Cosa fare con i rifiuti tecnologici

Uno dei problemi più importanti che dobbiamo affrontare a causa dell'altissimo costo ecologico e sociale che ha sono i rifiuti tecnologici o i RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche). Questo tipo di immondizia è particolarmente inquinante perché include molti metalli pesanti che sono molto inquinanti ed estremamente tossici per la salute.

Uno degli aspetti più complicati nella gestione di questo tipo di rifiuti è cosa fare con i rifiuti tecnologici poiché, proprio per la presenza di tali metalli pesanti, non possono essere smaltiti nel bidone della spazzatura tradizionale. Se vuoi sapere un po 'di più su questo tipo di immondizia, le sue conseguenze e quali soluzioni esistono per contrastare i suoi effetti ambientali continua a leggere Green Ecology in cui ti diciamo.

Definizione di immondizia tecnologica

Di tutti i beni prodotti dall'attuale società dei consumi, uno dei più dannosi a causa della sua tossicità e della grande quantità di rifiuti generati ogni anno è il cosiddetto rifiuto tecnologico. Questo tipo di immondizia si riferisce ad apparecchiature elettroniche ed elettriche che sono state deprecate . In generale, si intende che si riferisce a dispositivi come telefoni cellulari e computer.

Tuttavia, in realtà, i rifiuti tecnologici sono considerati qualsiasi rifiuto che, per funzionare durante la sua vita utile, ha dovuto utilizzare l'elettricità, da una batteria o da una presa elettrica. Pertanto, alcuni esempi di ciò che è considerato un rifiuto elettrico sono:

  • Mobile.
  • I computer
  • I frigoriferi
  • Lavatrici
  • I televisori.
  • Piccoli elettrodomestici.
  • Schermi.
  • Apparecchiature informatiche di qualsiasi tipo.
  • Pannelli fotovoltaici.
  • Lampade a LED
  • Apparecchi professionali
  • Giocattoli elettronici.

Come puoi vedere, è una grande quantità di rifiuti, poiché, al momento, gran parte della spazzatura prodotta, specialmente nei paesi sviluppati, è spazzatura di questa natura.

Quali pericoli derivano dalla spazzatura tecnologica

Il grosso problema che deriva dalla tecnologia dei rifiuti deriva dai metalli pesanti che contiene. Si tratta di apparecchiature che includono mercurio, piombo, cromo e cadmio nella maggior parte dei casi, oltre a molti altri metalli in proporzioni diverse. Questi metalli sono particolarmente tossici e l'avvelenamento da essi causato, per quanto piccolo, può portare a malattie del sistema nervoso, respiratorio, cardiovascolare, nonché a malattie associate ai reni e al sistema riproduttivo che influenzeranno il paziente per tutta la vita.

Allo stesso modo, quando questi metalli vengono rilasciati nell'ambiente, l'effetto del loro inquinamento colpisce sia l'aria (quando i rifiuti tecnologici bruciano e producono fumo tossico) sia la terra e l'acqua, diventando un problema davvero urgente. nei luoghi in cui questo tipo di rifiuti elettronici è immagazzinato sotto forma di discariche tecnologiche.

Inoltre, un altro dei problemi presentati dai rifiuti tecnologici è la velocità con cui aumenta negli ultimi anni. Ciò è dovuto all'effetto dell'obsolescenza . Questa obsolescenza può essere di due tipi:

  • Può provenire dalla fabbrica programmata dai produttori, che inducono quindi l'acquirente a dover acquistare nuovamente un altro prodotto, come spieghiamo nel seguente articolo sull'obsolescenza programmata.
  • Così come gli utenti stessi, che si liberano delle loro attrezzature tecnologiche quando sono ancora in buone condizioni al solo scopo di acquistare attrezzature sempre nuove. Ciò ha un effetto terribile, poiché è un rifiuto molto inquinante e non può essere gestito correttamente a causa, in parte, della velocità con cui si accumula.

