Cos'è la meditazione Zen e i suoi benefici

Le religioni e le filosofie orientali hanno sempre affascinato l'Occidente e, negli ultimi decenni, lo scambio culturale promosso dalla globalizzazione le ha rese molto più accessibili rispetto a molto tempo fa. In effetti, uno degli aspetti più interessanti del buddismo giapponese tradizionale è la meditazione Zen, che, oltre ad avere un background religioso, ha anche dimostrato di avere specifici benefici per la salute fisica. Se vuoi sapere cos'è la meditazione Zen e i suoi benefici, continua a leggere e te lo diremo.

Che cos'è lo Zen?

Zen è il nome con cui è conosciuta una delle scuole buddiste più importanti al mondo. Per gli occidentali capire, all'interno del buddismo, ci sono diverse scuole. Tutti hanno come base principale il pensiero di Buddha. Tuttavia, ognuno di essi mostra le proprie caratteristiche che lo differenziano dal resto, il che significa che, essendo tutti buddisti, ci sono differenze sia nella teoria che nella pratica di ciascuno dei buddismi. In particolare, la scuola buddista Zen è caratterizzata da una delle più popolari in Giappone e, il suo interesse principale, si concentra sulla meditazione, che è considerata la via principale per raggiungere l'illuminazione.

Facendo una similitudine con la religione cristiana, si può parlare di diversi aspetti (cattolici, riformati, ortodossi, ecc.). Tuttavia, sono tutti cristiani, anche se ci sono differenze nelle interpretazioni dei testi sacri e in alcune delle loro pratiche. Questo è lo stesso del buddismo e delle sue varie scuole, dove collocheremmo nello Zen.

Cos'è la meditazione Zen?

Tieni presente che, in qualsiasi scuola buddista, la meditazione è uno dei principali strumenti e pratiche, in quanto è il modo principale per raggiungere l'illuminazione. Cioè, lo stato di piena coscienza in cui scompare l'ignoranza e, di conseguenza, è possibile raggiungere il nirvana, uno stato di assenza di desiderio e, quindi, anche assenza di sofferenza. Tuttavia, ed è qui che entrano di nuovo le differenze tra una scuola buddista e un'altra, la meditazione Zen ha le sue caratteristiche.

La meditazione Zen, come tutto il pensiero Zen, è caratterizzata dal voler sopprimere tutto ciò che è superfluo o superfluo. Questo perché, eliminando il rumore che ci circonda (sia esso rumore acustico, visivo, emotivo, ecc.), La mente si calma e si concentra con maggiore capacità sul processo meditativo. Cioè, le distrazioni vengono eliminate. Questo è ciò che rende l'estetica Zen così simile al minimalismo, poiché entrambe le filosofie comprendono la necessità di eliminare il superfluo per poter concentrarsi su ciò che è veramente importante, sebbene con approcci e obiettivi diversi.

Uno degli elementi più caratteristici della meditazione Zen, oltre alla soppressione degli elementi che possono costituire distrazioni, è la ricerca di satori. Satori è una parola giapponese che può essere tradotta dall'illuminazione . Tuttavia, la concezione del satori è più profonda del modo di comprendere l'illuminazione in altre scuole buddiste. Il satori è una vera esperienza spirituale che è difficile da definire con le parole. Coloro che l'hanno raggiunto lo descrivono come uno stato di piena consapevolezza e illuminazione, in cui l'ignoranza e le divisioni del mondo fisico scompaiono completamente. Raggiungere questo stato di piena consapevolezza può essere molto costoso. In effetti, ci sono monaci Zen che devono trascorrere una vita nella loro realizzazione e, persino, ci sono persone che non la realizzano nonostante si dedicino completamente alla loro ricerca.

Tuttavia, la meditazione Zen ha effetti positivi dall'inizio della tua pratica, quindi non è necessario iniziare una vita monastica per beneficiare di questo tipo di meditazione.

Quali benefici ha la meditazione Zen

È stato dimostrato che la meditazione Zen ha molti benefici per la salute che vanno oltre il piano spirituale dell'essere umano. Per questo, sono stati condotti esperimenti di vario tipo ma, per la maggior parte, questi esperimenti consistevano nell'analizzare ciò che accade nel cervello quando si accede a questi stati meditativi. I risultati di questi studi hanno concluso che la pratica della meditazione Zen su base regolare contribuisce a un migliore stato di salute in generale .

Ciò si vede in elementi psicologici come una maggiore capacità di concentrazione, una migliore capacità di gestire le relazioni umane e le situazioni di stress, buoni risultati nel trattamento di malattie come la depressione o, ad esempio, un significativo miglioramento delle capacità di autocontrollo e gestione delle emozioni.

Tuttavia, la pratica abituale della meditazione Zen comporta anche benefici fisici, come un significativo miglioramento della salute cardiovascolare, un aumento di energia o un significativo miglioramento dei processi digestivi. Ciò non dovrebbe sorprenderci eccessivamente, poiché l'essere umano, nonostante le sue parti differenziate, funziona come un tutto unito e in relazione con se stesso. Pertanto, il miglioramento dello stato psicologico agisce direttamente sullo stato fisico, in modo che i benefici della meditazione Zen possano essere visti da una dimensione olistica in cui tutte le parti sono interconnesse tra loro.

Se stai pensando di iniziare la pratica della meditazione Zen, anche se è vero che è una pratica che può essere fatta da sola, la cosa migliore da fare all'inizio è farlo per mano di un insegnante o insegnante. In questo senso, una persona che può insegnare e dirigere i primi passi aiuterà le conoscenze più elementari a stabilirsi e, in questo modo, se in seguito vuoi praticarla da sola avrai gli strumenti necessari per farlo efficacemente.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Cos'è la meditazione Zen e i suoi benefici, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di sentimenti e gestione delle emozioni.

Raccomandato

Ecoturismo: definizione e caratteristiche
2019
Clinica veterinaria Ecovet Vallecas Villa
2019
I 18 animali più rari al mondo
2019