Che cos'è la pesca a strascico?

La pesca a strascico è uno dei metodi più utilizzati per l'estrazione e l'ottenimento di risorse biologiche. Ad esempio, la pesca a strascico nel Mediterraneo è uno dei più comuni e viene utilizzato per la pesca di nasello, gamberetti, gamberi e gamberi, tra gli altri.

Tuttavia, è un tipo di pesca che distrugge il fondo del mare, poiché le reti da traino avviano tutti i tipi di coralli, alghe e microrganismi, diventando una grande minaccia che danneggia il fondo del mare di tutti regioni del pianeta in cui si svolge questo tipo di pesca.

In questo articolo ti diciamo che cosa è la pesca a strascico e i problemi ambientali che comporta.

Cos'è la pesca a strascico e come funziona?

La pesca a strascico o retro- pesca è una pesca attiva, cioè non si aspetta il movimento del pesce per la sua cattura e si basa, fondamentalmente, sull'uso di una rete pesante che spazza il fondo del mare . Questo tipo di pesca è emerso durante la seconda parte del XIV secolo e il suo uso è cresciuto esponenzialmente fino ad oggi. Inoltre, viene utilizzato sempre più a profondità nelle acque dei mari e degli oceani da diversi angoli del pianeta.

La pesca a strascico è una delle attività di pesca meno selettive esistenti, poiché cattura tutto ciò che si trova durante il processo di pesca a strascico. È un tipo di pesca che utilizza metodi industriali, distruggendo i fondali marini durante il processo di cattura del pesce.

Per quanto riguarda il suo strumento principale, esistono due tipi di reti da traino :

  • Sciabiche di fondo: catturano esclusivamente diverse specie di pesci che popolano il fondo del mare, come gamberi, gamberi, pesci piatti, merluzzi, naselli, ecc.
  • Reti da traino pelagiche: vengono utilizzate per catturare quelle specie che abitano invece la superficie o tra due acque. Questo è il caso di sardine, sugarelli, spigole, tra gli altri.

Problemi ambientali di pesca a strascico

La pesca a strascico distrugge gli ecosistemi sedimentari che costituiscono il fondo marino profondo, rimuovendo e sollevando le diverse particelle che costituiscono il sedimento e lasciando sospesi numerosi piccoli organismi. Questi sono i principali abitanti dei sedimenti marini, che costituiscono la base della catena alimentare in questi ecosistemi a grandi profondità.

Inoltre, riduce il contenuto di carbonio organico e riduce la biodiversità, diventando una delle principali cause del degrado del fondo marino. In questo modo, i fondali rimarranno come sedimenti superficiali poveri e compatti, rendendo più difficile una nuova colonizzazione di specie in questo ecosistema. In questo altro articolo puoi saperne di più sulla perdita di biodiversità: cause e conseguenze.

Questo problema è anche legato al problema ambientale dell'abuso di risorse che la natura ci offre e, pertanto, ti consigliamo di leggere questo altro post sullo sfruttamento eccessivo delle risorse naturali: cause e conseguenze.

Tipi di pescherecci da traino o pescherecci da traino

I pescherecci da traino o i pescherecci da traino utilizzano reti a strascico e motori con una potenza adeguata alla velocità della pesca a strascico, utilizzando reti a strascico e pelagici.

Tra i tipi di pescherecci da traino possiamo trovare:

  • Trawler sul lato: le reti da traino si trovano sul lato della barca. Hanno anche due gru per barche (gru di bordo che escono dai lati. Lo scafo della barca è rinforzato all'altezza delle dighe contro l'attrito delle porte di trascinamento.
  • Sciabica di poppa: cavi di rimorchio di rete che vanno dal ponte di poppa.
  • Pescherecci da traino congelatori: sono navi d'altura. Hanno strutture di refrigerazione e apparecchiature di congelamento, nonché magazzini refrigerati. A volte hanno persino attrezzature meccaniche per la produzione di pesce sviscerato e sfilettato, nonché per l'elaborazione di oli, farina e conserve.
  • Pescherecci a strascico Tangon: usano una o due reti pesanti estese dai lati, rimorchiandole usando botaloni (struttura in ferro a forma di bastone che viene tolto dalla barca di fianco, per usi diversi). È il tipico peschereccio a strascico per la pesca di gamberi e pesci piatti nel Mare del Nord.

La pesca a strascico è vietata?

Come abbiamo commentato in precedenza, la pesca a strascico è molto dannosa per il fondo marino. Per questo motivo il suo uso è messo in discussione ed è richiesta una maggiore regolamentazione .

In molti paesi la pesca a strascico è regolamentata, sebbene in pochissimi sia vietata. Il suo divieto sarebbe un grande progresso per l'economia del settore della pesca, favorendo il mantenimento della biodiversità marina, nonché l'equilibrio e la rigenerazione delle risorse marine.

C'è ancora molta strada da fare fino a quando non vi sarà un tipo di pesca a strascico che includa la sostenibilità e il rispetto dell'ambiente marino, per i quali saranno necessari diversi accordi internazionali e nazionali.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cosa è la rete da traino, ti consigliamo di inserire la nostra categoria di Altro ambiente.

bibliografia
  • M. Sommer (2005) Trawling. Annientamento silenzioso Rivista elettronica di medicina veterinaria, REDVET, Vol. VI.
  • D. Compán (2003) Pesca marina in Andalusia. Università di Granada
  • S. Biton (2009) Biologia delle tartarughe marine e incidenza della pesca a strascico nella loro conservazione nel Mediterraneo e nel Golfo di Cadice. Monografia dell'Associazione Chelonia, volume 1.
  • Pesca artigianale contro la pesca a strascico. (2011) Rivista EFE Verde.
  • La pesca a strascico provoca la desertificazione biologica del fondo marino. (2014) Rivista EFE Verde.
  • Il governo spagnolo protegge 40.000 ettari marini delle Isole Baleari e la pesca a strascico. (2014) Rivista EFE Verde.

Raccomandato

I cani possono mangiare il melone?
2019
Crisi ambientale globale: che cos'è, cause, conseguenze e soluzioni
2019
Infezione oculare nei cani - Cause e trattamento
2019