Cosa possiamo fare con la spazzatura tecnologica

Esistono numerose soluzioni per contrastare l'effetto dei rifiuti tecnologici e, sebbene si tratti di un tipo di rifiuto che richiede un trattamento molto specifico, la buona notizia è che la principale capacità di azione per contrastare il suo effetto è la Lo stesso utente, che, a differenza di quanto accade altre volte con l'inquinamento, gli conferisce un potere eccezionale quando si tratta di invertire l'effetto dei rifiuti tecnologici. Per questo, la cosa più importante è prevenire l'accumulo di rifiuti tecnologici, cioè ridurne la quantità. E, quando finalmente si verifica, gestiscilo correttamente.

Riduci il consumo della tua tecnologia

È molto semplice, ma la maggior parte delle persone no. I prodotti elettronici sono indispensabili nel nostro giorno per giorno. Tuttavia, ciò non implica che dobbiamo comprarne uno nuovo solo perché è esattamente nuovo. Se pensiamo agli acquisti fatti di telefoni cellulari o computer, nel 90% dei casi, si tratta di acquisti motivati ​​dalla moda e dalla vanità, non dalla necessità. La lezione è chiara, non hai bisogno dell'ultimo modello di telefono, quindi non comprarlo. Approfitta di ciò che hai fino a quando smette davvero di funzionare . Fai lo stesso con tutti gli elettrodomestici che hai. Oltre a ridurre l'inquinamento che generi, risparmierai molti soldi.

Risolvi prima di acquistare

D'altra parte, un modo per ridurre gli sprechi tecnologici è riparare l'apparecchiatura quando si rompe invece di acquistarne di nuove. Attualmente, si dice spesso che "è più redditizio acquistarne uno nuovo che riparare quello vecchio". Questo non è sempre il caso, infatti, è una frase ripetuta soprattutto dai produttori, che sono più interessati all'acquisto del tuo nuovo prodotto. Inoltre, sebbene in alcuni casi possa essere "redditizio" da una prospettiva puramente monetaria, il pianeta non affitta affatto per non risolverlo. Quindi, sii responsabile e correggi prima di acquistare.

Acquisto di seconda mano

Molti non ci hanno nemmeno pensato, ma esiste un mercato dell'usato che funziona perfettamente con apparecchiature e tecnologie elettroniche. Puoi farlo attraverso piattaforme di economia collaborativa dedicate al mercato dell'usato o in negozi specializzati in esso. Nel caso dei negozi, hai anche la certezza di avere una garanzia di acquisto. In effetti, i prodotti tecnologici che vendono sono generalmente quelli che vengono definiti "ricondizionati". Un prodotto tecnologico ricondizionato è l'apparecchiatura che è stata sviluppata e preparata per la vendita al pubblico. È un prodotto di seconda mano, ma al quale è stato fatto un lavaggio interno ed esterno (il software è formattato e ne è installato uno nuovo) in modo che l'utente possa godere di un prodotto di seconda mano che, in realtà, è così Buono come se fosse il primo .

Portalo in un punto pulito

Infine, quando il prodotto tecnologico è veramente spazzatura tecnologica perché ha finito la sua vita utile, la cosa corretta sarà liberarsene portandolo in un punto pulito, che è il luogo in cui i normali cittadini dovrebbero prendere questo tipo di prodotti per garantire Sono trattati nel modo giusto e sicuro di cui hanno bisogno. Dal punto di vista pulito, i rifiuti tecnologici verranno trasportati in un impianto di trattamento adatto a questo tipo di rifiuti. Ciò significa che sarà trattato in condizioni di sicurezza che consentono di separare ciascuno dei materiali per il riciclaggio, dando loro una nuova vita e impedendo loro di contaminare l'ambiente o avvelenare le persone che li maneggiano.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cosa fare con i rifiuti tecnologici, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di riciclaggio e gestione dei rifiuti.

Raccomandato

Come fare il bagno a un gatto sphynx o un gatto senza peli?
2019
Criteri di addestramento canino
2019
Come nascono i serpenti?
2019