Catena alimentare acquatica

Esiste un ramo dell'ecologia, chiamato sinecologia, che studia le relazioni esistenti tra ecosistemi e comunità di individui. All'interno della sinecologia, troviamo una parte responsabile degli studi sulle relazioni tra esseri viventi, tra cui le relazioni alimentari, che sono sintetizzate nelle catene alimentari, come nel caso della catena alimentare acquatica.

La sinecologia spiega che le catene alimentari sono la forma di energia e la questione del passaggio da una fase produttiva all'altra, tenendo anche conto delle perdite di energia, come la respirazione. In questo articolo di milanospettacoli.com spiegheremo cos'è una catena alimentare acquatica, a partire dalla definizione di catena alimentare e rete alimentare.

Differenza tra catene e reti trofiche

Innanzitutto, per comprendere la complessità delle catene alimentari acquatiche, dobbiamo conoscere le differenze tra la catena alimentare e la catena alimentare o alimentare e quale sia ciascuna.

Una catena alimentare mostra come la materia e l'energia si muovano all'interno di un ecosistema attraverso diversi organismi, in modo lineare e unidirezionale, iniziando sempre in un essere autotrofico che è il principale produttore di materia ed energia, poiché è in grado di trasformare materia inorganica in fonti di energia organiche e non assimilabili in energia assimilabile, come la conversione della luce solare in ATP (adenosina trifosfato, fonte di energia degli esseri viventi). La materia e l'energia create dagli esseri autotrofi passeranno al resto degli esseri eterotrofi o dei consumatori, che possono essere consumatori primari, secondari e terziari.

D'altra parte, una rete trofica è un insieme di catene alimentari che sono interconnesse, mostrando un movimento molto più complesso di energia e materia.

La catena alimentare acquatica

Lo schema di base di una catena alimentare non varia molto tra un sistema terrestre e uno acquatico, le differenze più gravi si riscontrano a livello di specie e la quantità di biomassa accumulata, maggiore negli ecosistemi terrestri. Successivamente citeremo alcune specie della catena alimentare acquatica :

Produttori primari

Nella catena alimentare acquatica troviamo che i produttori primari sono alghe, siano esse monocellulari, come quelle appartenenti alla Glaucophyta, Rhodophyta e Chlorophyta o, multicellulari, quelle del superfile Heterokonta, sono le alghe che possiamo vedere ad occhio nudo sulle spiagge, ecc. . Inoltre, possiamo trovare batteri a questo livello della catena, i cianobatteri, che eseguono anche la fotosintesi.

Consumatori primari

I principali consumatori nella catena alimentare acquatica sono generalmente animali erbivori che si nutrono di alghe microscopiche o macroscopiche e persino batteri. Questo livello è di solito formato da zooplancton e altri organismi erbivori .

Consumatori secondari

I consumatori secondari si distinguono per essere animali carnivori, che si nutrono di erbivori di livello inferiore. Possono essere pesci, artropodi uccelli acquatici o mammiferi.

Consumatori terziari

I consumatori terziari sono supercarnivori . Quegli animali carnivori che si nutrono di altri carnivori, quelli che formano il legame dei consumatori secondari.

Esempi di catena alimentare acquatica

Esistono diversi gradi di complessità nelle catene alimentari. Ecco x esempi:

  1. Il primo esempio di una catena alimentare acquatica è costituito da due maglie . Questo è il caso del fitoplancton e delle balene. Il fitoplancton è il principale produttore e le balene l'unico consumatore.
  2. Queste stesse balene possono formare una catena di tre maglie se si nutrono di zooplancton anziché di fitoplancton. Quindi la catena sarebbe simile a questa: fitoplancton> zooplancton> balena. La direzione delle frecce indica dove si muovono energia e materia.
  3. In un sistema acquatico e terrestre, come un fiume, potremmo trovare una catena di quattro maglie : fitoplancton> molluschi del genere Lymnaea > barbos (pesce, Barbus barbus )> airone ( Ardea cinerea ).
  4. Un esempio di una catena a cinque maglie in cui possiamo vedere un supercarnivoro è il seguente: fitoplancton> krill> Pinguino imperatore ( Aptenodytes forsteri )> Leopardo di mare ( Hydrurga leptonyx )> Killer Whale ( Orcinus orca ).

In un ecosistema naturale le relazioni non sono così semplici . Le catene alimentari sono create per semplificare le relazioni trofiche e possiamo comprenderle meglio, ma le catene interagiscono tra loro in una complessa rete di reti trofiche. Un esempio di una rete trofica potrebbe essere il seguente, in cui possiamo vedere come è integrata una catena alimentare:

Se vuoi leggere altri articoli simili alla catena alimentare acquatica, ti consigliamo di entrare nella nostra sezione Curiosità del mondo animale.

bibliografia
  • Hansson, LA, Nicolle, A., Granéli, W., Hallgren, P., Kritzberg, E., Persson, A., & Brönmark, C. (2013). La lunghezza della catena alimentare altera le risposte della comunità ai cambiamenti globali nei sistemi acquatici. Nature Climate Change, 3 (3), 228.
  • Jake Vander Zanden, M., & Fetzer, WW (2007). Modelli globali di lunghezza della catena alimentare acquatica. Oikos, 116 (8), 1378-1388.

Raccomandato

Perché il mio gatto fa la cacca fuori dalla lettiera?
2019
Prendersi cura di un gatto sordo
2019
Come socializzare un cucciolo di gatto?
2019