Dobbiamo separare il cane maschio dai giovani?

Vedi i file dei cani

Quando decidiamo di adottare un cane, è essenziale effettuare un controllo riproduttivo efficace e responsabile per prevenire una gravidanza indesiderata ed evitare la sovrappopolazione di cani abbandonati, sia nei rifugi che nelle strade di tutto il mondo. Tuttavia, se hai un partner e hai deciso di incrociarli, devi prendere alcune misure per mantenere la buona salute della femmina incinta e quella dei suoi cuccioli appena nati.

Uno dei dubbi più frequenti tra i tutor che si preparano all'arrivo dei cuccioli è se il cane maschio debba essere separato dai cuccioli . In questo articolo di milanospettacoli.com, ti diciamo quando evitare la presenza del maschio per garantire un ambiente di pace e sicurezza alla futura madre e ai suoi cuccioli. E qual è il momento migliore per presentare il cane maschio al nuovo peloso della casa.

È necessario separare il maschio dalla femmina incinta?

Durante la gravidanza del cane, i futuri genitori sperimentano una serie di cambiamenti fisiologici e ormonali che la preparano per lo sviluppo della sua prole e l'allattamento. È un processo molto speciale e delicato che attraversa il tuo corpo e la tua mente. Pertanto, è essenziale che i tutor offrano un ambiente positivo e le cure necessarie affinché i loro pelosi possano vivere una gravidanza tranquilla e sana. In milanospettacoli.com, ti diciamo la cura principale delle femmine incinte. Non perderti!

Nelle ultime settimane della gravidanza, le femmine eseguono un processo di alterazioni ormonali, poiché il loro organismo si prepara all'imminente momento del parto e alla successiva allattamento. Sebbene questi ormoni siano impercettibili per i nostri sensi, i cani li rilevano facilmente grazie al loro odore privilegiato. Quindi, i maschi saranno molto attratti dall'odorare costantemente la femmina ed esplorare questi nuovi aromi.

L'insistenza del maschio di solito provoca stress o ansia nel cane in gravidanza, il che è dannoso per la salute della madre e dei suoi futuri cuccioli. Pertanto, durante le ultime 3 o 4 settimane di gestazione, è meglio separare il maschio dalla femmina in modo da non esporla a fattori di stress negativi.

Quando il tempo del parto si avvicina (tra 10 o 15 giorni prima), la femmina cercherà un angolo tranquillo della casa per preparare un "nido accogliente" dove possa rilassarsi e sentirsi al sicuro per dare alla luce i suoi piccoli. In questo momento, è meglio che il maschio non intervenga in questo ambiente di pace e sicurezza per preservare lo stato calmo della femmina.

Quando il cane inizia il travaglio, è importante che i tutori rimangano vigili per identificare eventuali problemi o complicazioni durante il parto. Tuttavia, dobbiamo anche rispettare il loro spazio e rimanere calmi in modo da non trasmettere più ansia o nervosismo al nostro cane in questo momento importante. Ancora una volta, si raccomanda che il maschio non sia vicino alla femmina durante il travaglio e nei neonati.

Devo separare il cane maschio dai cuccioli appena nati?

Naturalmente, il cane maschio sarà molto curioso di queste "nuove presenze" nella sua casa. Con i tuoi sensi, riconoscerai facilmente che ci sono nuovi cuccioli in casa e vorrai annusarli, interagire e / o giocare con loro . Tuttavia, i cuccioli di neonati sono così sensibili e delicati che qualsiasi interazione più intensa o movimenti improvvisi possono ferirli. A causa della loro forza naturale, dell'impulso di esplorare o del desiderio di giocare, i cani maschi adulti possono causare un incidente senza avere l'intenzione di ferire i piccoli pelosi.

Inoltre, il cane sarà molto protettivo durante le prime settimane di vita dei suoi cuccioli. La femmina capisce che la sua funzione materna è quella di preservare i suoi piccoli e dare loro le condizioni ottimali per svilupparsi fino a quando non possono sopravvivere da soli. Pertanto, la presenza del maschio o di altri animali non è quasi mai benvenuta durante questo periodo neonatale. In alcuni casi, la femmina può sviluppare comportamenti aggressivi per proteggere i suoi piccoli e scongiurare possibili minacce. Pertanto, è meglio rispettare la loro "zona sicura" per evitare conflitti inutili e tenere lontano il maschio se la femmina mostra questo comportamento.

D'altra parte, è importante che i tutor sappiano come aiutare le femmine a prendersi cura dei loro cuccioli e offrire loro l'ambiente ideale per il loro sviluppo fisico, cognitivo, emotivo e sociale. È anche essenziale avere la guida di un veterinario per controllare la crescita e l'aumento di peso della prole, oltre a garantire il recupero ottimale del genitore. Inoltre, il professionista può guidarti su come e quando iniziare a presentare il cane maschio ai suoi piccoli, a seconda dei casi.

