Cosa sono i microrganismi: tipi e caratteristiche

Nel mondo vivente ci sono esseri di ogni tipo, di cui quelli che sono visibili ad occhio nudo, come animali grandi e piccoli, animali invertebrati, organismi vegetali o insetti, sono ben noti, ma ci sono altri organismi che non sono visibili a colpo d'occhio ma così buono tra noi: i microrganismi.

In questo articolo ci concentreremo su quest'ultimo e, con semplici spiegazioni, scopriremo quali sono i microrganismi, i loro tipi e caratteristiche .

Cosa sono i microrganismi e le loro caratteristiche

I microrganismi sono piccoli esseri viventi il cui studio è responsabile della microbiologia . In questo altro articolo spieghiamo tutto sulla microbiologia ambientale: definizione e importanza.

In realtà, sono così piccoli che non possono essere visti dall'occhio umano ed è necessario un microscopio per visualizzarli e studiarli. La struttura dei microrganismi è molto semplice e ospita specie benefiche, patogene e di altra natura che variano in base alle circostanze, ma tratteremo questi dettagli in seguito.

All'interno dei microrganismi vi sono specie unicellulari e pluricellulari, sia procariotiche (come batteri) che eucarioti (come protozoi o funghi). Includono anche esseri ultramicroscopici, visibili solo con microscopi come l'elettronica, come i virus.

Tra le caratteristiche generali dei microrganismi segnaliamo:

  • La loro dieta e sopravvivenza richiedono nutrienti come proteine ​​o carboidrati.
  • Per il loro sviluppo hanno bisogno di acqua, anche se la quantità varia tra i microrganismi. Pertanto, ad esempio, i batteri richiedono meno acqua di muffe o funghi.
  • I microrganismi di solito hanno intervalli ristretti di temperature in cui si sviluppano in modo ottimale e variano da un gruppo all'altro, ma la stragrande maggioranza si sviluppa tra 30 e 50 gradi.
  • I batteri possono richiedere ossigeno per sopravvivere (aerobi severi), la loro completa assenza (anaerobi) o tollerare ossigeno (anaerobi facoltativi). I funghi e altri microrganismi eucariotici sono generalmente aerobici.
  • Come per la temperatura, gli intervalli di tolleranza al pH sono generalmente stretti. In questo senso differenziamo i microrganismi acidofili (ambiente acido), neutri o alcalofili (ambienti alcalini).
  • Il tempo necessario per il loro sviluppo e crescita dipende dal tipo di microrganismo e dalle condizioni più o meno ottimali. Pertanto, differenziamo, microrganismi a crescita lenta e in rapida crescita.

Classificazione dei microrganismi

Possiamo classificare i microrganismi in quattro grandi gruppi:

batteri

Questi sono microrganismi unicellulari, cioè hanno una singola cellula e un materiale genetico non organizzato all'interno di un nucleo. Si riproducono per bipartizione e sono in grado di donare e ricevere materiale genetico attraverso trasformazione, trasduzione o coniugazione. Esistono diverse forme batteriche, che possono essere arrotondate (noci di cocco), a forma di elica (spirali) o piccole e curve (vibri).

Scopri di più su di loro in questo altro post sui batteri, buoni alleati dell'ecologia.

virus

Queste sono forme acellulari che di solito sono formate da un capside proteico con o senza inviluppo e una molecola di DNA o RNA (mai entrambi). Sono microrganismi parassiti obbligati, cioè devono infettare una cellula (animale o pianta) per riprodursi e sopravvivere. A seconda della forma del loro capside possono essere icosaedrici (forma più o meno arrotondata) o cilindrici. Esistono anche virus con una struttura più complessa e che hanno una testa e una coda. I virus possono uccidere la cellula che infettano o utilizzare come serbatoio, in attesa del rilascio delle giuste condizioni.

funghi

Si tratta di microrganismi eucariotici unicellulari o multicellulari . Si riproducono in erba, cioè il genitore emette un rigonfiamento che cresce fino a quando non è pronto per separarsi. Possono anche riprodursi per sporulazione o rottura di frammenti. Possono essere lieviti (unicellulari) o funghi con ife (pluricellulari).

parassiti

I parassiti sono protozoi come amebe, elminti e vermi. Sono organismi eucariotici . Si differenziano per il fatto che i protozoi sono unicellulari e elminti e vermi sono pluricellulari. I parassiti di solito non sono classificati come microrganismi, ma la microbiologia viene spesso studiata insieme alla parassitologia.

Tipi di microrganismi

Esistono altre classificazioni più complesse di microrganismi, che tengono conto dell'immunità e del pericolo che rappresentano per il corpo. Pertanto, questi sono i tipi di microrganismi secondo questo criterio:

Microrganismi benefici

Questi sono microrganismi che producono benefici per l'essere umano, sia come parte del microbiota dell'essere umano o attraverso la produzione di prodotti di interesse per l'uomo come formaggio, birra, antibiotici, yogurt o pane. Anche se sembra che i microrganismi siano cattivi, la maggior parte di essi è benefica e alcuni batteri e funghi sono inclusi in questo gruppo (tranne i virus).

Il microbiota dell'essere umano è fondamentale per la sopravvivenza e il benessere dell'organismo. Pertanto, svolgono funzioni come la protezione dalle infezioni o il contributo ai processi di digestione.

Microrganismi patogeni

Includiamo in questo gruppo quei microrganismi che sono in grado di produrre malattie nei loro ospiti e possono essere sia virus che batteri o funghi. Il suo meccanismo consiste nell'infezione delle cellule, nella riproduzione in esse e nell'ucciderle o nel danneggiarle e nel causare malattie. I batteri, inoltre, sono in grado di produrre tossine che causano danni. Combattono con antimicrobici, che possono essere antibiotici per batteri, antivirali per virus e antimicotici o antimicotici per funghi. Il grado di patogenicità di un microrganismo dipende dallo stato immunitario della persona infetta.

Se sei interessato al mondo dei microrganismi e anche a quello dell'ecologia e dell'ambiente, potresti leggere questo altro articolo sui microrganismi per la produzione di biodiesel.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Cosa sono i microrganismi: tipi e caratteristiche, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di biodiversità.

Raccomandato

Brucellosi bovina - Sintomi e trattamento
2019
10 strani comportamenti dei gatti
2019
Come insegnare a un gatto a usare il raschietto?
2019