Dieta grezza o BARF per gatti - Esempio, benefici e suggerimenti

Vedi file Cats

Se hai un gatto a casa, saprai quanto gli piace mangiare. Basta ascoltare la tua borsa di cibo o annusare la lattina di cibo bagnato, la tua figa si scatena e non ti lascia da solo finché non vedi il cibo nel tuo piatto.

Ora, hai mai pensato di dare al tuo gatto una dieta naturale, basata su cibi crudi e privi di farine, sostanze chimiche e coloranti? Forse ti sembra folle o non trovi il motivo per farlo, ecco perché su milanospettacoli.com vogliamo parlarti della dieta BARF per gatti .

Per anni fino ad oggi, questa dieta è diventata molto popolare tra i maestri felini, in particolare tra quelli ai cui gatti è vietato mangiare alimenti trasformati per diversi motivi o che scelgono di nutrire Animali con una dieta naturale. Scopri di cosa si tratta!

Le origini della dieta BARF nei gatti

Il nome della dieta BARF ha due significati: Bones e Raw Food, che significa "ossa e cibi crudi", e Biologically Appropriate Raw Food, che è il nome dato a questa dieta in spagnolo, abbreviato ACBA, che significa dì "Alimenti crudi biologicamente adeguati".

Questo tipo di alimentazione è stato attuato da Ian Billinghurst nel 1993, sebbene la designazione BARF sia dovuta a Debbie Trip.

L'idea di questa dieta è che il gatto può avere la dieta più simile a quella che avrebbe in natura, a base di carne cruda, ossa, visceri e una piccola porzione di verdure crude.

Si presume che l'alimentazione in questo modo il gatto abbia tutti i nutrienti necessari per essere sani, oltre ad evitare gli effetti dannosi che gli alimenti trasformati possono portare, a causa della quantità di sostanze chimiche e farina che portano, poiché possono causare malattie, allergie e Anche generare obesità.

Dopo che Billinghurst pubblicherà la sua teoria, molti veterinari, ricercatori e, nel tempo, protezionisti e difensori del modo di vivere organico, hanno scelto di nutrire i loro gatti con questo tipo di dieta, promuovendo e diffondendo questo modo naturale di dare di mangiare animali come il più appropriato e naturale.

Perché la dieta BARF è difesa?

La filosofia che segue questo tipo di alimentazione fa appello al fatto che, nonostante l'intero processo di adattamento attraverso il quale i gatti sono passati fino a quando non sono diventati una specie domestica, la struttura del loro organismo rimane la stessa, quindi il sistema Il processo digestivo elabora meglio le proteine, cioè la carne, rispetto ai carboidrati, un componente che gli alimenti trasformati contengono in eccesso.

Inoltre, i prodotti chimici e il grasso contenuti negli alimenti trasformati possono portare a malattie in alcuni gatti, come pancreatite e calcoli renali, ad esempio, con i quali sono raccomandate ricette più naturali, quindi la dieta BARF diventa un'opzione eccellente in questi casi.

Come fare una dieta BARF per un gatto?

Tra il sessanta e l'ottanta percento del cibo deve essere composto da carne cruda, che si tratti di pollo o tacchino, con ali, collo, ecc. Solo il dieci percento delle verdure crude grattugiate, come carote, sedano, zucchine e alcuni frutti e persino zucca cotta, cibi che i gatti apprezzano molto. Ricorda che è importante rivedere la frutta e la verdura raccomandate per i gatti per evitare possibili avvelenamenti.

Inoltre, è necessario aggiungere tra il quindici e il venti percento di carne di agnello, anatra o coniglio, ad esempio un paio di volte alla settimana; pesce e visceri (cuore, fegato, rene, tra gli altri) una volta alla settimana; Circa cinque uova a settimana e forse alcuni integratori vitaminici extra. Tra gli integratori è necessaria la taurina, componente essenziale per la dieta del gatto, che deve essere consumata quotidianamente. La taurina può essere ingerita mangiando cuore o con integratori.

