Cataratta nei cani - Trattamento

Vedi i file dei cani

Ci sono problemi agli occhi molto diversi nei canidi. Ma forse uno di quelli che possono attirare maggiormente la nostra attenzione sono le cataratte, perché osserveremo che l'occhio del cane diventa biancastro con un tono bluastro e che il cane, quando perde la vista, soffre di alcune insicurezze. Inoltre, la cataratta è la causa più comune di cecità nei cani.

Se credi o sai che il tuo cane ha la cataratta, non scoraggiarti, poiché ci sono diversi modi per migliorarli e c'è anche un intervento chirurgico per eliminarli. Ti invitiamo a leggere questo nuovo articolo da milanospettacoli.com, dove troverai informazioni sulla cataratta nei cani e sul loro trattamento .

Cosa sono la cataratta?

Una cataratta può essere definita come un'opacizzazione della lente, che è una piccola struttura che troviamo nell'occhio e funge da lente intraoculare. Queste opacità si formano a causa di una rottura del tessuto della lente, le loro fibre sono disallineate e ciò provoca opacità. Osserveremo che l'occhio del cane ha delle macchie o una grande macchia blu e bianca. Inoltre, vedremo che il cane diventa più sensibile alla luce, lo disturba più negli occhi rispetto a prima di presentare la cataratta.

Le cause della cataratta nei cani, cioè le cause di una rottura delle fibre delle lenti dell'occhio, possono essere di natura variabile. Quando la cataratta è secondaria, causata da un altro problema, scopriamo che potrebbero essere dovuti a traumi, infiammazioni che non sono state adeguatamente trattate o malattie sistemiche come il diabete. Ma si scopre che la maggior parte delle volte, la cataratta è ereditaria, che appare nei cani giovani e non in quelli più vecchi o più vecchi come potremmo pensare. Ciò che vediamo spesso nei cani anziani si chiama sclerosi a lente nucleare. Man mano che la loro età progredisce, i cani induriscono l'obiettivo, qualcosa di naturale, ma che conferisce agli occhi un tono grigiastro che ci ricorda la cataratta ma, invece, non influisce sulla loro visione come fanno Le cascate

È importante che pensiamo che la vista non sia un senso principale nei canidi, non è così sviluppata come in altri animali. I cani usano molti più sensi come l'udito e l'olfatto, quindi perdendo di vista potrebbero non mostrarlo immediatamente e avere difficoltà a capire che il processo di cataratta è iniziato. Normalmente, la formazione della cataratta è lenta, inizia con piccoli punti biancastri fino a progredire e diventando un punto delle dimensioni dell'occhio che finirà per produrre cecità nel cane.

Oggi, il trattamento per eliminarli è un intervento chirurgico. Ma ci sono anche trattamenti non chirurgici che, sebbene non siano sicuramente guariti, possono aiutare a migliorarli. Sia la chirurgia che i trattamenti alternativi saranno discussi più avanti in questo articolo.

Quali cani possono soffrirli?

Quando la cataratta viene prodotta come secondaria rispetto ad altri importanti problemi come incidenti con traumi nell'area, diabete, ecc., Possono verificarsi a qualsiasi età nei cani. Nel caso della cataratta ereditaria possono verificarsi dal momento della nascita, che sono noti come cataratta congenita e approssimativamente a circa 5 o 7 anni, quindi sono conosciuti come cataratta giovanile. Questi ultimi sono i più frequenti.

Lasciando da parte l'età del cane, si scopre che ci sono razze più probabilità di altre di soffrire di questo problema agli occhi. Alcune delle razze che sono più facilmente in grado di presentare questa condizione oculare, principalmente in casi ereditari, sono le seguenti:

  • Cocker spaniel
  • barboncino
  • schnauzer
  • Fox terrier dai capelli lisci
  • Fox wire terrier
  • Bichon Frise
  • Siberian Husky
  • Golden Retriever
  • Labrador Retriever
  • peke
  • Shih tzu
  • Lhasa apso
  • Pastore inglese antico o bobtail

Operazione di cataratta nei cani

L'oftalmologia veterinaria si è evoluta molto negli ultimi anni e proprio il campo della chirurgia della cataratta è uno degli aspetti che è migliorato di più. Questo intervento chirurgico è l'unico trattamento utilizzato per eliminare la cataratta. È l' estrazione del cristallino, quindi una volta azionata la cataratta non può più svilupparsi. Nel posto precedentemente occupato dall'obiettivo, viene posizionata una lente intraoculare. L'intervento viene eseguito con una tecnica ad ultrasuoni. Questo intervento è l'opzione migliore per risolvere il problema del nostro cane, con il 90-95% dei casi di successo . Un elevato grado di visione viene restituito al cane, ma non sarà mai la visione completa che aveva prima dell'apparizione delle cascate, anche se va ricordato che la visione dei cani non è uno dei suoi sensi principali. In questo modo possiamo convincere il nostro fedele amico a recuperare la qualità della vita e condurre nuovamente una vita completamente normale.

