Carcinoma mammario in cagne - Sintomi e trattamento

Vedi i file dei cani

Sfortunatamente, il cancro è una malattia che colpisce anche i nostri amici canini. In questo articolo di milanospettacoli.com ci concentreremo su una delle sue manifestazioni più comuni, che non è altro che il cancro al seno che i nostri cani possono soffrire. Scopriremo i suoi sintomi, il modo in cui possiamo diagnosticare e, naturalmente, il trattamento che può essere utilizzato, nonché misure preventive poiché, come sempre, prevenire è meglio che curare.

Se sei interessato a saperne di più sul cancro al seno nelle cagne, sui loro sintomi e sul trattamento, continua a leggere!

Che cos'è il cancro?

Il cancro è la crescita anormale, continua e rapida delle cellule del corpo. Nel carcinoma mammario nelle cagne, come suggerisce il nome, questo sviluppo patologico avrà luogo nelle ghiandole mammarie. Quasi tutte le cellule muoiono e vengono sostituite per tutta la vita dell'individuo. Se si verifica una mutazione nei meccanismi che regolano questa divisione cellulare, origineranno cellule a crescita molto rapida che formeranno masse in grado di sostituire le cellule sane.

Inoltre, le cellule tumorali non svolgono le funzioni delle cellule. Se il cancro cresce invadendo l'area o l'organo in cui ha origine, causerà danni che, nel tempo, porteranno alla morte del cane. Nei giovani animali la loro crescita è di solito più rapida, contrariamente a quanto accade con gli animali più anziani, dal ritmo della rigenerazione cellulare.

Esistono geni che sopprimono i geni cancerogeni, ma ce ne sono anche altri che inibiscono la loro funzione e tutto ciò è causato da fattori esterni come la dieta, lo stress o l'ambiente. Pertanto, il cancro è un fenomeno in cui la genetica e l'ambiente interagiscono. Inoltre, sono noti agenti cancerogeni, cioè influenze che aumentano le possibilità di origine del cancro. Nell'uomo vengono testati elementi quali luce ultravioletta, raggi X, radiazioni nucleari, alcuni prodotti chimici, tabacco, virus o parassiti interni.

I tumori causati dal cancro sono chiamati neoplasie e possono essere benigni o maligni . I primi di solito crescono lentamente, senza invadere o distruggere i tessuti circostanti. Di solito non si diffondono ad altre parti del corpo. Se possibile, vengono rimossi con un intervento chirurgico. Al contrario, i tumori maligni invadono i tessuti adiacenti e crescono senza limiti. Queste cellule tumorali possono penetrare nel sistema circolatorio e spostarsi dal tumore primario ad altre parti del corpo. Questo processo si chiama metastasi .

Sintomi del cancro al seno nei cani

I cani hanno una decina di ghiandole mammarie, distribuite in due catene simmetriche su ciascun lato del corpo, dal torace all'inguine. I tumori in queste ghiandole sono, purtroppo, molto comuni e si verificano soprattutto nelle femmine di sesso femminile di età superiore ai sei anni, con una maggiore incidenza verso i dieci anni. Questi tumori possono essere benigni o maligni.

Questo tipo di cancro è, in larga misura, dipendente dagli ormoni, il che significa che la sua insorgenza e sviluppo sono collegati agli ormoni, principalmente estrogeni e progesterone, che sono coinvolti nel ciclo riproduttivo del cane e per i quali ci sono recettori nel tessuto mammario.

Il sintomo principale che, come operatori sanitari, saremo in grado di notare nel carcinoma mammario del nostro cane è la presenza di un nodulo indolore o nodulo in uno o più seni, cioè un esame fisico sarà sufficiente per la rilevazione. Le mamme più grandi, cioè gli inglesi, sono colpite più frequentemente. Questa massa avrà dimensioni variabili e contorni più o meno definiti, attaccati alla pelle o liberi. Occasionalmente, la pelle ulcera e possiamo vedere una ferita . Una scarica sanguinolenta può anche essere vista attraverso il capezzolo.

Diagnosi per carcinoma mammario nei cani

Rilevato questo primo segnale, dobbiamo cercare l'attenzione veterinaria senza perdere tempo. Il veterinario, dopo la palpazione, confermerà la diagnosi, differenziandola da altre possibili cause come la mastite. Come vedremo, il trattamento di scelta, in ogni caso, sarà l'estrazione chirurgica.

Il materiale prelevato deve essere inviato per analisi ( biopsia ) e sarà il laboratorio istopatologico specializzato a determinare esattamente il tipo di cellule presenti. Inoltre, questo studio può dirci se il tumore è benigno o maligno e, in quest'ultimo caso, qual è il suo grado di virulenza. Questi dati sono fondamentali per la prognosi, l'aspettativa di vita o la possibilità di recidive (percentuale di recidiva del cancro, nello stesso o in un luogo diverso).

