Come ridurre le emissioni di CO2 a casa

Oltre ai cambiamenti strutturali e industriali che possono essere proposti per ridurre le emissioni di CO2, i cittadini stessi possono anche contribuire al nostro granello di sabbia. Si stima che circa il 19% delle emissioni di gas inquinanti, come la CO2, provenga dalla sfera domestica. Ridurre queste emissioni è anche vantaggioso per la nostra economia.

Se sei interessato a imparare a ridurre questi gas nocivi e vuoi sapere cosa puoi fare a un determinato livello, presta attenzione, perché in questo articolo ti diciamo come ridurre le emissioni di CO2 a casa .

Dati sulle emissioni di CO2 nelle famiglie

In Spagna questo dato è di circa il 18, 5% secondo Eurostat. Il principale determinante dell'impronta di carbonio è la fonte di energia. Si stima che una casa media consumi circa 3.500 Kilowatt / ora all'anno . Se invece questa energia provenisse da fonti rinnovabili, come il fotovoltaico o il mini eolico, come vediamo nell'immagine qui sotto, le emissioni calerebbero drasticamente, fino all'80% secondo gli esperti.

Nella rete è possibile trovare calcolatori delle emissioni, in modo che chiunque possa sapere come calcolare l'impronta di carbonio, ovvero quanto emette e quale frazione di tali emissioni potrebbe ridurre. Per usarli, dobbiamo avere le nostre bollette del gas, l'elettricità e il chilometraggio del nostro veicolo.

Successivamente, presentiamo una serie di semplici attività che potrebbero ridurre la nostra impronta di carbonio .

Come ridurre le emissioni di CO2 a casa usando meno elettricità

Secondo gli esperti, è falso pensare che lasciare la luce accesa abbia una spesa inferiore rispetto all'accenderla e spegnerla, in termini di spesa, spegnere le luci compensa sempre.

Per quanto riguarda le lampadine che utilizziamo, è più efficiente lampadine a Led o basso consumo rispetto alle lampade a incandescenza o alogene. Secondo i dati del National Center for Environmental Education (CENEAM) nel suo programma Green Homes, le lampadine a incandescenza consumano solo il 5% dell'elettricità che consumano e rilasciano il resto sotto forma di calore.

Il consumo fantasma di un apparecchio è la spesa che un apparecchio produce in uno stato di standby rispetto all'apparecchio acceso e viene calcolato al 15%, secondo CENEAM. Questo fatto può essere facilmente risolto tramite una ciabatta e un interruttore per spegnerli e riaccenderli.

Riduci le emissioni di CO2 durante la cottura

Durante la cottura, possiamo prendere una serie di raccomandazioni per ridurre il consumo di energia, come spegnere il piano cottura o il forno qualche minuto prima di terminare la cottura e quindi sfruttare il calore o quando bolliamo qualcosa, posizionare un coperchio per non lasciare che sfuggire al calore e quindi l'acqua bolle prima.

Sebbene possa sembrare curioso, CENEAM stima che semplicemente mettendo un coperchio sulla pentola quando bolliamo può risparmiare il 65% di energia.

Emette meno CO2 con alimenti biologici e locali

Quando acquisti cibo, dovresti osservarne la composizione e l'origine . Un prodotto che è stato trasportato sulla nostra tavola per circa 3.000 chilometri ha generato più emissioni inquinanti di un prodotto fresco e coltivato vicino a casa nostra.

Allo stesso modo, più un alimento viene confezionato, più energia verrà utilizzata nella sua produzione e più gas inquinanti saranno stati emessi. Ad esempio, l'impronta di carbonio è maggiore per la carne che per i legumi e le verdure.

Controlla qui il nostro articolo su Cosa sono gli alimenti biologici: definizione ed esempi.

Gli apparecchi sono importanti per l'emissione di CO2 a casa

Attualmente, gli elettrodomestici hanno un'etichetta che indica la loro efficienza energetica . Nel caso di una lavatrice, ad esempio, il lavaggio a freddo o fino a 30 ° C consuma molta meno energia rispetto al lavaggio a temperatura più elevata, poiché tra l'80% e l'85% dell'energia viene utilizzata per riscaldare l'acqua. Anche i programmi brevi consumano meno. Nei frigoriferi, i nuovi consumano meno e in generale più sono grandi, maggiore è il consumo. Inoltre, devi rispettare le temperature. Nel caso dei televisori, uno schermo a LED consuma fino al 40% in meno rispetto allo schermo LCD.

Quindi, per ridurre le emissioni di CO2 a casa, considera quali elettrodomestici acquisti e come li usi .

Risparmia acqua a casa e ridurrai le emissioni di CO2

Spesso, la potenza del flusso d'acqua del rubinetto delle case è maggiore del necessario. Con i riduttori di pressione del rubinetto, possiamo ridurre il flusso di acqua e, quindi, il consumo (specialmente nel caso di acqua calda). Tutto ciò porta direttamente a una riduzione delle emissioni di CO2 nell'ambiente.

Ti consigliamo di leggere questo altro articolo su Trucchi per risparmiare acqua a casa.

Come ridurre il consumo e le emissioni di riscaldamento

Utilizzando una buona programmazione del riscaldamento domestico, ridurremo significativamente le emissioni di gas serra, ad esempio programmando il riscaldamento una o due ore prima di arrivare a casa . Inoltre risparmieremo sul riscaldamento se adattiamo la sua temperatura alle condizioni ambientali.

Un modo fondamentale per mantenere il calore in casa è quello di avere un buon isolamento termico che riduca le perdite di calore, specialmente in porte e finestre, dove si perde tra il 25% e il 30% del calore della casa. È anche conveniente sostituire le vecchie caldaie con quelle nuove.

Tieni presente che ogni grado in più di temperatura aumenta il consumo fino al 10%. La casa dovrebbe essere ventilata senza perdere troppo tempo per perdere calore.

Tutti questi suggerimenti ci aiuteranno a ridurre il consumo di energia nella nostra casa e, quindi, ridurre la nostra impronta di carbonio .

Se vuoi leggere altri articoli simili a Come ridurre le emissioni di CO2 a casa, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria Inquinamento.

Raccomandato

32 animali in via di estinzione in Spagna
2019
Elenco di animali recentemente estinti in Spagna
2019
Portacoel
2019