Questa procedura chirurgica dura circa un'ora per ciascun occhio. Sebbene, in linea di principio, l'ospedalizzazione del cane non sia necessaria, è fondamentale che la prima revisione postoperatoria venga eseguita la mattina successiva. Le prime settimane dopo l'operazione, dobbiamo assicurarci che il nostro amico peloso faccia una vita molto tranquilla . Devi indossare un colletto elisabettiano, almeno durante le prime due o tre settimane, dovremo camminare con un'imbracatura pettorale e non con un colletto, faremo in modo di non esercitare eccessivamente, perché deve riposare, non saremo in grado di fare il bagno e dobbiamo garantire che altri animali non lo facciano Avvicinati al viso per evitare possibili problemi agli occhi appena operati.

Dopo l'intervento chirurgico, è necessario continuare i controlli periodici per assicurarsi che non vi siano complicazioni che impediscono il recupero totale degli occhi del cane. È fondamentale seguire tutti i trattamenti postoperatori, che coinvolgono sicuramente colliri antibiotici e antinfiammatori, raccomandati dal veterinario e andare alle visite, al fine di rilevare le irregolarità nel recupero nel tempo e risolverle. Anche così, in realtà, la maggior parte dei cani operati inizierà a notare un miglioramento della visione pochi giorni dopo l'intervento e con un recupero quasi senza dolore.

Dobbiamo tenere presente che non tutti i cani sono operabili dalla cataratta. È necessario eseguire un controllo e un'analisi generale per verificare la salute del paziente, come in qualsiasi altro intervento che richiede l'anestesia generale. Inoltre, sarà necessario un esame oculistico completo per consentire al veterinario di decidere e verificare se è in grado di operare. Dovranno inoltre essere eseguiti alcuni test specifici come un elettroretinogramma e un'ecografia oculare.

Sebbene possa sembrare un processo un po 'lungo, si consiglia vivamente che se il nostro cane affetto da cataratta risulta essere un candidato operabile, l'intervento chirurgico viene eseguito. In questo modo restituiremo molta qualità della vita e impediremo alla cataratta di evolversi in problemi secondari, che possono variare da una semplice infiammazione permanente, che è ovviamente molto fastidiosa e dolorosa per il cane, alla perdita dell'occhio colpito.

Trattamenti alternativi alla chirurgia

Sebbene abbiamo già chiarito che l'unico trattamento efficace per l'eliminazione della cataratta è la chirurgia, dobbiamo anche commentare trattamenti alternativi a questo, ricordando sempre che nessuno di essi cura definitivamente la cataratta. Pertanto, l'intervento è sempre più consigliabile. Ma se si scopre che il nostro partner peloso non è un candidato operabile, questi trattamenti e suggerimenti ti aiuteranno e ti aiuteranno a rallentare il processo di cataratta. Con questi trattamenti non chirurgici possiamo evitare, tra le altre condizioni, il glaucoma, i rischi di infezione, il distacco della retina.

Ad esempio, tra i trattamenti non chirurgici più riconosciuti, esiste un trattamento con gocce di carnosina antiossidanti al 2%, che deve essere prescritto da un veterinario e deve essere applicato per almeno 8 settimane, migliorando in modo significativo le cataratte che sono ancora immature .

Altri trattamenti si basano sull'aggiunta di vitamine A, C ed E al cibo del cane per essere in grado di ritardare l'avanzamento della cataratta, poiché queste vitamine contengono proprietà antiossidanti. È anche fondamentale una dieta equilibrata con ingredienti naturali e ridurre anche le ore che il nostro partner trascorre al sole. Alcune verdure che dovrebbero essere aggiunte alla dieta del nostro cane per rallentare l'avanzamento della cataratta sono carote, cavoli, broccoli, estratto di mirtillo e altre verdure a foglia verde. Inoltre, si consiglia anche la polvere di germinato di grano ed è bene usare l'integratore alimentare metilsulfonilmetano.

Infine, possiamo anche usare erbe come la bardana, il rosmarino e la regina dei prati e, inoltre, i tè di celidonia ed eufrasia sono altamente raccomandati per eseguire i lavaggi oculari del nostro cane per rallentare la progressione della cataratta.

Questo articolo è puramente informativo, in milanospettacoli.com non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti veterinari o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili alla cataratta nei cani - Trattamento, ti consigliamo di andare alla nostra sezione Problemi agli occhi.

Raccomandato

Il cambio di pelo nei cani
2019
Mappa del mondo di immondizia negli oceani
2019
Perché l'orso pigro è così lento
2019