagalli può essere estremamente varia, quindi sarà essenziale conoscere le specie a cui appartiene per determinare quali sono i cibi migliori per loro. Inoltre, dobbiamo tenere conto delle caratteristiche del cibo offerto per calcolare le razioni, come la consistenza, il gusto o l'argento, poiché possono favorire un consumo eccessivo se il pappagallo piace. Proveremo diversi tipi di alimenti e dimensioni, per conoscere le tue preferenze .

In generale, il 75% della dieta dei pappagalli dovrebbe basarsi su frutta e verdura, il 20% su mangimi o altri alimenti che completano le loro esigenze nutrizionali e il 5% su premi e premi. Modereremo il consumo della frutta, a causa dei suoi alti livelli di zucchero, e promuoveremo quello delle verdure, che hanno un alto valore nutrizionale, molta fibra e pochi grassi . Razioneremo anche semi e noci, perché anche se li adorano contengono livelli molto alti di grassi.

L'uso della sabbia, molto popolare nel mondo del pollame, non è considerato dannoso ma non necessario se l'animale ha una dieta equilibrata adattata alle sue esigenze. Inoltre, per completare la dieta di frutta e verdura per pappagalli, alcuni tutor decidono di offrire vitamine per il piumaggio dei pappagalli, preferibilmente di origine naturale, dal momento che quelli di origine artificiale non sono raccomandati da diversi autori. Un eccesso di vitamina A, ad esempio, può causare problemi di salute associati a due specie di psittaciformi: Glossopsitta porphyrocephala e Glossopsitta pusilla .

Può succedere che un pappagallo non riconosca un nuovo cibo come tale, specialmente se lo presentiamo nella sua fase adulta. Proprio per questo motivo, quando alcuni proprietari iniziano il passaggio a una dieta più naturale e sana hanno alcune difficoltà. In questi casi cercheremo di mescolarlo con altri alimenti, di variare le dimensioni o di introdurlo in giocattoli che aiutano a migliorare l'arricchimento ambientale degli uccelli.

Infine, si noti che non è consigliabile lasciare cibo al libitum (libera scelta), soprattutto quando si parla di semi, poiché gli uccelli potrebbero non prendere le giuste decisioni per quanto riguarda le quantità. In ogni caso, dobbiamo valutare le loro esigenze e adattarle all'individuo.

Frutta Pappagallo

I frutti sono ideali e condizionano direttamente i colori del piumaggio del nostro pappagallo, ti aiutano anche a essere più sano e attivo. Tuttavia, è importante riesaminare il tipo di frutta che stiamo offrendo, poiché ce ne sono alcuni con un alto contenuto di zucchero che potrebbe influire negativamente sulla salute se lo offriamo in eccesso.

Idealmente, acquista una varietà di frutti ogni settimana e varia in modo che il nostro pappagallo riceva le diverse vitamine di cui ha bisogno. Dovresti ricevere tre diversi tipi di frutta ogni giorno. Non dimenticare di lavare accuratamente la frutta per evitare la presenza di pesticidi. Scommetteremo anche sulla frutta di stagione .

I frutti per i pappagalli che possiamo dare ogni giorno sono:

  • mela
  • pera
  • mandarino
  • arancione
  • albicocca
  • mirtillo
  • dresa
  • pompelmo
  • anguria
  • kiwi
  • ananas
  • papaia
  • cachi
  • melograni

Frutti che dobbiamo razionare 2 o 3 volte a settimana :

  • mango
  • ciliegia
  • uva
  • melone
  • banana
  • pesca
  • nespola

Pappagallo

La verdura dovrebbe rappresentare la base della dieta dei pappagalli, sebbene la percentuale possa variare a seconda dell'individuo e della specie a cui appartiene. Da questi alimenti estraggono i nutrienti più importanti, le fibre e le vitamine necessarie. Le verdure per pappagalli che possiamo dare quotidianamente sono:

  • spinaci
  • broccoli
  • carciofo
  • ebraico
  • cavolfiore
  • Pepe verde
  • Pepe rosso
  • Peperone giallo
  • Pepe arancione
  • Bietola svizzera
  • indivia
  • canoni
  • Germogli verdi
  • indivia
  • carota
  • ravanello
  • sedano

Possiamo razionare 2 o 3 volte a settimana :

  • lattuga
  • Patate dolci cotte
  • Patate Cotte

Semi per pappagalli

Come abbiamo accennato, a molti pappagalli piacciono i semi, tuttavia, è importante razionarli, poiché contengono un elevato apporto di grassi . Li offriremo solo come premi, che rappresentano un massimo del 5% della dieta dell'individuo. Alcuni esempi di semi sono:

  • mangime per uccelli
  • canapa
  • cardo
  • cartamo
  • Miglio giallo
  • Miglio rosso
  • girasole
  • grano saraceno
  • avena
  • zucca

