Adattamento degli esseri viventi all'ambiente

Tutti gli esseri viventi devono adattarsi o avere alcune qualità che consentano loro di sopravvivere. Di fronte a improvvisi cambiamenti nell'ambiente, non tutte le specie hanno questa capacità e nel corso della storia dell'evoluzione molte sono state lasciate indietro e sono scomparse. Altri, nonostante la loro semplicità, sono riusciti a raggiungere i nostri giorni.

Ti sei mai chiesto perché ci sono così tante diverse specie di animali? In questo articolo di milanospettacoli.com parleremo degli adattamenti degli esseri viventi all'ambiente, dei tipi esistenti e mostreremo alcuni esempi.

Qual è l'adattamento degli esseri viventi all'ambiente?

L'adattamento degli esseri viventi all'ambiente è un insieme di processi fisiologici, caratteri morfologici o cambiamenti comportamentali che consentono la sopravvivenza degli esseri viventi in diversi ecosistemi. L'adattamento è uno dei motivi per cui esiste una grande varietà di forme di vita sul nostro pianeta.

Quando si verificano potenti cambiamenti nell'ambiente, quegli esseri meno generalisti che hanno bisogni molto specifici tendono a scomparire.

Tipi di adattamenti degli esseri viventi all'ambiente

Grazie all'adattamento, molte specie sono riuscite a sopravvivere nella storia del pianeta. Tutti gli esseri viventi sono intrinsecamente adattabili, ma molti di questi adattamenti si sono verificati in modo casuale, cioè l'apparizione o la scomparsa dei geni perché, ad esempio, alcuni individui non sono riusciti a sopravvivere, non perché non si sono adattati al loro ambiente, ma perché ogni catastrofe è stata in grado di far scomparire le sue tracce del pianeta. La comparsa di alcuni personaggi potrebbe essere avvenuta a causa della mutazione casuale di parte del suo genoma. I diversi tipi di adattamenti sono:

Adattamenti fisiologici

Questi adattamenti sono correlati ai cambiamenti nel metabolismo degli organismi. Alcuni organi iniziano a funzionare in modo diverso quando si verificano determinati cambiamenti nell'ambiente. I due adattamenti fisiologici più noti sono l' ibernazione e la stima .

In entrambi i casi, o quando la temperatura ambiente scende ben al di sotto di 0 ° C o ben al di sopra di 40 ° C, insieme a una bassa umidità relativa, alcuni esseri sono in grado di ridurre il loro metabolismo basale al punto da rimanere in uno stato di latenza per brevi o lunghi periodi di tempo, al fine di sopravvivere alle stagioni più devastanti del suo ecosistema.

Adattamenti morfologici

Sono strutture esterne di animali che consentono loro di adattarsi meglio al loro ambiente. Ad esempio, pinne di animali acquatici o pelo denso in animali che vivono in climi freddi. Ma i due adattamenti morfologici più attraenti sono la cripsi o il camuffamento e il mimetismo .

Gli animali criptici sono quelli che si mimetizzano perfettamente con il loro ambiente e sono quasi impossibili da rilevare in un paesaggio, come insetti stecco o insetti fogliari. D'altra parte, il mimetismo consiste nell'imitare l'aspetto di animali pericolosi, ad esempio le farfalle monarca sono estremamente velenose e non hanno molti predatori, la farfalla viceré ha lo stesso aspetto fisico senza essere velenosa, ma non sembra neanche il monarca saccheggiato.

Adattamenti comportamentali

Questi adattamenti portano gli animali a sviluppare determinati comportamenti che raggiungono la sopravvivenza dell'individuo o della specie. Fuggire da un predatore, nascondersi, cercare rifugio o cercare cibo nutriente sono esempi di adattamenti comportamentali, sebbene i due più caratteristici di questo tipo di adattamento siano la migrazione o il corteggiamento . La migrazione serve agli animali per fuggire dal loro ambiente quando le condizioni meteorologiche non sono ideali. Il corteggiamento è un insieme di modelli comportamentali che mirano a trovare un partner e riprodursi.

Esempi di adattamenti degli esseri viventi all'ambiente

Successivamente nomineremo alcuni adattamenti che rendono alcuni animali adatti all'ambiente in cui vivono:

Esempi di adattamento del territorio

I gusci d' uovo nei rettili e negli uccelli sono un esempio di adattamento all'ambiente terrestre, poiché previene l'essiccazione dell'embrione. I peli di mammiferi sono un altro adattamento all'ambiente terrestre in quanto servono a proteggere la pelle.

Esempi di adattamento all'ambiente acquatico

Le pinne dei pesci acquatici o dei mammiferi consentono loro di muoversi meglio in acqua. Allo stesso modo, le membrane interdigitali di anfibi e uccelli hanno lo stesso effetto.

Esempi di adattamento alla luce o alla sua assenza

Gli animali notturni hanno cellule oculari altamente sviluppate che permettono loro di vedere di notte. Gli animali che vivono sottoterra e non dipendono dalla luce per vedere spesso mancano del senso della vista.

Esempi di adattamento della temperatura

L' accumulo di grasso sotto la pelle è un adattamento ai climi freddi. Secondo la regola di Allen, gli animali che vivono in zone fredde hanno arti, orecchie, code o musi più corti rispetto agli animali che vivono in aree calde, poiché devono prevenire la dispersione di calore.

Tuttavia, gli animali che vivono in zone molto calde sono caratterizzati, ad esempio, da orecchie grandi che consentono loro una maggiore perdita di calore corporeo e, di conseguenza, un maggiore raffreddamento.

Se vuoi leggere altri articoli simili all'adattamento degli esseri viventi all'ambiente, ti consigliamo di entrare nella nostra sezione Curiosità del mondo animale.

bibliografia
  • Iturbe, U. (2010). Adattamenti e adattamento biologico, rivisto. eVOLUZIONE 5 (1): 5-12.
  • Burciaga-Hernández, LA (2016). Mezzi di adattamento degli esseri viventi. BIOZ (1) 1.

Raccomandato

Pioderma nei cani - Sintomi e trattamento
2019
Perché i cani mangiano le feci?
2019
Curiosità scientifiche sull'atmosfera
2019