Energie rinnovabili e non rinnovabili: esempi e sintesi

Uno dei problemi più studiati al mondo oggi è quello delle forme di energia che possono sostituire quelle che attualmente usiamo, che oltre a produrre effetti dannosi per il nostro pianeta, stanno iniziando a minacciare di esaurirsi. Attualmente non potremmo immaginare le nostre vite senza elettricità. Ecco perché, in abbiamo considerato interessante dirti quali altre alternative esistono e che stanno iniziando a essere sviluppate, le cosiddette energie rinnovabili; oltre a commentare un po 'queste energie non rinnovabili che stiamo sfruttando in eccesso. Continua a leggere se vuoi saperne di più sulle energie rinnovabili e non rinnovabili, con esempi e sintesi . Prendi nota!

Cosa sono le energie rinnovabili?

Quando parliamo di energie rinnovabili ci riferiamo a quelle energie che provengono da fonti naturali e quasi inesauribili, sia per la quantità di energia che contengono sia per la loro capacità di rigenerarsi naturalmente. Diciamo "quasi" perché queste fonti di energia sono soggette a un periodo di rinnovo, quindi il loro sfruttamento deve rispettare questi periodi in modo che funzionino veramente come fonti di energia illimitate .

Questi tipi di energie sono state considerate energie alternative negli anni 1970. Tuttavia oggi sono ancora più costose delle energie convenzionali. Un altro svantaggio è che per sfruttare queste fonti energetiche sono necessari spazi molto ampi e per questo motivo non è sempre garantita la possibilità di avere queste terre estese.

Ma a questo punto, vale la pena evidenziare un dettaglio. Che siano energie rinnovabili non significa che non siano inquinanti. È quindi che le fonti di energia rinnovabile sono classificate come contaminanti e non contaminanti o pulite.

Tra le fonti non inquinanti o pulite troviamo quanto segue:

  • Il vento, che genera energia eolica.
  • Il calore proveniente dall'interno della terra è energia geotermica.
  • Fiumi e corsi d'acqua dolce generano energia idraulica o idroelettrica.
  • Il sole produce energia solare.
  • I mari e gli oceani generano energia delle maree.
  • Le onde danno energia alle onde.
  • L'unione di corpi d'acqua dolce e corpi d'acqua salata è energia blu.

D'altro canto, le energie rinnovabili inquinanti sono quelle che provengono dalla biomassa o dalla materia organica. Questi possono essere usati direttamente come combustibili bruciando o possono essere usati una volta convertiti in bioetanolo o biodiesel. Essendo energie inquinanti, il problema di questo tipo di energia è lo stesso del problema della contaminazione dell'energia: l'emissione di anidride carbonica attraverso la combustione.

Inoltre, consigliamo di leggere questo altro articolo su Le energie rinnovabili sono alternative valide?

Esempi di energie rinnovabili

Ora che sappiamo quali sono le energie rinnovabili e che tipi ci sono, andiamo ad alcuni esempi di queste forme di energie, che, come abbiamo visto, variano a seconda della fonte che le genera.

  • Energia eolica: quella che si ottiene dalla forza del vento o delle correnti d'aria. Le turbine eoliche trasformano l'energia del movimento di queste correnti in energia elettrica.
  • Energia geotermica: la fonte di energia è all'interno della Terra, perché vengono utilizzati i fenomeni termici che si verificano sotto la crosta terrestre.
  • Energia solare: la più nota, quella che si ottiene dalle radiazioni solari e che viene raccolta attraverso i pannelli solari.
  • Energia idroelettrica o idroelettrica: proviene dall'energia creata dalle "cascate" che si verificano nei fiumi, che azionano alcune turbine che producono il movimento di un generatore elettrico che genera energia.
  • Energia blu: chiamata anche potenza osmotica, questa energia è ottenuta a causa della differenza tra le concentrazioni saline dell'acqua di fiume e dell'acqua di mare. È particolarmente utile nelle regioni in cui i fiumi sono molto abbondanti, poiché verranno prodotte maggiori quantità di energia. L'unico rifiuto generato è l'acqua salmastra.
  • Energia delle maree: questo tipo di energia sfrutta l'energia prodotta da onde (energia delle onde), maree, gradienti di salinità (energia osmotica) o differenze nella temperatura dell'oceano.
  • Biomassa: questo tipo di energia sfrutta la materia organica che si forma a causa di processi biologici di esseri viventi come piante o animali, nonché i loro resti e residui. Questi prodotti generati possono bruciare (combustione) e ottenere energia o trasformarli in altre sostanze come carburanti o alimenti che possono essere utilizzati in seguito.
  • Biocarburanti: questi sarebbero derivati ​​dalla precedente forma di energia discussa. Sono miscele di sostanze di origine organica che vengono utilizzate come combustibili. Questi biocarburanti possono essere ottenuti da diversi tipi di verdure come mais, soia, girasole, palme e persino eucalipti e pini.