Più alimenti di origine naturale

Oltre a frutta e verdura per pappagalli, possiamo anche offrire un altro tipo di cibo naturale al nostro pappagallo in modo che la sua dieta sia molto ricca e nutriente:

  • Legumi : i legumi sono un fantastico contributo al nostro pappagallo ma devono essere razionati una o due volte alla settimana. Dovrebbero essere immersi in modo che non siano difficili quando li offriamo. Alcuni esempi: lenticchie, ceci, soia, quinoa.
  • Riso : come i legumi, il riso è un cereale che può essere benefico per il nostro pappagallo. Deve anche essere immerso prima di gonfiarsi e non causare gravi problemi intestinali.
  • Noci : questo tipo di cibo dovrebbe essere offerto molto occasionalmente per non causare problemi all'apparato digerente del pappagallo. Possiamo usarlo come ricompensa se lavoriamo piccoli trucchi. Sono particolarmente adatti per i periodi più freddi. Alcuni esempi sono: noci, nocciole, pistacchi o pinoli.

Cibo proibito

Gli alimenti che descriviamo di seguito possono essere molto dannosi per la salute del tuo pappagallo. Pertanto, ogni proprietario dovrebbe essere informato in modo approfondito su quali sono gli alimenti proibiti per i pappagalli ed evitare di includerli sempre nella loro dieta. Sono i seguenti:

  • avocado
  • carne
  • pesce
  • latte
  • Cibo fritto
  • Bevande analcoliche
  • zucchero
  • caffè
  • alcool
  • cacao

Perché il mio pappagallo non mangia?

Ora sai quali sono i migliori frutti e verdure per i pappagalli, tuttavia, è importante sapere perché un pappagallo smette di mangiare. La prima cosa che dovremmo fare quando osserviamo i sintomi che un pappagallo è malato andrà dal veterinario per una revisione generale ed escluderà qualsiasi patologia grave.

Possiamo anche essere allarmati quando osserviamo che il pappagallo lancia il cibo, in questo caso, potrebbe essere perché alcuni cibi non piacciono e i tuoi preferiti sono selezionati . Tuttavia, può anche essere correlato a problemi comportamentali, quindi presta attenzione alla possibile comparsa di sintomi di stress nei pappagalli, che possono indicare noia, solitudine o mancanza di arricchimento ambientale.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Frutta e verdura per pappagalli, ti consigliamo di entrare nella nostra sezione Diete bilanciate.

bibliografia
  • Mariana Monteiro Campos Castanheira. (2016). Sull'influenza di Manifestações Comportamentais em Psitacideos - Amministrazione epidemiologica nella penisola iberica. 2019, dall'Università di Trás-os-Montes e Alto Douro
  • Bauck, L. (1995). Problemi nutrizionali negli uccelli da compagnia. Seminari in medicina aviaria ed esotica, 4 (1), 3–8
  • Stahl, S. e Kronfeld, D. (1998). Nutrizione veterinaria di grandi psittacine. Seminari in medicina aviaria ed esotica, 7 (3), 128-134.
  • Hess, L., Mauldin, G. e Rosenthal, K. (2002). Contenuto di nutrienti stimato delle diete comunemente somministrate agli uccelli da compagnia. The Veterinary Record, 150 (13), 399–404.
  • Schulte, MS, & Rupley, AE (2004). Cure avicole e allevamento. Cliniche veterinarie del Nord America - Exotic Animal Practice, 7 (2), 315–350.
  • Ullrey, DE, Allen, ME e Baer, ​​DJ (1991). Diete formulate rispetto a miscele di semi per psittacine. The Journal of Nutrition, 121 (Suppl 11), 193–205
  • Davis, CS (1991). Psicologia dei pappagalli e problemi comportamentali. Vet Clin North Am Small Anim Pract, 21 (6), 1281-1288.
  • Davis, C. (1995). Consulenza sulla modifica del comportamento - Un'alleanza tra veterinario e consulente comportamentale. Seminari in medicina aviaria ed esotica, 4 (1), 39–42.
  • Eduardo, C., Ferreira, WM, Maria, F., Borges, DO, e Lara, LB (2007). Spese e consumi bilanciati e consumati di Girassol per Papagaios Verdadeiros (Amazona aestiva). Ciênc.agrotec, Lavras, 31 (4), 1176-1183.
  • Schulte, MS, & Rupley, AE (2004). Cure avicole e allevamento. Cliniche veterinarie del Nord America - Exotic Animal Practice, 7 (2), 315–350.
  • Harrison, GJ e Macdonald, D. (2006). Considerazioni nutrizionali Sezione II: D nutrizionale

Raccomandato

Sintomi di un cane malato
2019
Toelettatura cani Bau
2019
Coltivazione e raccolta di menta piperita
2019