L'idea è di mescolare tutti gli ingredienti senza cucinare e dare al gatto adulto circa due porzioni al giorno e il cucciolo circa quattro.

Evita la carne di maiale cruda, gli amidi in eccesso e le crocifere, la farina e i cereali. Il pesce deve essere refrigerato prima di preparare il cibo, per uccidere possibili batteri. Se vuoi, è possibile prendere la stessa misura con il resto della proteina. Se vengono aggiunte delle ossa, sono con un po 'di carne e sempre crude, perché quando sono cotte possono scheggiarsi e annegare l'animale.

Esempio di dieta BARF per gatti

Se sei interessato a iniziare a nutrire il tuo gatto con il metodo BARF, ecco un esempio di come identificare le porzioni:

  • 1/2 chilo di carne di pollo o tacchino, tra petto, ali, collo, ecc.
  • 400 grammi di cuore, sia di manzo, pollo o agnello
  • 200 grammi di fegato di pollo
  • 300 grammi di verdure grattugiate (zucchine, carote e zucca)
  • 1 uovo
  • Olio di pesce

Preparazione della dieta BARF:

Trita molto bene la carne e le ossa, a casa o chiedendo loro di essere tagliati quando li acquisti. Metti in un contenitore e aggiungi il cuore, le verdure e l'uovo. Mescola alla carne ingredienti ben integrati. Aggiungi dell'olio di pesce, fonte di Omega 3, in base al peso del tuo gatto. Puoi usare, ad esempio, olio di salmone.

Separare le porzioni con pellicola trasparente e conservare nel congelatore. Dalla notte precedente, inizia a scongelare le porzioni di cui avrai bisogno il giorno successivo, per servire il tuo gatto a temperatura ambiente.

L'idea è che puoi variare gli ingredienti. Una volta alla settimana, invece di usare il fegato, aggiungi il pesce; quando non hai il cuore, aggiungi la taurina negli integratori; Alterna le verdure che usi.

Se preferisci aggiungere la taurina nel supplemento, puoi aggiungerla direttamente alla porzione nel momento in cui il tuo gatto lo mangia, per evitare che i componenti siano "ossidati" ed è più facile calcolare la quantità appropriata in base al peso dell'animale.

Non dovresti usare alcun condimento, sale, olio, salse o qualcosa di simile, né aglio, erba cipollina, aglio o cipolla. Il tuo gatto non ne ha bisogno e possono essere tossici per lui o causare allergie.

Benefici della dieta BARF

Ci sono molti benefici della dieta BARF per gatti che dovresti valutare se stai pensando di cambiare le tue abitudini alimentari:

  • Fornirai al tuo gatto una dieta naturale, molto simile a quella dei gatti selvatici, con i nutrienti necessari in quantità sufficienti (proteine, taurina, grassi, vitamine e aminoacidi) e senza gli effetti dannosi che gli alimenti trasformati possono portare, a causa di sostanze chimiche, conservanti e alte proporzioni di farina e cereali.
  • Eviterai problemi di sovrappeso, obesità e letargia.
  • La pelliccia sarà più luminosa,
  • Le articolazioni saranno più sane, evitando le malattie.
  • Senza carboidrati, le feci non hanno un cattivo odore.
  • Il gatto riacquisterà il suo atteggiamento attivo.
  • Il cibo crudo ha grandi quantità di acqua, quindi ridurrà l'assunzione di liquidi.

Se sei interessato a introdurre il tuo gatto nella dieta BARF, consulta il veterinario in merito alle porzioni e agli integratori richiesti in base al loro peso e alle esigenze dell'animale. Due volte all'anno esegue test delle feci per escludere la presenza di parassiti, anche se con un adeguato raffreddamento e regolare sverminazione ciò non dovrebbe avvenire.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Raw Diet o BARF per gatti - Esempio, benefici e suggerimenti, ti consigliamo di andare alla nostra sezione Diete fatte in casa.

Raccomandato

Membrana nittitante o terza palpebra nei cani
2019
Terraviva
2019
Domande frequenti sul golden retriever
2019