Ecoturismo: definizione e caratteristiche

Si sente sempre più parlare di ecoturismo o turismo ecologico, poiché è uno dei settori che è cresciuto di più negli ultimi anni nel settore del turismo nel suo insieme. Ciononostante, ciò non significa che tutti sappiano come definire correttamente cosa poiché, in molti casi, l'idea del turismo ecologico è confusa con il turismo che, in un modo o nell'altro, è in qualche modo legato all'ambiente. naturale, ma senza specificare di più il tipo di relazione che il turista sviluppa con quel luogo che visita.

Ciò porta spesso a un'idea errata o, almeno, incompleta di cosa sia l'ecoturismo e di tutte le sue implicazioni ambientali e sociali. Se vuoi saperne di più su questo modo di viaggiare che è caratterizzato dal rispetto degli ambienti in cui viene praticato, continua a leggere, in cui ti raccontiamo tutto sull'ecoturismo: definizione e caratteristiche .

Cos'è l'ecoturismo e cosa no

Secondo la definizione di ecoturismo fornita dalla International Ecotourism Society (TIES), può essere definito come "un viaggio responsabile nelle aree naturali che preservano l'ambiente e migliorano il benessere della popolazione locale". Quindi, parlare di ecoturismo significa parlare di turismo responsabile con l'ambiente e la società locale che vive in quell'ambiente. Vale a dire che, a differenza di ciò che si può pensare all'inizio, l'ecoturismo non è una qualsiasi forma di turismo che ha una relazione con la natura, ma, oltre ad essere collegato ad essa, detta relazione deve sempre essere stabilita dal rispetto e da una prospettiva etica.

In questo modo, se prendiamo ad esempio un viaggio in montagna, possiamo parlare del turismo ecologico poiché è un ambiente naturale. Ma ciò che definirà veramente che il nostro viaggio è un esempio di ecoturismo o meno, sarà il rapporto che instauriamo con la montagna e non solo il luogo prescelto.

In questo modo, se facciamo un percorso a piedi e il nostro viaggio non ha un impatto negativo sulla montagna (non depositiamo immondizia nell'ambiente, non danneggiamo la flora e la fauna dell'ambiente, non collaboriamo con aziende che sfruttano in modo insostenibile il patrimonio naturale o la popolazione locale, ecc.), possono essere considerati un esempio di turismo ecologico.

Mentre, al contrario, lo stesso viaggio viene effettuato in modo insostenibile, ad esempio utilizzando strutture come le stazioni sciistiche (il cui impatto è terribilmente dannoso sull'ambiente montano), nonostante sia un tipo di turismo in relazione con un ambiente naturale e che può generare ricchezza per la popolazione locale, non possiamo davvero parlare di ecoturismo, dal momento che il rapporto tra turista e ambiente implica il degrado dello stesso per la realizzazione della sua attività turistica.

I sette principi del vero ecoturismo

La International Ecotourism Society ha definito l'ecoturismo più autentico come uno che rispetta determinati principi. Questi sono i sette principi del turismo ecologico :

  1. Ridurre al minimo gli impatti negativi, sia per l'ambiente che per la comunità.
  2. Costruire rispetto e consapevolezza, sia ambientale che culturale.
  3. Sviluppa esperienze positive, sia per i turisti che per la popolazione locale.
  4. Produrre benefici finanziari diretti per la conservazione del luogo.
  5. Garantire l'ottenimento di risorse finanziarie e favorire la partecipazione alle decisioni della comunità.
  6. Incoraggiare la sensibilità al clima, sia politico che ambientale e sociale, dei luoghi visitati.
  7. Sostenere sia i diritti umani universali sia le leggi e le normative locali sul lavoro.

Questi sette principi costituiscono un punto di partenza per comprendere la profondità di ciò che il turismo ecologico implica e quali sono i suoi obiettivi, sia a breve che a lungo termine.

