Come riciclare la spazzatura a casa

Il riciclaggio è uno degli strumenti più vicini ai comuni cittadini per ridurre il nostro impatto sull'ambiente e ottenere una migliore gestione delle risorse naturali e delle materie prime esistenti. Tuttavia, a volte può essere difficile farlo, soprattutto quando si dispone di una piccola cucina ed è difficile trovare un posto dove posizionare ciascuno dei bidoni della spazzatura per separare i rifiuti. Nonostante ciò, esistono soluzioni semplici e fantasiose con cui rispondere a questi problemi. Se vuoi sapere come riciclare la spazzatura a casa senza causare gravi interruzioni, continua a leggere e te lo diremo.

Perché è importante riciclare l'immondizia a casa

La prima cosa di cui dobbiamo essere chiari è perché è importante riciclare i rifiuti domestici . Il riciclaggio aiuta a ridurre una grande quantità di rifiuti ed è anche un modo molto più ecologico per ottenere materie prime. Grazie al riciclaggio, possiamo convertire bottiglie e sacchetti di plastica in vestiti o carte di credito, convertire vecchie carte in cartoline o tovaglioli, ottenere nuovi contenitori di vetro senza spendere più sabbia o recuperare metalli pesanti da prodotti tecnologici in modo che non debbano essere estratti da una miniera e non finiscano per disperdersi nell'ambiente. In questo modo, è essenziale capire che il riciclaggio è molto più di una moda passeggera, è uno strumento utile ed efficiente per ridurre la quantità di rifiuti che generiamo e per ottenere materie prime utili nella produzione di una moltitudine di prodotti che utilizziamo quotidianamente.

Tuttavia, affinché ciò avvenga, è essenziale che i consumatori finali inizino il processo. Le pubbliche amministrazioni possono cercare di separare alcuni degli elementi presenti nei sacchetti della spazzatura. Ma sono i cittadini comuni che, con il semplice atto di separare la spazzatura in casa, ottengono i migliori risultati, quindi è un compito fondamentale e importante, poiché sono protagonisti attivi del processo trovandosi all'inizio della catena di riciclaggio.

Come riciclare la spazzatura a casa e cosa fare se i secchi non si adattano

In generale, tutti sono più o meno consapevoli del riciclaggio . Tuttavia, non tutti sono disposti ad avere diversi bidoni della spazzatura nella loro cucina. Le scuse possono essere variate, dalla mancanza di spazio o dal disagio dei bidoni condivisi, all'autoinganno che afferma che la quantità di immondizia prodotta da una piccola casa è insignificante. Nonostante tutto, non riciclare in casa è un errore molto grave, poiché, per quanto piccola sia la quantità di immondizia che non viene riciclata, è immondizia che rimarrà sul pianeta per molti anni e persino secoli .

Se pensi freddamente, la prospettiva è travolgente. Una persona che vive da sola e che, ad esempio, non ricicla perché afferma di non avere abbastanza spazio nella cucina della sua casa per avere un secchio per la plastica che può essere riciclata, sta producendo immondizia che rimarrà sul pianeta molto tempo dopo Ha cambiato casa, avviato un progetto di famiglia, avuto figli, nipoti e, anche, molto tempo dopo la morte di quei nipoti, i suoi rifiuti continueranno a inquinare il pianeta. Pensi davvero che la mancanza di spazio in cucina lo giustifichi?

Il riciclaggio deve essere sempre effettuato. Indipendentemente dalle circostanze di ogni persona. Ciò che dovrà essere fatto è adattarsi a queste circostanze in modo che possa essere efficace.

Nel caso di cucine piccole, puoi sempre optare per bidoni della spazzatura più piccoli o condivisi . Tuttavia, un'altra semplice opzione è quella di evitare il cubo e semplicemente usare borse appese . Questo sistema consente un migliore utilizzo dello spazio disponibile sulle pareti ed è una buona opzione nel caso di materie plastiche e contenitori, che pesano poco e non producono cattivi odori.

D'altra parte, nel caso del riciclaggio di carta o vetro, non è necessario conservarlo in cucina. Possono anche essere conservati in sacchetti o scatole che sono conservati in altre stanze, come il distributore, un corridoio, in un armadio se non si desidera che sia in vista, o anche sulla terrazza. Queste borse possono essere portate nei contenitori per il riciclaggio ogni volta che usciamo per comprare il pane o bere qualcosa con la famiglia, quindi la quantità di materiale riciclabile che andremo a conservare sarà molto piccola perché svuoteremo spesso i sacchetti.

In breve, il problema del riciclaggio dei bidoni non è bidoni, è voler avere tutti i cassonetti messi in fila in cucina e, se possibile, essere molto belli. L'obiettivo del riciclo è riciclare se stesso, non l'estetica della cucina. Se non si inseriscono più bidoni della spazzatura in cucina, distribuire i rifiuti in modo intelligente . La carta e il vetro non generano odori e nemmeno il cubo giallo. Immaginalo e troverai sicuramente un posto adatto in casa per mettere il riciclaggio.

L'importanza delle 3R: ridurre, riutilizzare, riciclare

Tuttavia, sebbene il riciclaggio sia uno degli strumenti più importanti che abbiamo per ridurre i rifiuti che generiamo e ottenere materie prime dai rifiuti, dobbiamo tenere presente che questa è l'ultima fase che dobbiamo scegliere se Vogliamo beneficiare il pianeta.

La regola dei tre righelli (3R) afferma che il processo corretto per ridurre al minimo l'impatto che le azioni umane hanno sull'ambiente passa attraverso una questione di preferenze. In primo luogo è preferibile ridurre, in secondo luogo è preferibile riutilizzare, e in terzo luogo è preferibile riciclare. Queste preferenze si basano sull'impatto che queste azioni hanno sul nostro ambiente e sulle risorse naturali disponibili. La regola 3R può essere applicata a qualsiasi forma di consumo, dagli abiti che acquistiamo, per riempire il paniere sul mercato, o all'uso di prodotti tecnologici o di qualsiasi altro tipo.

Un esempio di come applicarlo potrebbe essere trovato quando si scrive la lista della spesa. Possiamo usare la carta per scrivere questo elenco. Tuttavia, se riduciamo l'uso della carta, miglioreremo il nostro impatto sull'ambiente. Un'opzione sarebbe quella di indicare l'elenco sul telefono cellulare che già abbiamo, in questo modo, riduciamo la carta che consumiamo. Continuando con questo esempio, e supponendo che non potremmo ridurre l'uso della carta, potremmo optare per il secondo R: riutilizzo. In questo caso, potremmo riutilizzare la vecchia carta per scrivere la lista della spesa, il che ci consentirebbe di ammortizzare meglio le risorse di carta utilizzate. Infine, l'ultima R, che si riferisce al riciclaggio, verrebbe applicata alla carta della lista della spesa quando non potrebbe più essere riutilizzata, che sarebbe riciclata in modo che possa continuare a essere redditizia anche in questa situazione finale.

In questo modo, riducendo e ammortizzando al massimo i nostri consumi, riduciamo l'impatto che le azioni umane hanno sull'ambiente e sulle risorse naturali.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come riciclare i rifiuti domestici, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria di riciclaggio e gestione dei rifiuti.

Raccomandato

Malattie da piccione
2019
floreStore
2019
Coltivazione e cura del caprifoglio
2019