Quando posso presentare il cane maschio ai suoi cuccioli?

Prima di tutto, dobbiamo capire che non esiste una data precisa per presentare il maschio ai suoi giovani. Poiché ogni cane è un essere unico, questo momento ottimale dipenderà dallo sviluppo di ogni cucciolo e dalla reazione delle femmine all'inclusione di un altro individuo nel territorio dei loro cuccioli.

In generale, le femmine sono più protettive e "chiuse" durante i primi 15 giorni dopo il parto, che rappresentano il periodo neonatale . In questa prima fase, il maschio deve rimanere lontano dai giovani e anche la nostra interazione deve essere limitata, tenendo conto della ricettività della femmina.

Dopo questo primo periodo, inizia la fase di transizione che di solito dura fino al 20 o 21 giorni di vita della prole. In questa nuova fase, i cuccioli inizieranno a essere attivi e ad avere una certa curiosità per ciò che li circonda. Tua madre avrà il compito di fornire un'igiene ottimale e mantenerti ben nutrito. Tuttavia, il suo comportamento sarà più sereno e inizierà ad accettare nuove presenze nel suo ambiente.

Quindi, dal 21 ° o 22 ° giorno dopo la nascita, i cuccioli avranno già mobilità e vivranno il loro periodo di socializzazione. Questa è una fase chiave per lo sviluppo dei bambini, poiché iniziano a riconoscersi come individui nella loro stessa specie e anche nel loro contesto sociale. Le femmine, a loro volta, saranno già ricettive e saranno responsabili di guidare i loro giovani nelle loro nuove scoperte, presentare abitudini positive e insegnare loro le basi del linguaggio e della convivenza canina.

In questo momento, possiamo iniziare a presentare il cane maschio ai cuccioli . Ma questa interazione dovrebbe essere sempre graduale e progressiva, poiché è una nuova realtà per il maschio e per il piccolo peloso. Inoltre, è essenziale che i tutor monitorino e controllino i primi contatti del cane con la prole, per evitare incidenti o conflitti con la femmina. Allo stesso modo, è essenziale che il maschio sia sano, con tutte le sue vaccinazioni e trattamenti antiparassitari al giorno in modo da non mettere a rischio la salute del piccolo peloso e non presentare problemi comportamentali.

I benefici della presenza del maschio nell'allevamento del cucciolo

Molti tutor hanno paura di far vivere i giovani con il loro papà o un altro cane maschio adulto, ma questa interazione può essere molto positiva per lo sviluppo cognitivo, emotivo e sociale dei più piccoli. Logicamente, sempre con la cura adeguata per preservare il benessere dei cuccioli che stanno ancora crescendo e sono più sensibili dei cani adulti.

Ricorda che i cani sono animali socievoli che si sono abituati a vivere in gruppi che mantengono una struttura gerarchica e regole di convivenza per garantire la sopravvivenza di tutti i suoi membri. L'allevamento con un maschio e una femmina adulta (una struttura "collettiva" per così dire) può aiutare il cucciolo a comprendere il naturale ordine sociale dei cani e il ruolo di ogni individuo all'interno della propria comunità, nonché imparare il linguaggio canino, i limiti del gioco e la corretta gestione del morso.

D'altra parte, vivere con individui della stessa specie durante la loro prima infanzia aiuta nella socializzazione del cane. Mentre la socializzazione è un processo che dura tutta la vita, le persone pelose vivono un periodo critico tra la loro nascita e il loro terzo mese di vita. Quando un cane non viene adeguatamente presentato agli stimoli e agli individui del suo ambiente in questo periodo, può mostrare comportamenti seri e problemi di apprendimento durante la sua vita adulta.

Naturalmente, la semplice presenza del maschio non sostituisce la necessità di effettuare un adeguato processo di socializzazione dei cuccioli con altri cani. Ma rappresenta la possibilità di iniziare a socializzare presto nell'ambiente sicuro della nostra casa, con un cane di nostra fiducia.

Inoltre, è fondamentale ricordare che i cuccioli possono solo iniziare a fare passeggiate all'aperto e vivere con altri animali (principalmente estranei) dopo aver completato il loro primo ciclo di vaccini e sverminazione.

Se vuoi leggere altri articoli simili a È necessario separare il cane maschio dai giovani?, ti consigliamo di accedere alla nostra sezione Extra Care.

Raccomandato

Perché il mio cane ha i boogers verdi?
2019
Giochi per topi domestici
2019
Cura della pianta specchio
2019