Ecosistemi Lentic: cosa sono ed esempi

La conoscenza degli ecosistemi è un mondo che ci offre sorprendenti scoperte sul funzionamento della natura. A diverse scale, da organismi e individui a comunità di specie, saremo in grado di scoprire diverse tecniche di adattamento che gli esseri viventi svolgono nella loro vita quotidiana per sopravvivere nei loro habitat. Questi habitat si trovano talvolta nelle regioni terrestri, molti altri nelle aree acquatiche o anche in regioni miste (terra-acqua o aria-terra).

Nel prossimo articolo ci concentreremo esclusivamente sugli ecosistemi acquatici, all'interno dei quali compaiono ecosistemi lenticolari, il cui nome potrebbe ancora essere sconosciuto ad alcuni lettori. Continua a leggere l'articolo per scoprire ecosistemi lenticolari: cosa sono, esempi e le loro caratteristiche principali.

Tipi di ecosistemi acquatici o acquatici

I diversi tipi di ecosistemi acquatici possono essere classificati in due grandi gruppi, a seconda che siano costituiti da acqua dolce o fresca. Vediamo, quindi, tutti i tipi di ecosistemi acquatici naturali che possiamo trovare in tutto il mondo.

Ecosistemi acquatici marini (acqua salata)

  • mari
  • oceani
  • paludi

In questo altro post parliamo di più su quali sono gli ecosistemi acquatici di acqua salata e le loro caratteristiche.

Ecosistemi acquatici d'acqua dolce

  • Fiumi e torrenti
  • Laghi e Lagune
  • paludi
  • zone umide

Qui puoi saperne di più sugli ecosistemi acquatici d'acqua dolce, sulle loro caratteristiche ed esempi.

All'interno di questa classificazione degli ecosistemi acquatici d'acqua dolce, se prestiamo attenzione al "comportamento" dell'acqua all'interno dell'ecosistema, possiamo anche distinguere tra ecosistemi lotici, in cui le sue acque continuano il loro corso principalmente in una direzione (fiumi e torrenti), e gli ecosistemi lentici, quelli che presentano una struttura chiusa, in cui le loro acque sono permanentemente stagnanti (laghi e lagune, paludi e zone umide).

Nella prossima sezione ci concentreremo esclusivamente sulla conoscenza in dettaglio delle principali caratteristiche degli ecosistemi lenticolari.

Quali sono gli ecosistemi lentic e le loro caratteristiche

Gli ecosistemi lenticolari sono quei sistemi acquatici d'acqua dolce in cui, a causa della loro struttura chiusa, le loro acque rimangono stagnanti . Si tratta di sistemi acquatici interni in cui non vi è flusso di corrente tra le sue acque.

Durante tutto il ciclo di vita degli ecosistemi lenticolari, la loro profondità diminuisce gradualmente, fino alla loro scomparsa, momento in cui hanno anche una vegetazione abbondante. Quando la siccità persiste o durante i mesi estivi, molti ecosistemi lenticolari si seccano, perché l'acqua piovana è l'unica fonte di acqua in entrata che riceve e ciò consente loro di rinnovare l'acqua che hanno stagnante.

In tutti gli ecosistemi lenticci possiamo distinguere tre aree ben marcate:

  • Zona costiera: è l'area più vicina alla regione terrestre, con un gran numero di specie di flora e fauna. Ha una profondità molto bassa e riceve molta luce solare. Gli esseri viventi che abitano questa zona dell'ecosistema lenticolare hanno una grande quantità di ossigeno e sostanze nutritive a loro disposizione, favorendo così il dinamismo che caratterizza l'area costiera.
  • Zona linfatica: si trova al centro dell'ecosistema, essendo la regione intermedia in cui abitano il maggior numero di pesci che compongono l'ecosistema lenticico.
  • Zona profonda: ha appena la luce del sole ed è caratterizzata da sedimenti che si depositano sul fondo e dalla presenza di alcuni pesci e molluschi.

Ora che abbiamo visto quali sono gli ecosistemi lenticchi e le loro caratteristiche principali, conosciamo più da vicino alcuni esempi di questi nella sezione seguente.

Ecosistemi Lentic: esempi

I diversi ecosistemi lentic hanno differenze nella profondità e nelle dimensioni, che allo stesso tempo sono direttamente correlate alla quantità di biodiversità che ospitano. Questi sono i diversi esempi di ecosistemi lenticolari che troviamo in natura :

Laghi e Lagune

Sono gli ecosistemi lentic più rappresentativi e hanno un'estensione medio-grande, nonché una profondità che raggiunge i 2000 metri in alcuni laghi profondi.

In questo altro articolo parliamo di più su questi tipi di ecosistemi che spiegano la differenza tra lago e laguna e le loro caratteristiche.

Zone umide e paludi

Entrambi sono caratterizzati dall'essere molto superficiali, che è direttamente correlato al gran numero di specie vegetali che ospitano, nonché anfibi e rettili.

Estanques

Sono ecosistemi acquatici lentic artificiali, poiché sono creati dall'essere umano con lo scopo di immagazzinare acqua in strutture chiuse per uno scopo specifico, come la piscicoltura.

pozzanghere

Sono ecosistemi acquatici con acque stagnanti più piccole. Questi ecosistemi lenticolari sono ideali per fornire acqua agli animali di vari gruppi che pascolano, volano o semplicemente camminano intorno alla pozzanghera.

Esteros

Questi ecosistemi lenticissimi hanno l'aspetto di una grande palude. Normalmente si formano a causa dello straripamento di un fiume o di una laguna durante i mesi invernali e forti piogge, lasciando le acque stagnanti nelle aree pianeggianti che costituiscono l'estuario.

Differenza tra ecosistemi lentic e lotici

Le principali differenze tra gli ecosistemi lentic e gli ecosistemi lotici sono due: il loro movimento o comportamento e le loro aree o parti principali in cui sono divisi.

Comportamento ecologico e lotico dell'ecosistema

Come abbiamo scoperto in questo articolo, la principale caratteristica degli ecosistemi lenticolari è che le loro acque rimangono sempre stagnanti, senza flussi o correnti. Al contrario, le acque degli ecosistemi lotici sono molto dinamiche, caratterizzate da un flusso principalmente in una direzione.

Parti degli ecosistemi lenticri e lotici

D'altra parte, abbiamo già visto come gli ecosistemi lenticolari hanno tre zone nella loro struttura (costa limnatica e profonda), mentre quelle lotiche sono costituite da una zona di rapide (correnti d'acqua molto veloci che impediscono la deposizione di materiali nelle aree inferiore) e la zona arretrata (situata in profondità, con correnti d'acqua più lente e in cui si accumulano vari sedimenti, come il limo).

Se vuoi leggere altri articoli simili a Lentic Ecosystems: cosa sono ed esempi, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di ecosistemi.

bibliografia
  • Schindler, D. & Scheuerell, M. (2002) Accoppiamento dell'habitat negli ecosistemi lacustri. Oikos 98: 177-189.
  • Ward, J. (1989). La natura quadridimensionale degli ecosistemi lotici. Benthol. Soc.8 : 2–8
  • Roselli, L., Fabbrocini, C. & D'Adamo, R. (2009) Eterogeneità idrologica, dinamica dei nutrienti e qualità dell'acqua di un ecosistema lentic non marea (Laguna di Lesina, Italia). Estuarine, Coastal and Shelf Science 84: 539–552.

Raccomandato

Quanto dura un cane con il cancro?
2019
11 tipi di giardini
2019
Cosa regalare ad un amante dei cani?
2019