Trattamento del cancro al seno nei cani

L'efficacia del trattamento del carcinoma mammario nelle femmine dipenderà dalla diagnosi precoce. L'escissione chirurgica, come abbiamo detto, sarà il trattamento di scelta, tranne nei casi in cui si verifica una malattia terminale o viene rilevata la presenza di metastasi. Pertanto, prima di entrare in sala operatoria, il veterinario eseguirà una radiografia che distinguerà la presenza di masse in altre parti del corpo.

È normale la comparsa di metastasi nei polmoni (a volte possono causare difficoltà respiratorie). È inoltre possibile eseguire un'ecografia e un esame del sangue. In chirurgia, il tumore e il tessuto sano adiacente verranno rimossi. L'entità dell'estrazione dipenderà dalle dimensioni e dalla posizione del tumore. Pertanto, è possibile rimuovere solo il nodulo, l'intero seno, l'intera catena del seno o anche le due catene. La prognosi sarà più sfavorevole maggiore sarà il tumore e la sua aggressività.

Inoltre, poiché si tratta di un tumore ormono-dipendente, se il cane è intero, può procedere all'ovarioisterectomia, cioè alla rimozione dell'utero e delle ovaie. Come abbiamo detto, se il nostro cane ha metastasi, la chirurgia non è raccomandata, anche se in alcuni casi, la massa può essere estratta se sta causando danni. A seconda del risultato della biopsia, oltre alla rimozione chirurgica, può anche essere necessario somministrare la chemioterapia (previene e controlla le metastasi).

D'altra parte, il postoperatorio sarà come qualsiasi altro intervento chirurgico, quindi dobbiamo fare attenzione che il nostro cane non strappi i punti, così come l'aspetto della ferita per controllare possibili infezioni. Eviteremo anche movimenti improvvisi, giochi violenti o salti che possono causare l'apertura della ferita. Certo, deve essere tenuto pulito e disinfettato, secondo le linee guida del veterinario, allo stesso modo in cui dovremmo somministrare marcata antibioterapia e analgesia. Tieni presente che l'incisione può avere dimensioni considerevoli.

prevenzione

Come possiamo vedere, in questo caso, la causa dell'insorgenza del carcinoma mammario nelle femmine è principalmente ormonale, con la quale è possibile adottare misure preventive, come la sterilizzazione precoce della nostra femmina. Con la rimozione dell'utero e delle ovaie, il cane smette di pedalare e, senza l'azione degli ormoni di questo meccanismo, nessun tumore può svilupparsi.

Tieni presente che questa protezione è praticamente completa nei cani operati prima del loro primo calore. Effettuando l'intervento dopo il primo calore, la protezione è stabilita intorno al 90%. Dal secondo calore in poi, la percentuale di protezione garantita dalla sterilizzazione sta diminuendo. È quindi importante sterilizzare il nostro cane prima del suo primo calore . Se lo adottiamo da adulto, dobbiamo farlo funzionare il prima possibile, meglio quando non è in calore, poiché l'irrigazione dell'area durante quelle settimane aumenta, il che aumenterà il rischio di sanguinamento durante l'intervento chirurgico.

Le misure preventive includono anche la diagnosi precoce . Non è altro che esaminiamo periodicamente il seno del nostro cane e cerchiamo una rapida attenzione veterinaria prima di qualsiasi cambiamento o presenza di masse, arrossamenti, infiammazioni, secrezioni o dolori.

A partire dai sei anni, un esame mensile può essere fatto a casa in cani non sterilizzati o sterilizzati in ritardo. Inoltre, dobbiamo andare ai controlli veterinari di routine. I cani di età superiore ai 7 anni dovrebbero sottoporsi a un esame fisico annuale poiché, come abbiamo visto, un semplice esame fisico può rilevare la presenza di cancro.

Infine, dovrebbe essere noto che l'uso di prodotti per controllare il calore del cane ( progestinici ) favorisce l'insorgenza del cancro al seno. Inoltre, anche le femmine che hanno subito pseudo- gestazioni (gravidanze psicologiche) hanno maggiori probabilità di soffrirne. Tutti questi dati ribadiscono la necessità di una sterilizzazione precoce per garantire che il nostro cane abbia la migliore qualità di vita.

Questo articolo è puramente informativo, in milanospettacoli.com non abbiamo il potere di prescrivere trattamenti veterinari o fare qualsiasi tipo di diagnosi. Ti invitiamo a portare il tuo animale domestico dal veterinario nel caso in cui presenti qualsiasi tipo di condizione o disagio.

Se vuoi leggere altri articoli simili al cancro al seno nelle cagne - Sintomi e trattamento, ti consigliamo di andare alla nostra sezione Altri problemi di salute.

Raccomandato

Le città vicino ai laghi possono anche soffrire di tsunami
2019
Malattie più comuni nei cani boxer
2019
Quali sono le spore?
2019