Cosa sono le energie non rinnovabili?

Le energie non rinnovabili, come abbiamo accennato in precedenza, si riferiscono a forme convenzionali di energia, quelle le cui risorse da cui sono ottenute sono limitate, cioè non si auto-rigenerano come le energie rinnovabili.

Più comunemente, i combustibili fossili vengono bruciati per generare queste fonti di energia, che nella loro combustione causano l'emissione di una grande quantità di gas serra. Questi gas oggi sono uno dei principali responsabili dei cambiamenti climatici, poiché la loro quantità nell'atmosfera sta aumentando molto rapidamente.

Esempi di energia non rinnovabile

All'interno di questo tipo di energia non rinnovabile possiamo trovare due gruppi principali:

Combustibili fossili

Combustibili fossili, come petrolio (forma liquida), carbone (solido) e gas naturale (gas). Questi combustibili fossili provengono dalla biomassa generata milioni di anni fa che sono diventati tali combustibili dopo aver subito adeguate condizioni di pressione e temperatura.

  • Petrolio: il petrolio è un composto organico composto da una miscela di idrocarburi insolubili in acqua e che si è formata dalla trasformazione della materia organica che si è accumulata come sedimenti.
  • Carbone: il carbone è di nuovo una roccia sedimentaria di origine organica formata da detriti vegetali che si decompongono e si accumulano nelle aree paludose.
  • Gas naturale: in questo caso si tratta di un idrocarburo derivante dalla miscela di gas di origine naturale, principalmente metano, e che si forma dalla decomposizione di più strati di piante e materia di origine animale esposta a intenso calore e pressione durante milioni di anni

Energia nucleare

L'altro gruppo di energie non rinnovabili è quello corrispondente all'energia nucleare. La materia è composta da atomi, che sono formati da un nucleo e uno o più elettroni distribuiti in strati (nuvola di elettroni) sul nucleo, che a sua volta è composto da uno o più protoni e un uguale numero di neutroni.

Ma cosa c'entra tutto questo con l'energia nucleare? Il nucleo atomico di alcuni elementi come l'uranio, può essere disintegrato e rilasciare energia, che viene utilizzata dalle centrali termonucleari per produrre elettricità, ovvero l'energia nucleare si ottiene dalla rottura degli atomi di alcuni minerali radioattivi (fissione). Tuttavia, le scorie nucleari prodotte impiegano del tempo a perdere le sue proprietà radioattive e possono volerci molti anni per scomparire.

Riepilogo delle energie rinnovabili e non rinnovabili

Per concludere questo articolo, di seguito, riassumeremo tutte le informazioni presentate nelle sezioni precedenti.

Come abbiamo detto, le energie rinnovabili sono quelle che provengono da fonti naturali quasi illimitate, ma che hanno bisogno di un tempo di rinnovo per recuperare. Esistono energie rinnovabili non inquinanti o pulite e contaminanti energie rinnovabili.

Tra le energie rinnovabili pulite abbiamo messo in evidenza l'energia eolica, solare, idroelettrica, geotermica, di marea, di onda o blu. Come inquinanti energie rinnovabili abbiamo messo in evidenza quelli la cui fonte è la biomassa o la materia organica. Il suo problema è che, come nelle energie convenzionali, la sua combustione produce emissioni di anidride carbonica nell'atmosfera.

D'altra parte, delle energie non rinnovabili abbiamo detto che, a differenza delle energie rinnovabili, sono ottenute da risorse limitate e non hanno la capacità di rigenerarsi. Il più comune è che queste energie sono ottenute soprattutto dalla combustione di combustibili fossili come petrolio, carbone o gas naturale. La combustione di questi materiali contribuisce all'attuale cambiamento climatico emettendo una grande quantità di gas serra.

Esiste un altro gruppo di energie non rinnovabili, quello dell'energia nucleare. L'energia nucleare deriva dal processo di fissione, il processo mediante il quale il nucleo atomico degli atomi decade per rilasciare successivamente energia, utilizzata dalle centrali termonucleari per la produzione di elettricità. Il grande svantaggio dell'energia nucleare è che le scorie nucleari impiegano molto tempo a scomparire e a perdere la sua radioattività.

Se desideri leggere altri articoli simili a Energie rinnovabili e non rinnovabili: esempi e sintesi, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di energie rinnovabili.

Raccomandato

Stomatite nei gatti - Sintomi e trattamento
2019
Che cos'è l'erosione del suolo: cause e conseguenze
2019
È possibile avere un drago di Komodo come animale domestico?
2019