Come evitare l'inquinamento dei mari e degli oceani

L'inquinamento dei mari e degli oceani è uno dei problemi ambientali che affrontiamo oggi. La sua pratica è stata eseguita per molti anni, tuttavia, a causa dei progressi dell'industria e della tecnologia negli ultimi secoli, la quantità di rifiuti scaricati nei sistemi acquatici è aumentata fino a un punto completamente insostenibile, quindi è sempre più necessario attuare misure per fermare e correggere questa situazione. Pertanto, proponiamo alcune soluzioni e spieghiamo come evitare l'inquinamento dei mari e degli oceani .

Cos'è l'inquinamento marino?

L'inquinamento marino e oceanico consiste nell'introduzione di sostanze inquinanti nell'ambiente marino direttamente o indirettamente a seguito di infinite attività umane, a cui si aggiunge la cattiva gestione dei rifiuti che produciamo.

Queste attività spaziano da quelle più rilevanti di natura industriale e sono in grado di causare maggiori impatti, attraverso pratiche agricole e sversamenti alla semplice abbandono degli esseri umani quando smaltiamo la nostra spazzatura.

Conseguenze dell'inquinamento marino

Ci sono molte conseguenze dell'inquinamento dei mari e degli oceani:

  • Perdita di biodiversità : la biodiversità marina si sta estinguendo cinque volte più velocemente del terrestre a causa dell'inquinamento e della modifica o eliminazione dei loro habitat. Inoltre, bisogna tenere presente che ogni specie occupa un posto specifico nell'ecosistema, quindi se una specie viene alterata o disturbata, anche quelle che mantengono una relazione con essa saranno interessate.
  • Eutrofizzazione : consiste nell'aumento dei nutrienti nell'acqua che causano una mancanza di controllo nello sviluppo di alghe e batteri che consumano l'ossigeno dell'acqua, aumentando la sua torbidità e impedendo il passaggio della luce solare e con essa la vita di numerose specie.
  • Aumento della temperatura dell'acqua : l'aumento della temperatura provoca la diminuzione dell'ossigeno impedendo lo sviluppo di numerose specie. D'altro canto, l'eccesso di anidride carbonica modifica il pH dell'acqua, aumentandone l'acidità e causando danni in tutto l'ecosistema marino.

Pratiche per evitare l'inquinamento marino

Ridurre il consumo di prodotti in plastica

Oggi si stima che circa cinque miliardi di prodotti in plastica galleggino negli oceani o siano immersi nelle loro profondità. L'accumulo di questo materiale è una minaccia per la fauna marina, che può confonderlo come cibo o rimanere intrappolato in esso. Inoltre, la degradazione della plastica può richiedere fino a 1000 anni, quindi è necessario sostituire questo materiale, tenendo conto del fatto che, diminuendo l'uso di prodotti in plastica, possiamo ridurre la quantità di plastica che finisce in mare. Nel seguente articolo parliamo delle diverse alternative per sostituire i sacchetti di plastica.

Acquista in modo sostenibile

A causa della pesca illegale e irrispettosa con l'ambiente acquatico, stiamo affrontando sempre più specie in pericolo, quindi è importante informare e conoscere quei marchi e certificazioni che indicano che i prodotti che consumiamo sono stati ottenuti attraverso pratiche sostenibili al fine per fermare ed eliminare quelle pratiche che non lo sono. Va notato che non ci riferiamo solo ai prodotti alimentari, ma dobbiamo anche considerare gioielli in corallo, conchiglie o altri accessori realizzati con specie marine.

Non sporcare sulle spiagge

Questa è una delle misure più semplici. Tuttavia, nonostante la sua semplicità, siamo sicuri che in più di un'occasione hai trovato immondizia, plastica o altri rifiuti galleggianti nei luoghi di balneazione. Per evitare questa situazione, è sufficiente rispettare l'ambiente, utilizzando gli appositi contenitori e disposti sulle spiagge per smaltire contenitori, mozziconi di sigarette e altri rifiuti. Nel seguente articolo puoi trovare la mappa del mondo dei rifiuti negli oceani.

Ridurre il consumo di energia e le emissioni di CO2

Riducendo le emissioni di CO₂ contribuiamo a mitigare il cambiamento climatico e con esso gli effetti che subiscono gli ecosistemi marini, come l'inquinamento termico o l'innalzamento delle maree . Per ridurre il consumo di elettricità possiamo applicare misure molto semplici come l'uso di lampadine fluorescenti anziché convenzionali o lo spegnimento di apparecchi elettrici quando non li utilizziamo.

Organizzazioni di supporto

Esistono molte organizzazioni dedicate alla protezione degli habitat marini. Possiamo contribuire alla tua causa attraverso il volontariato o attraverso il sostegno finanziario.

Se vuoi leggere altri articoli simili a Come evitare l'inquinamento dei mari e degli oceani, ti consigliamo di entrare nella nostra categoria Inquinamento.

Raccomandato

Cibo proibito per il criceto
2019
21 cespugli con fiori
2019
Principali problemi ambientali in Argentina
2019