Cosa sono i mercati del carbonio: tipi e come funzionano

A causa dei cambiamenti climatici, causati principalmente dalla presenza di gas a effetto serra (GHG) nell'atmosfera, sono in corso sempre più azioni per contrastare e frenare i loro effetti. Una di queste misure è rappresentata dai mercati del carbonio, che consentono di limitare e controllare la quantità di CO2 e altri gas a effetto serra emessi ogni anno nell'atmosfera. Questo sistema ha i suoi vantaggi e svantaggi. Tuttavia, è una misura più mirata a ridurre l'impatto che i cambiamenti climatici hanno sul nostro pianeta, quindi vale la pena tenerne conto e conoscerlo. Se vuoi sapere qualcosa in più su cosa sono i mercati del carbonio, i tipi e come funzionano, continua a leggere e te lo diremo.

Cosa sono i mercati del carbonio?

I mercati del carbonio si basano sulla vendita o acquisizione dei cosiddetti crediti di carbonio o certificati di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra . Queste obbligazioni sono documenti che consentono al loro proprietario di emettere una certa quantità di CO2 e GHG. Cioè, se si dispone di un certo numero di obbligazioni, si ha il diritto di emettere un determinato importo di GHG in un anno. In generale, ciascuno di questi legami equivale a una tonnellata di CO2, sebbene, a seconda del tipo di GHG in questione, possa essere stipulato in una quantità o nell'altra.

Queste obbligazioni sono distribuite tra le principali società emittenti di GHG e, per legge, sono tenute a emettere un importo pari o inferiore alla quantità di obbligazioni che detengono. Tuttavia, queste obbligazioni possono essere vendute e acquistate, ed è qui che dovremmo parlare del mercato del carbonio. In questo modo, se una società non intende consumare i propri crediti di carbonio, può venderli a un'altra società che è e, in questo modo, la seconda società può superare la quantità di emissioni di GHG o gas a effetto serra che le erano state attribuite. inizialmente.

In sintesi, i mercati del carbonio sono lo spazio in cui le aziende che lavorano con crediti di carbonio possono commerciare con loro per trasferire i diritti di emissione di GHG. Questi mercati possono essere sia regionali che nazionali o internazionali, quindi è un settore con una proiezione abbastanza ampia.

Tipi di mercati del carbonio

Sebbene esistano diversi tipi di mercati del carbonio, ad esempio se parliamo di un'area geografica (regionale, nazionale o internazionale), la distinzione più comune che di solito viene fatta quando si parla di tipi di mercati del carbonio è quella tra mercati del carbonio regolamentato e volontario .

Mercati del carbonio regolamentati

È il principale rappresentante dei mercati del carbonio poiché, essendo regolamentati, sono obbligatori . A questo proposito, stiamo parlando di società che devono dimostrare che le loro emissioni di gas a effetto serra corrispondono alle quote che consentono le loro obbligazioni. Per dirla semplicemente, il mercato ufficiale del carbonio, che è controllato da governi e altre istituzioni sovranazionali.

Mercati del carbonio volontari

Al contrario, il mercato volontario del carbonio è quello che si riferisce al mercato che commercia con questi tipi di obbligazioni ma è al di fuori dei requisiti ufficiali e obbligatori. Vale a dire, è un mercato di aziende che, volontariamente, si chiedono di rispettare una serie di minimi relativi alle emissioni di gas a effetto serra. Tuttavia, nel caso in cui tali società, per qualsiasi motivo, non rispettassero i minimi richiesti, non vi sarebbe alcuna sanzione (principalmente sotto forma di sanzioni economiche) come avviene nei casi di mercati del carbonio regolamentati.

Come funzionano i mercati del carbonio

I mercati del carbonio operano in modo semplice e incidono direttamente su tutte le società che emettono GHG che operano nei paesi firmatari di questo sistema. In linea generale, questi paesi sarebbero i firmatari del famoso protocollo di Kyoto, così come tutti i paesi dell'Unione europea. Ulteriori informazioni su questo argomento in questo altro articolo su Cos'è il protocollo di Kyoto?

Il suo funzionamento si basa sulla distribuzione iniziale di una serie di obbligazioni in base ai "bisogni" e alle aspettative di ciascuna società. Da lì, la negoziazione di queste obbligazioni viene effettuata volontariamente e praticamente gratuitamente. In questo modo, un'azienda che investe in tecnologie pulite avrà un surplus di emissioni di carbonio, quindi potrà venderle e ammortizzare l'implementazione di questa tecnologia pulita. Al contrario, una società che è molto inquinante e non investe nel rinnovamento delle sue attrezzature, dovrà acquistare obbligazioni per poter contaminare in base alle loro esigenze, quindi sarà molto più costosa della compagnia meno inquinante. D'altra parte, un'azienda può anche salvare i propri crediti di carbonio e, se necessario, usarli in futuro o venderli in seguito.

Allo stesso modo, le emissioni effettuate devono essere monitorate, nonché conformi alle obbligazioni disponibili in ciascun caso. Quando ciò non accade, le agenzie ufficiali sono responsabili dell'esecuzione delle sanzioni economiche o amministrative corrispondenti e proporzionali per ciascuna società che supera le emissioni di gas a effetto serra.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Cosa sono i mercati del carbonio: tipi e come funzionano, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di Altri ecologia.

Raccomandato

Nomi per Labrador
2019
Elimina la cocciniglia cotonosa: trattamento e rimedi casalinghi
2019
Quantità di cibo per uno yorkshire
2019