Cosa implica il turismo attuale nella società dei consumi

Oggi, all'interno della società dei consumi in cui viviamo, esiste una grande varietà di modi di "visite turistiche" e, come in molte delle attività quotidiane di questo tipo di società, il suo impatto sull'ambiente L'atmosfera è disastrosa. Questo tipo di " turismo dei consumatori " implica il degrado degli ambienti naturali e lo sfruttamento delle risorse umane locali al fine di ottenere il massimo beneficio senza tener conto dell'impatto che genera.

Questo modo di intendere il turismo costituisce un errore molto grave, sia dal punto di vista etico che economico. Dal punto di vista etico, il degrado ambientale e l' abuso della popolazione locale sono ingiustificabili. Da un punto di vista economico, questo tipo di turismo comporta la distruzione del patrimonio che consente all'attività turistica di esistere e che la sostiene, quindi finirà per assumere la propria distruzione come un settore che genera ricchezza.

In questo modo, il turismo dei consumatori viene presentato come la versione turistica del modello "usa e getta" che predomina in gran parte nelle attività della società di oggi, che è l'esempio più negativo di qualsiasi modo di relazionarsi con l'ambiente.

Al contrario, l' ecoturismo è un modello turistico in cui la realizzazione della propria attività non implica la distruzione dell'ambiente e l'attrazione turistica che ne consente la realizzazione. Che ha anche conseguenze, sia etiche che economiche. Dal punto di vista etico, è un modello turistico che consente un rapporto responsabile con la natura e con le comunità locali . E dal punto di vista economico, garantisce che l'attività turistica in questione costituisca un'attività che dura nel tempo, il che implica che può generare ricchezza indefinitamente e senza una data di scadenza e garantisce un futuro economico sostenibile per le comunità locali.

Esempi di come fare l'ecoturismo

Alcuni degli esempi più rappresentativi di ecoturismo si possono trovare nella gestione di alcuni parchi naturali e riserve marine che hanno adattato il loro modello di business, privilegiando la conservazione dell'ambiente rispetto ai benefici del turismo dei consumatori. Questo viene realizzato attraverso politiche concrete, alcune delle più comuni sono le seguenti:

Limitare il numero di visitatori e l'accesso con veicoli privati

Questa è una misura fondamentale per ridurre l'impatto del turismo di massa . I biglietti devono essere acquistati in anticipo, il che consente di gestire meglio i flussi turistici, che non superano mai il numero di visitatori che i responsabili dell'area non possono controllare. Allo stesso modo, l'accesso su strada è limitato, facendo sì che il turista abbia accesso all'ambiente protetto con mezzi di trasporto speciali destinati a questo scopo ed evitando l'ingresso di mezzi di trasporto privati.

Attività senza impatto distruttivo

Naturalmente, la presenza dei soli turisti ha un impatto sull'ambiente. Tuttavia, le attività il cui impatto non è distruttivo o irreparabile sono prioritarie. Ad esempio, una visita a un parco naturale è consentita durante il giorno, ma è vietato campeggiare di notte.

Creazione di un'infrastruttura sostenibile

Il modo migliore per gestire un ambiente turistico in modo sostenibile prevede un'infrastruttura che gestisca in modo sostenibile i turisti. In questo senso, i gesti semplici come avere bidoni nelle aree di parcheggio rendono il lavoro più semplice.

Creazione di posti di lavoro e rilancio dell'economia locale

La creazione di posti di lavoro locali è favorita, poiché richiede la presenza continua di lavoratori. Ad esempio, guardie forestali, veterinari, personale di assistenza visitatori, artigianato locale, ecc.

consapevolezza

Allo stesso modo in cui viene creata un'infrastruttura tangibile in modo che i turisti possano visitare l'ambiente in modo responsabile, sono anche consapevoli dell'importanza dell'ambiente in cui si trovano, nonché dell'importanza della loro collaborazione affinché possano continuare a essere preservati. Nelle stesse condizioni

Se vuoi leggere altri articoli simili all'ecoturismo: definizione e caratteristiche, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria Turismo.

Raccomandato

5 sintomi che un cane sta per morire
2019
Qual è l'impatto ambientale del consumo di carta?
2019
Il mio coniglio non mangia fieno
2019