Falsi miti sugli animali che abbiamo sempre creduto

Anche il mondo animale è afflitto da falsi miti . Credenze che accettiamo come vere fin dall'infanzia e che non ci siamo fermati a controllare. Molti di questi argomenti probabilmente già sanno che non sono veri, specialmente se sei un amante degli animali e sei interessato a tutto ciò che riguarda la fauna del mondo. Altri potrebbero sorprenderti. Vi diciamo alcuni di essi e spieghiamo perché sono diventati credenze popolari e perché hanno dimostrato che non sono altro che semplici convinzioni lontane dalla realtà.

Ogni anno della vita di un cane equivale a sette degli umani

Abbiamo sempre sentito questa espressione: che per "tradurre" la vita di un cane in termini umani, si doveva moltiplicare ogni anno della vita del cane per sette. Sebbene ci siano studi che hanno reso questa relazione a grandi linee, l'equivalente non può essere eseguito in modo così semplice. Innanzitutto, dipende molto dalla razza del cane; Mentre alcuni tendono a vivere molto più a lungo, ci sono razze più delicate, i cui cani di solito hanno una vita più breve. Come regola generale, come recentemente stimato dall'Associazione dei veterinari degli Stati Uniti, un cane di taglia media durante il suo primo anno di vita si svilupperebbe come umano in quindici anni. Una volta raggiunto il secondo, le cose cambiano e parleremmo di nove anni umani. Dal terzo anno in poi, è più preciso contare cinque anni come equivalenti nella vita di un uomo o di una donna.

I tori attaccano quando vedono il colore rosso

La corrida ci ha lasciato questa credenza popolare, ma in realtà ha poco a che fare con il colore del mantello. Ciò che altera veramente l'animale è il movimento; in questo caso il pezzo di stoffa si agita. Numerosi test sono stati condotti con lo stesso tipo di tessuto in colori molto diversi e è stato dimostrato che il toro non ha preferenze - molto meno più o meno aggressive - nei confronti di qualsiasi colore particolare.

Gli struzzi nascondono la testa sottoterra quando provano paura

Questa immagine ci ha accompagnato fin dall'infanzia, soprattutto a causa di vari cartoni animati, film o fumetti. In realtà, non è molto coerente che questi uccelli con un collo così lungo possano nasconderlo nella sabbia con tale facilità . In realtà, non è un animale che di solito si nasconde quando pensa che si nasconda qualche pericolo. Il comportamento naturale dello struzzo quando ciò accade è correre più veloce che può, come la maggior parte degli animali.

Le api muoiono immediatamente dopo il prurito

In alcuni casi, la stessa cosa è stata ascoltata anche sulle vespe . È il conforto che le nostre madri ci hanno detto quando uno di questi insetti si era fatto male alla pelle durante il prurito. È vero che ci sono alcune specie di questi insetti che, mettendo i loro pungiglioni sulla spessa pelle umana, si dividono in due e questo li fa morire. Ma gli esperti affermano che ciò si verifica in una su mille specie e si dice che ci siano più di 20.000 specie di api e vespe diverse.

I maiali sudano molto

In Spagna, quando sudiamo la goccia di grasso, di solito viene usata l'espressione "sudare come un pollo", sebbene nei paesi del nord Europa sia più comune definirlo confrontandolo con "un maiale". Questo perché si ritiene che questi animali trascorrano la giornata sudando, a causa dell'aspetto che la loro pelle adotta prima del vapore esterno, ma in realtà questi animali non sudano. Hanno ghiandole sudoripare, ma non abbastanza da far sembrare umido il tuo corpo.

I pipistrelli sono ciechi

Questo è uno dei miti più presi come veri da molte persone. Questo cominciò a dirsi perché, se osserviamo come vola un pipistrello, sembrano incapaci, come se non sapessero dove stanno andando. Ma in realtà non solo non hanno problemi di vista, ma riescono perfettamente al buio, quindi sono animali che volano fuori di notte, per cercare cibo e possono volare diverse ore senza scontrarsi con nessun oggetto. Questo è possibile perché hanno una specie di radar che li avverte di ostacoli . In effetti, l'American Veterinary Association afferma che alcuni tipi di pipistrelli sono in grado di vedere tre volte meglio degli umani.

I topi sono pirrenizzati dal formaggio

I cartoni animati (come il mitico Tom e Jerry o l' adattamento Disney di "Cenerentola") ci hanno fatto credere a diverse generazioni che i topi muoiono per un pezzo di formaggio. Ma in realtà non è affatto il piatto preferito di questi roditori, a causa del loro odore e aspetto grasso. Il gusto dei topi è molto più semplice: nessuno sceglierebbe il formaggio se potesse mangiare cereali o frutta prima.

I gatti amano il latte

Un altro falso mito ereditato da disegni di animali e quell'immagine di un gattino che beve latte in una ciotola. Ma, se ci pensiamo, il corpo dei gatti non è pronto a digerire qualcosa di forte come il lattosio. Se un gatto beve latte, probabilmente si ammalerà presto dallo stomaco .

I cammelli tengono l'acqua nelle loro gobbe

Molti di noi l'hanno pensato durante la nostra infanzia e siamo rimasti affascinati da questo animale del deserto che è in grado di non morire disidratato grazie ai grumi della sua schiena. Ma la realtà non è esattamente così. Anche se è vero che questi animali possono vivere sette giorni senza acqua potabile, non è perché è dentro le gobbe. In essi si accumula molto grasso, il che dà loro energia, ma le parti del cammello dove viene trattenuta più acqua sono i reni e l' intestino dell'animale . È l'efficienza di questi organi che consente loro di risparmiare la propria acqua, acqua e non disidratarsi.

Se vuoi leggere altri articoli simili ai falsi miti sugli animali che abbiamo sempre creduto, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Curiosità degli animali.

Raccomandato

4 ricette di gelati per cani
2019
Che cos'è il degrado del suolo?
2019
I giardini urbani possono essere contaminati da metalli tossici
2019