Cos'è la simbiosi in ecologia con esempi

La grande biodiversità degli esseri che il nostro pianeta presenta è senza dubbio straordinaria. Tuttavia, tutta la vita sulla Terra va molto oltre, perché tutto si sviluppa grazie all'interazione tra l'ambiente e tutti gli esseri viventi, così come le relazioni stabilite tra le diverse specie. Dal momento che vogliamo farti conoscere una di queste relazioni: la simbiosi, che è responsabile di molte forme di vita sul pianeta. Se vuoi saperne di più, qui ti diciamo cos'è la simbiosi in ecologia e ti diamo alcuni esempi che saranno molto utili per comprendere meglio questo argomento.

Cos'è la simbiosi in ecologia e biologia

Possiamo definire la simbiosi come la stretta relazione di coesistenza che si instaura a livello ecologico tra due individui di specie diverse che sono in contatto diretto tra loro al fine di ottenere un beneficio da detta unione.

Questi due organismi coinvolti sono chiamati " simbionti " o, se hanno dimensioni diverse, quello più grande è chiamato l'ospite e il più piccolo simbionte. Queste relazioni furono nominate come tali per la prima volta dal botanico tedesco Heinrich Anton de Bary nel 1879.

Tipi di simbiosi

Le relazioni simbiotiche possono essere classificate in base a diversi fattori, come la relazione simbiotica che si verifica tra i due individui, che a volte è essenziale per la vita. Con questo intendiamo che non in tutti i casi le due specie beneficiano. Esistono relazioni in cui solo una di esse beneficia e può essere dannosa per l'altra. Ti diremo di seguito.

A seconda dei costi e dei benefici ottenuti dalle specie coinvolte, possiamo distinguere tra:

  • Mutualismo: di solito è usato come sinonimo di simbiosi, sebbene non sia esattamente lo stesso. Le relazioni reciproche sono quelle in cui le due organizzazioni coinvolte ottengono benefici.
  • Commensalismo: insolito in natura, una delle specie beneficia dell'altra, sebbene non si danneggino perché non è un problema per la specie "ospite".
  • Parassitismo: una delle specie, chiamata parassita, beneficia a spese dell'altra, la specie ospite, ma, in questo caso, fa male. Un esempio è quello dei parassiti che colpiscono le piante.

In base alla relazione spaziale tra i due organismi simbionti, ovvero se uno dei simbionti vive all'interno o meno dell'altro, possiamo distinguere tra:

  • Endosimbiosi: se l'organismo vive all'interno delle cellule dell'altro simbiote o negli spazi che rimangono tra di loro.
  • Ectosimbiosi: se il simbionte può sopravvivere al di fuori dell'altro, cioè al di fuori delle sue cellule, potendo essere trovato sulla superficie del tratto digestivo, delle ghiandole esocrine o esternamente sul suo corpo.

Come accennato, alcune di queste relazioni sono indispensabili per la vita. Pertanto, possono nuovamente essere classificati a seconda che si tratti di relazioni temporanee (facoltative) o permanenti (obbligatorie).

Infine, a seconda del modo in cui questa relazione è stata stabilita, si può distinguere tra relazioni simbiotiche di trasmissione verticale, quando i simbioti sono trasmessi alla prole, o relazioni simbiotiche di trasmissione orizzontale, quando l'organismo ospite ottiene il suo simbiote da Generazione di ambiente dopo generazione.

Importanza della simbiosi ed esempi

Come sarà più chiaro attraverso gli esempi, le relazioni di simbiosi sono molto importanti nell'ambiente, poiché consentono a molte specie di sopravvivere. Ecco perché riteniamo che la simbiosi funzioni come un potenziatore dell'evoluzione di queste specie, che migliorano il loro stile di vita stabilendo relazioni con altri organismi e specie.

Gli esempi sono molto numerosi e vari. Ecco alcuni esempi di simbiosi in ecologia e biologia in modo che, in questo modo, l'importanza di questi tipi di relazioni per la sopravvivenza di questi organismi sia più chiara.

  • Formiche e afidi: alcune specie di formiche, come la formica nera ( Lasius niger ), proteggono branchi di afidi che a loro volta forniscono loro cibo e melassa, una sostanza zuccherina che producono ricchi di carboidrati. Nell'immagine principale di questo articolo possiamo vedere questo stesso esempio.
  • Formiche e acacie: altre specie di formiche come lo Pseudomyrmex feruginea proteggono le acacie da altri parassiti o erbivori. In cambio l'albero fornisce riparo e cibo.
  • Coccodrilli e pivieri: tutti conoscono il grande potere dei coccodrilli nelle mascelle. Questi non hanno niente di più e niente di meno di 80 denti, che sostituiscono 2 o 3 volte l'anno e detriti alimentari possono causare seri problemi come le infezioni. Così nasce il rapporto con i pivieri egiziani. Questi ottengono il loro cibo pulendo i resti trovati tra i denti dei coccodrilli e quindi evitano i problemi orali permettendo loro di muoversi all'interno della bocca.
  • Squali e ruggiti: questo è il caso più chiaro di commensalismo . Sicuramente hai visto che sotto gli squali altri pesci che li accompagnano. Aderiscono agli squali e ottengono protezione e cibo dai detriti alimentari che non mangiano. Per gli squali, la presenza dei remora è praticamente indifferente.
  • Pesce ghiozzo e gambero cieco: il gambero, nonostante la sua mancanza di visione, scava la tana che mantiene pulita e consente al pesce di condividere in modo che funga da guida per la ricerca di cibo e ti avverte anche dei pericoli che si nascondono attraverso i movimenti della sua coda che creano vibrazioni che il gambero è in grado di rilevare, in quel momento entrambi possono nascondere nella tana.
  • Il pesce pagliaccio e l'anemone: questi pesci fanno la loro intera vita all'interno degli anemoni, che sono molto velenosi. Stabiliscono una relazione mutualistica in cui il pesce pagliaccio attira altri pesci predatori che, a contatto con l'anemone, diventano paralizzati e fungono da cibo, i cui resti sfruttano il pesce pagliaccio.
  • Licheni: sono associazioni simbiotiche tra un fungo e un'alga. Il fungo protegge le alghe dalla disidratazione e fornisce una struttura su cui crescere e le alghe producono carboidrati che il fungo può usare come cibo. Esiste una grande varietà di licheni poiché sono molto resistenti e in grado di colonizzare ambienti molto diversi.
  • Micorrize: le micorrize sono funghi che stabiliscono relazioni simbiotiche con più specie vegetali di piante vascolari. Come? Le radici di queste piante secernono sostanze utili per questi funghi e queste a loro volta rendono i materiali presenti nel terreno come minerali e altri materiali di decomposizione più assimilabili dalle piante.
  • Flora e microbiota intestinale : nel nostro intestino, così come in molte altre parti del nostro corpo, esiste un gran numero di batteri e altri microrganismi che vivono in simbiosi con le nostre cellule e che sono di grande importanza per la nostra salute a tal punto che le variazioni di Questo microbiota può causare alterazioni nel nostro corpo.

Ora che sai bene qual è la simbiosi in ecologia e biologia e hai visto vari esempi, potresti anche essere interessato a conoscere questo altro articolo di Relazioni interspecifiche: tipi ed esempi.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Cos'è la simbiosi in ecologia con esempi, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di biodiversità.

Raccomandato

Come fare il bagno a un gatto sphynx o un gatto senza peli?
2019
Criteri di addestramento canino
2019
Come nascono i serpenti?
2019