Cosa sono gli ecosistemi acquatici di acqua salata?

Del 70, 8% dell'intera area terrestre (equivalente a 362 milioni di km2), corrisponde a oceani e mari. Questi sistemi marini sono ambienti molto dinamici collegati tra loro da reti di correnti superficiali. La variazione delle temperature e dei livelli di salinità in questi ambienti definisce diverse aree occupate da diversi organismi.

In questo articolo parliamo di cosa sono gli ecosistemi acquatici di acqua salata e le loro caratteristiche .

I mari e gli oceani sono i principali ecosistemi di acqua salata

Gli oceani sono grandi corpi di acqua salata che separano i continenti. Ci sono tre grandi oceani (Atlantico, Indiano e Pacifico) e due più piccoli (Artico e Antartico). Mentre i mari sono anche corpi di acqua salata, ma più piccoli degli oceani. Ci sono molti mari in tutto il mondo come il Mar dei Caraibi, il Mare del Nord o il Mare di Ross.

In questo tipo di ambiente, sono gli aspetti come maree, onde, correnti calde e fredde, salinità, temperatura o intensità della luce che determinano la vita. Questi fattori influenzano la disponibilità, il comportamento, lo sviluppo e le interrelazioni dei nutrienti tra gli esseri viventi.

È possibile differenziare diverse aree all'interno di questi ecosistemi, secondo diversi criteri come la vicinanza alla costa, la profondità o la profondità a seconda della presenza di luce. Tenendo conto della profondità in base alla luce, differenziamo:

Zona fotica dei mari e degli oceani

È un'area oceanica illuminata e copre fino a 200 metri di profondità. A sua volta diviso in:

  • Regione eufotica: area più luminosa. Gli organismi fotosintetici abitano questo tipo di ecosistemi acquatici di acqua salata .
  • Regione disotica: regione meno illuminata della zona fotica. In questa regione abitano alcune alghe che possono eseguire la fotosintesi.

Zona afotica dei mari e degli oceani

Area scura situata a una profondità superiore a 200 metri. A sua volta è diviso in:

  • Regione batiale: area situata tra 200 e 4.000 metri di profondità. In questa zona abita quello che conosciamo come nettare marino, che comprende pesci, calamari, tartarughe marine, foche o balene.
  • Regione abissale: situata tra 4.000 e 6.000 metri di profondità. In questa regione la luce è inesistente. In questa zona abita quelli che conosciamo come bentos marini, formati da stelle marine, spugne e altri animali. È una regione molto ricca in termini di biodiversità delle specie, con organismi che non si trovano in nessun'altra regione geografica del pianeta.
  • Area Hadal: situata tra 6.000 e oltre 10.000 metri di profondità. Questa regione comprende fondali marini, grandi trincee oceaniche e fumarole idrotermali. In questa regione, possiamo trovare alcuni dei microrganismi più estremi del pianeta.

In questo altro articolo ti raccontiamo tutto sulla biodiversità degli oceani.

Mangrovie, ecosistemi marini e costieri

Le mangrovie sono ecosistemi marini-costieri che possiamo trovare nei tropici e nelle subtropicali del pianeta. Possiamo trovare mangrovie, ad esempio, sulle coste dell'America Latina, dal Messico al Perù. In alcune aree del pianeta, sono anche chiamate foreste salate, in riferimento al fatto che si tratta di un ambiente dominato da specie alofile (specie vegetali preferenziali per ambienti salati).

Le mangrovie sono ecosistemi molto importanti per mantenere l'equilibrio naturale dove sono presenti. Queste attività includono:

  • Aiutano a controllare le inondazioni.
  • Aiutano a stabilizzare la costa e controllano l'erosione.
  • Trattengono sedimenti e sostanze tossiche.
  • Sono una fonte di materia organica.

In questo altro articolo potrai conoscere meglio Cos'è una mangrovia e le sue caratteristiche.

Le barriere coralline sono ecosistemi di acqua salata molto speciali

Questi tipi di ecosistemi acquatici di acqua salata si sviluppano in acque tropicali come gli oceani Pacifico e Indiano e il Mar dei Caraibi. Sono formati da scheletri di corallo che crescono anno dopo anno dal deposito di nuove strutture. A causa della loro posizione, fungono da importanti barriere protettive per mangrovie e letti di alghe.

Queste strutture sono costantemente esposte al battito delle onde. Uno degli organismi più responsabili della crescita di questo tipo di coralli è una specie di alghe rosse, alghe calcaree. In questo modo viene stabilita una relazione simbiotica, in cui i coralli forniscono protezione e le alghe forniscono sostanze nutrienti attraverso la fotosintesi. Esistono due tipi di coralli : coralli molli e coralli duri o pietrosi.

Per la crescita di una barriera corallina, è essenziale che la temperatura dell'acqua sia compresa tra 20 ºC e 28 ºC, cosa che si verifica nelle acque tropicali. Queste strutture crescono solo nella zona fotica, dove la luce solare offre loro l'energia necessaria. Per questo motivo, le scogliere crescono meglio in acque cristalline.

Inoltre, purtroppo, oggi i coralli sono in pericolo di estinzione, vi diciamo tutto in questo altro articolo.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Quali sono gli ecosistemi acquatici di acqua salata, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di ecosistemi.

Raccomandato

Come piantare una palma e la sua cura
2019
Perché il mio cane odora di bocca di pesce?
2019
Il mio cane non può defecare, cosa posso fare?
2019